28 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/05/2017, 08.54

    LAOS

    Critiche al governo. Tre lavoratori laotiani condannati a 12, 18 e 20 anni di carcere



    Avevano accusato le autorità di violazioni dei diritti umani. Rilasciate confessioni pubbliche in televisione. Nel 2014 emesso un decreto che vieta le critiche online al governo e al Partito. Gli utenti di internet costretti a usare il proprio nome per gli account.

    Vientiane (AsiaNews/Rfa) – Tre lavoratori laotiani, arrestati lo scorso anno per aver criticato il loro governo su Facebook mentre lavoravano in Thailandia, sono stati condannati a lunghi periodi di carcere. A riportarlo è il parente di uno dei tre, sollevando la condanna dei movimenti per i diritti umani, che chiedono la loro immediata liberazione.

    Familiari e amici hanno riferito che Somphone Phimmasone, 29 anni, la sua fidanzata Lod Thammavong, 30 e Soukane Chaithad, 32, sono scomparsi nel marzo 2016 dopo il loro ritorno in Laos per rinnovare i passaporti.

    Mentre lavoravano in Thailandia, i tre avevano criticato con durezza il governo del Laos su internet, accusandolo di violazioni dei diritti umani. In seguito i tre sono apparsi sulla televisione laotiana, rilasciando   confessioni pubbliche per quello che hanno definito l'errore di aver protestato contro le politiche del Paese.

    Un altro parente di uno dei lavoratori, ha raccontato di aver contattato di recente un funzionario del centro di detenzione, chiedendo l'autorizzazione per visitare il suo familiare. Durante il colloquio, gli è stato detto che i tre “sono stati condannati il mese scorso”. Il funzionario ha detto al parente che Lod Thammavong, Soukane Chaithad e Somphone Phimmasone sono stati condannati a 12, 18 e 20 anni di carcere ciascuno. Egli ha poi aggiunto che i tre erano stati trasferiti alla prigione di Xam Khe nella capitale Vientiane, la più grande struttura di detenzione del Paese.

    Nel 2014, il governo del Laos ha emesso un decreto che vieta la critica online al governo e al Partito rivoluzionario popolare del Laos (Lprp). La norma prevede rigide sanzioni per i fornitori di servizi Internet e utenti che violano i controlli governativi e richiede anche che i netizens utilizzino i loro nomi reali quando impostano i social media e altri account online.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/06/2016 12:13:00 LAOS
    Laos, arresti e confessioni pilotate per gli attivisti dei social network

    Il Partito mette in guardia “chiunque non sia attento” nel loro uso. Tre giovani arrestati sono ricomparsi in televisione chiedendo perdono per le proprie azioni. La Federazione internazionale per i diritti umani punta il dito sul divario fra le promesse di Vientiane e le sue violenze: “Chiediamo il rilascio immediato dei prigionieri”.

     



    13/10/2015 LAOS
    Vientiane cancella l’incontro delle Ong Asean
    Nel 2016 il Laos ospiterà il summit Asean. In programma c’era il convegno delle organizzazioni della società civile, che avrebbero parlato di diritto alla terra, diritti delle minoranze e sparizioni forzate. Comunicato delle Ong: “In Laos prevale la paura di parlare di temi sensibili”.

    09/12/2005 LAOS
    Il governo blocca un'ordinazione sacerdotale attesa 30 anni

    Nessuna spiegazione, ma militari intorno alla chiesa di Vientiane per verificare che il rito non avvenga.



    24/05/2006 LAOS
    Laos, il 16 giugno la prima ordinazione di un Oblato in 30 anni

    Fr. Sophone doveva essere ordinato già a dicembre scorso, ma le autorità all'ultimo momento avevano rimandato la cerimonia. Il 16 giugno diventerà il primo sacerdote Oblato ordinato nel Paese, dopo che nel 1975 il governo comunista espulse tutti i missionari stranieri.



    17/02/2006 CINA
    La censura cinese sui giornali: direttori cacciati e articoli di smentita

    Riapre il Bingdian Weekly, chiuso i suoi articoli di critica, ma sono stati trasferiti direttore e vicedirettore. Cacciati anche i responsabili di altri giornali, dopo la pubblicazione di articoli su problemi sociali e inefficienze pubbliche.





    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®