25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/06/2015, 00.00

    ASIA

    Crociere "per patrioti" e basi aeree congiunte, si rinsalda l’alleanza anti-Pechino nel mar Cinese meridionale



    Il governo vietnamita lancia una "crociera per patrioti", che prevede la circumnavigazione di isole contese con Pechino. Al prezzo di 800 dollari sarà possibile visitare le le Spratly ed effettuare una pesca notturna. Intanto le Filippine aprono al Giappone per l’uso delle basi militari. Tokyo potrebbe così contribuire al compito di pattugliamento dei mari in chiave anti-cinese.

    Manila (AsiaNews/Agenzie) - Il governo vietnamita ha lanciato una speciale "crociera per veri patrioti", che prevede la circumnavigazione di alcune fra le isole più contese nel mar Cinese meridionale. Una decisione che contribuisce a riscaldare le già agitate acque della zona e destinata ad inasprire ancor più i rapporti con Pechino. Al prezzo speciale di 800 dollari, verso fine mese un gruppo di 180 cittadini potrà visitare parte delle isole che compongono l’arcipelago delle Spratly, fare immersioni e pesca notturna, godere del pesce prelibato che popola quei mari. 

    La navigazione dovrebbe durate circa sei giorni e prevede la sosta in due atolli e altre due isolette delle Spratly, meglio note in Vietnam come Truong Sa, occupate per qualche tempo da Hanoi e tuttora al centro della controversia.

    “Andare alle Truong Sa… è il viaggio della vostra vita” recita uno slogan promozionale in auge nel Paese, perché consente di “far rivivere l’orgoglio nazionale e il senso di cittadinanza”. Il mare blu e profondo “resterà impresso nei vostri cuori”. 

    A dispetto dei legami fra i partiti comunisti di Cina e Vietnam e a fronte di un commercio bilaterale di almeno 60 miliardi di dollari all’anno, analisti ed esperti di politica internazionale concordano nell’evidenziare le crescenti divisioni fra Hanoi e Pechino. Una tensione esplosa in tutta la sua portata lo scorso anno e che ha riavvicinato il governo vietnamita agli Stati Uniti e alle Filippine. 

    Manila intanto sta per stringere una nuova alleanza con Tokyo, che prevede la concessione e l’uso di basi militari sul territorio filippino per aerei militari e navi da guerra giapponesi. I mezzi dell’esercito del Sol Levante potranno così rifornirsi di scorte e carburante, contribuendo all’opera di pattugliamento dello spazio aereo e dei mari, nella zona al centro della contesa con Pechino. 

    Il presidente filippino Benigno Aquino, in visita ufficiale a Tokyo, conferma che “abbiamo iniziato a discutere” con la controparte nipponica e che presto si potrebbe giungere all’accordo. Giappone e Stati Uniti potrebbero così dar vita a pattugliamenti congiunti del territorio, rispondendo in modo diretto alle politiche espansioniste della Cina e al progetto lanciato da Pechino che prevede la costruzione di isolette artificiali nei mari contesi. 

    Da tempo Hanoi e Manila - che per prima ha promosso una vertenza internazionale al tribunale Onu, che non ha valore vincolante - contrastano con crescente vigore "l'imperialismo" di Pechino nei mari meridionale e orientale. Il governo cinese rivendica una fetta consistente di oceano, che comprende le Spratly e le Paracel, isole contese da Vietnam, Taiwan, Filippine, Brunei e Malaysia (quasi l'85% dei territori).

    A sostenere i Paesi del Sud-Est asiatico vi sono anche gli Stati Uniti, che hanno giudicato "illegale" e "irrazionale" la cosiddetta "lingua di bue" usata da Pechino per marcare il territorio, fino a comprenderne quasi l'80% dei 3,5 milioni di kmq. Inoltre, nel mar Cinese orientale vi è un fronte di scontro aperto fra Cina e Giappone, che si contendono il controllo delle isole Senkaku/Diaoyu. Un fronte di scontro che ha riaperto il gioco delle alleanze e che ha determinato un crescente avvicinamento fra Tokyo e Manila. L’egemonia riveste un carattere strategico per lo sfruttamento di petrolio e gas naturale nel fondo marino, in un'area dell'Asia-Pacifico di elevato interesse economico e geopolitico.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/05/2015 FILIPPINE - GIAPPONE - CINA
    Mar Cinese, esercitazioni congiunte di Manila e Tokyo contro la pirateria (e Pechino)
    Le guardie costiere dei due Paesi hanno simulato l’assalto a un cargo, vittima di un dirottamento. Prime esercitazioni congiunte dalla firma nel 2012 di una partnership strategica; entro fine anno in programma altre tre. Giappone in soccorso ai Paesi del Sud-est asiatico in chiave anti-cinese.

    10/08/2016 12:58:00 VIETNAM - CINA - GIAPPONE
    Hanoi piazza un nuovo sistema difensivo sulle isole contese nel mar Cinese meridionale

    I missili potrebbero colpire postazioni e installazioni cinesi nella regione. Una risposta alla politica imperialista di Pechino nei mari. Per gli esperti aumenta il rischio di “militarizzazione” dell’area. Tensioni anche nel mar Cinese orientale fra Pechino e Tokyo. Il Giappone denuncia una serie di sconfinamenti di imbarcazioni cinesi. 



    11/08/2016 11:05:00 ASIA
    Asia-Pacifico, incidenti navali e militarizzazione degli atolli: cresce la tensione nei mari

    All’alba un peschereccio cinese è affondato in seguito a uno scontro con un cargo greco al largo delle Senkaku. Sei marinai tratti in salvo dalla guardia costiera nipponica. Di recente fino a 300 imbarcazioni cinesi avvistate nei pressi delle acque del Giappone. Washington conferma il sostegno a Tokyo in chiave anti-cinese. Pechino rafforza le istallazioni militari sugli atolli. 



    18/08/2016 08:58:00 CINA - ASEAN
    Manila favorevole a colloqui bilaterali con Pechino per risolvere le controversie nei mari

    Il presidente Duterte non intende sollevare le questioni territoriali nel mar Cinese meridionale durante il prossimo vertice Asean. Egli intende affrontare la questione “faccia a faccia”, evitando lo scontro aperto. Jakarta rilancia i progetti di sovranità ed è pronta a cambiare il nome delle acque a largo del Borneo. La richiesta verrà presentata a breve all’Onu. 



    27/01/2014 ASIA
    L’asse Tokyo-Delhi irrita Pechino, che allarga le mire nel Mar cinese meridionale e orientale
    Imbarcazioni cinesi hanno navigato attorno alle isole Senkaku/Diaoyu, al centro di una contesa col Giappone. Il premier nipponico in India per rafforzare la cooperazione economica e la collaborazione in chiave difensiva. Manovre della Marina cinese attorno alle James Shoal. Pechino guida una spedizione scientifica internazionale alla ricerca di petrolio e gas.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®