7 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/08/2009
CINA
Crolla la borsa cinese, i finanziatori si interrogano sulla solidità del sistema bancario
Shanghai ha perso oggi il 4,3%, il 20% in due settimane e analisti prevedono un ulteriore ribasso del 10%. I risparmiatori temono che il mondo bancario abbia alimentato una bolla speculativa pronta ad esplodere, con rischio di grave illiquidità dell’intero settore.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – E’ ormai una vera corsa al ribasso per la borsa cinese, con l’indice di Shanghai che ha chiuso oggi con -4,3% e ha perso il 20% in due settimane. Gravi contraccolpi per le principali borse asiatiche che, dopo una mattina tranquilla, sono andate in campo negativo quando nel pomeriggio è stata evidente la caduta di Shanghai.

Molti esperti ritengono che il calo sia conseguenza della crescente preoccupazione per la salute del mondo bancario cinese: le principali banche, di proprietà pubblica, a luglio hanno continuato a erogare una grande quantità di prestiti, con la dichiarata finalità di favorire la ripresa economica. Ma è sempre maggiore il dubbio che gran parte dei prestiti finiscano per alimentare pure speculazioni o siano di difficile recupero, con potenziali gravi perdite per le banche. Andy Xie, economista indipendente, già capo a Hong Kong della Morgan Stanley, prevede che Shanghai possa perdere nei prossimi giorni anche un altro 10%, quale conseguenza del previsto “restringimento dei finanziamenti.

Secondo Wei Jianing, vice direttore del Centro ricerca e sviluppo del Consiglio di Stato cinese, riportato dal China Business News, nei primi 5 mesi dell’anno sono stati investiti in azioni almeno 1.160mila miliardi di yuan di finanziamenti ottenuti dalle banche o altri istituti. Il dato potrebbe indicare la creazione di una vera bolla speculativa.

E’ un dato costante, per le economie in via di sviluppo che le banche concedono grandi finanziamenti con eccessiva facilità, con grande rischio di non poterli recuperare: rischio ancora maggiore in un’economia guidata dallo Stato anziché dal mercato. E’ notizia di questi giorni che la Banca Centrale di Nigeria ha pubblicato un elenco di oltre 200 clienti finanziati dalle banche che appaiono insolventi, tra cui numerosi enti e ditte pubblici, per una perdita potenziale di 2,6 miliardi di dollari. Con grave rischio di illiquidità per le banche erogatrici. (Sul problema generale si veda l’articolo di Maurizio D’Orlando, Da Dubai e Arabia saudita i segni di una nuova bufera finanziaria a settembre, AsiaNews del 1° giugno 2009).

Molti analisti invitano a un cauto ottimismo e parlano di un semplice assestamento, seppure non ritengano siano finito. Ma appare evidente che gli investitori sono anche perplessi sull’affermata ripresa dell’economia cinese e temono che i risultati positivi dichiarati dalle autorità cinesi per il secondo trimestre 2009 (una crescita del 7,9%) siano collegati soprattutto ai robusti finanziamenti decisi da Pechino per 4mila miliardi di yuan (circa 400 miliardi di euro). Anche perché non appare esserci grande ripresa nelle esportazioni, che trainano l’economia cinese.

Ora tutti attendono un intervento significativo del governo cinese a tutela degli investimenti azionari, come Pechino più volte ha fatto in periodi di difficoltà del mercato.

Il risultato negativo di Shanghai ha trascinato in basso anche le altre borse asiatiche, che hanno aperto in modo tranquillo ma sono scese nel pomeriggio. La borsa di Hong Kong è scesa dell’1,7%, quella Seoul ha perso lo 0,28%, quella di Tokyo lo 0,8%, mentre la borsa di Mumbai ha perso l’1% nelle prime ore. A Hong Kong hanno perso molte grandi banche cinesi: -1,2% per la Banca delle Comunicazioni, 5° maggiore banca; -1,9% per la China Construction Bank, seconda maggior erogatrice di finanziamenti, e -2,1% per la centrale Banca di Cina.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
30/05/2012 CINA - HONG KONG
Scendono le borse: Pechino esclude un nuovo pacchetto di stimoli all'economia
12/10/2011 CINA
Pechino compra azioni delle “sue” banche, per sostenerle
17/08/2009 CINA
Perdite pesanti per le borse cinesi, in calo anche gli investimenti esteri
13/03/2009 ASIA
Volano le borse di Tokyo e Hong Kong, ferma Shanghai
28/02/2007 CINA
In ripresa la borsa cinese dopo il martedì nero

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate