23 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/04/2017, 08.57

    YEMEN

    Da Sana’a a Hodeida, yemeniti in marcia per rimuovere le restrizioni agli aiuti umanitari



    Un percorso lungo 225 km. L’obiettivo è far diventare Hodeida una “zona umanitaria” e aprire una inchiesta internazionale sui crimini di guerra. Secondo i promotori è una manifestazione priva di carattere “politico”. Il ministro Usa della Difesa, in visita a Riyadh, accusa: gli Houthi “sul modello” di Hezbollah. 

     

    Sana’a (AsiaNews/Agenzie) - Un gruppo di manifestanti yemeniti ha promosso ieri una marcia, partita dalla capitale Sana’a e lunga 225 km, per chiedere l’invio senza restrizioni di aiuti umanitari in un Paese sconvolto da oltre due anni di una sanguinosa guerra. I partecipanti alla “protesta per il pane” vogliono giungere fino alla città portuale di Hodeida, sul mar Rosso, anch’essa come la capitale controllata dagli Houthi e principale punto di ingresso degli aiuti nei territori ribelli. 

    La coalizione a guida saudita che combatte nel Paese arabo contro il movimento sciita (filo-iraniano) ha lanciato a inizio anno una offensiva, per riprendere il possesso di tutta la costa yemenita che affaccia sul mar Rosso, inclusa Hodeida. 

    Una trentina di dimostranti stanno marciando lungo il percorso che separa Sana’a dalla città portuale, per chiedere che l’area sia dichiarata “zona umanitaria”. “Abbiamo organizzato questa marcia - spiega Mahioub Hussam, uno dei manifestanti - per non essere privati dei nostri mezzi di sopravvivenza, e per impedire la cattura di Hodeida” da parte delle forze filo-governative. Si tratta di una manifestazione “umanitaria, non politica” aggiunge Ezzedine Essoufi, del comitato organizzativo. 

    Ieri decine di persone si sono date appuntamento davanti al quartier generale delle Nazioni Unite a Sana’a, per assistere alla partenza dei manifestanti. La marcia dovrebbe durare circa sei giorni. I promotori chiedono, oltre alla consegna di aiuti, la riapertura dell’aeroporto della capitale e un'inchiesta internazionale sui crimini di guerra. 

    Dal gennaio 2015 la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto interno che vede opposte la leadership sunnita dell’ex presidente Hadi, sostenuta da Riyadh, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran. Nel marzo 2015 una coalizione araba a guida saudita ha promosso raid contro i ribelli, finiti nel mirino delle Nazioni Unite per le vittime che hanno provocato, anche bambini.

    Ad oggi sono morte oltre 7.700 persone, più di 39mila i feriti e tre milioni gli sfollati.

    Per l’Arabia Saudita gli Houthi, alleati alle forze fedeli all’ex presidente Ali Abdullah Saleh, sono sostenuti sul piano militare dall’Iran; un’accusa che Teheran respinge. Nel Paese sono inoltre attivi gruppi estremisti legati ad al Qaeda e milizie jihadiste legate allo Stato islamico, che hanno contribuito ad aumentare la spirale di violenza e terrore.

    Intanto di guerra in Yemen si è parlato anche ieri durante l’incontro fra il ministro Usa della Difesa Jim Mattis e le più alte cariche politiche e istituzionali del regno saudita. In visita ufficiale a Riyadh con l’obiettivo di rafforzare le relazioni fra Stati Uniti e Arabia Saudita, in crisi nell’ultimo periodo della precedente amministrazione Obama, il capo del Pentagono ha lanciato un avvertimento all’Iran.

    Secondo gli Usa Teheran starebbe manovrando per creare in Yemen una milizia “sul modello” di Hezbollah in Libano. L’esercito americano starebbe infatti osservando da vicino le attività degli Houthi lungo lo stretto di Bab al-Mandab, un’area strategica che unisce il mar Rosso con l’Oceano Indiano e rotta di commercio internazionale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/03/2017 08:57:00 YEMEN
    Aden, decine di migliaia di persone in piazza per chiedere la fine della guerra

    La manifestazione promossa dagli Houthi, che occupano la capitale e ampie zone del nord del Paese. Presente anche l’ex presidente Saleh. Egli ha invitato la folla alla resistenza. Un dimostrante: “In piazza contro l’aggressione saudita”. Un tribunale penale vicino al movimento ribelle sciita condanna a morte in absentia Hadi. 

     



    17/02/2017 10:34:00 YEMEN - GOLFO
    Yemen, la lotta all’egemonia fra Arabia Saudita ed Emirati fonte di morte e distruzione

    Dalla provincia di Aden a quella meridionale di Taez si intensificano i combattimenti fra fazioni saudite e rivali sostenute dagli Emirati. Alleati sulla carta contro i ribelli sciiti Houthi, in realtà stanno consumando una lotta sanguinosa sulla pelle dei civili. Il desiderio di indipendenza della popolazione, pronta a lottare contro ogni invasore.

     



    21/04/2016 08:50:00 YEMEN-ARABIA SAUDITA
    Kuwait, al via i dialoghi di pace yemeniti

    Dovevano avere luogo quattro giorni fa. Sono stati rimandati per la rottura della tregua. I dialoghi sono sponsorizzati dall’Onu. In oltre un anno di conflitto vi sono stati 6400 morti e quasi 3 milioni di sfollati. La presenza di Al Qaeda e Daesh “alleati” della coalizione saudita. Le suore di Madre Teresa e il rapimento di p. Tom Uzhunnalil.



    21/01/2015 YEMEN
    Sanaa nel caos, i ribelli sciiti attaccano il palazzo presidenziale. Condanna dell'Onu
    Il leader ribelle Abdel Malek al-Houthi parla di fase “critica” del Paese e accusa il presidente Hadi di mettere i propri interessi davanti al bene della popolazione. Ieri violata la fragile tregua, con l’attacco alla residenza del capo dello Stato. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite conferma il sostegno ad Hadi, autorità “legittima” del Paese.

    13/05/2016 11:10:00 YEMEN
    Yemen verso la spartizione: si procede alla pulizia etnica-geografica

    Migliaia di persone del Nord, che vivono nel Sud del Paese, sono cacciate dalle loro case. Si terrorizza la popolazione con perquisizioni, licenziamenti, impiccagioni da parte dei comitati di sicurezza e dalle truppe saudite alleate.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®