08/05/2020, 11.00
LIBANO
Invia ad un amico

Da cristiani e musulmani risposte positive all’Alto comitato per la fratellanza umana

di Fady Noun

Diciassette organizzazioni, movimenti e associazioni religiose cristiane e musulmane hanno risposto positivamente all'appello. Tuttavia, gli organi rappresentativi ufficiali delle Chiese orientali in Libano e delle comunità musulmane non hanno ancora risposto alla chiamata.

Beirut (AsiaNews) - Diciassette organizzazioni, movimenti e associazioni religiose cristiane e musulmane hanno risposto positivamente all'appello lanciato ieri dall'Alto comitato per la fratellanza umana e accolto dall'Imam di al-Azhar, Ahmad al-Tayyeb e papa Francesco, a favore di una Giornata di preghiera, il 14 maggio, affinché Dio allontani la pandemia di coronavirus dal pianeta e ispiri gli scienziati a trovare una cura.

All'inizio di questa settimana, il Capo dello Stato ha accolto con favore questa iniziativa, della quale il Nunzio gli aveva parlato, riferendo allo stesso tempo "la vicinanza del Papa" in questi tempi decisivi per il Libano e i libanesi.

L'adesione di diciassette istituzioni musulmane e cristiane è un vero exploit. Ciò è particolarmente vero quando vediamo nella lista le Makassed, istituzioni centrali della comunità sunnita, il "Religions and Cultures Forum for Development and Dialogue" dello sceicco Ali Fadlallah e la "Imam Sadr Foundation ", due istituzioni centrali della comunità sciita, distinte dal movimento politico di Hezbollah. La loro presenza fianco a fianco, in un momento critico nei rapporti politici di potere tra le due comunità, è della massima importanza, in quanto si riversa in una dinamica di pace.

Tuttavia, gli organi rappresentativi ufficiali delle Chiese orientali in Libano e delle comunità musulmane non hanno ancora risposto alla chiamata. Un appello del Comitato nazionale per il dialogo islamo-cristiano presieduto da Mohammad Sammak e Harès Chehab è atteso nei prossimi giorni, secondo fonti informate.

Creato dopo l'incontro del 4 febbraio 2019, ad Abu Dhabi, tra Papa Francesco e Imam Ahmad el-Tayyeb (nella foto), l'Alto comitato per la fratellanza umana afferma che questa iniziativa è intesa come una supplica a Dio "in modo che Salva l'umanità e aiuta a porre fine a questa pandemia e a ripristinare sicurezza, stabilità, salute e prosperità in modo da rendere il nostro mondo, dopo la fine di questa pandemia, più umano e più fraterno di anteriore. "

Ecco il comunicato congiunto pubblicato ieri dalle 17 istituzioni: "In risposta all'iniziativa dell'Alto Comitato per la Fratellanza Umana lanciata sotto gli auspici di Papa Francesco e dell'Imam di Al-Azhar, Ahmad al-Tayyeb, che ha invitato tutte le persone in tutto il mondo a rivolgersi individualmente a Dio in preghiera, digiuno, supplica e buone opere, giovedì 14 maggio 2020, ciascuna secondo la propria fede religiosa, credo e riti, in modo che Dio allontani  l'epidemia di coronavirus che minaccia la vita di milioni di persone, ci aiuti a combattere questo flagello e ispira gli scienziati a trovare una cura, e che salvi il mondo dalle conseguenze sanitarie, economiche e umane disastrose di questa pericolosa epidemia;

"E come espressione della nostra unità nazionale, della nostra responsabilità sociale e religiosa e come segno della nostra solidarietà umana fraterna universale, specialmente in queste difficili circostanze che il Libano sta attraversando, avendo in molti perduto i mezzi di una dignitosa sussistenza quotidiana, la popolazione ha sofferto a causa di difficoltà economiche e finanziarie e della fame,

“Noi e le nostre istituzioni invitiamo i libanesi e tutte le persone a rispondere a questo nobile invito attraverso:

Solidarietà spirituale

“In primo luogo: il digiuno di giovedì 14 maggio, come espressione della nostra solidarietà spirituale trans-comunitaria, sapendo che assume un significato speciale poiché siamo ancora nel mese benedetto del Ramadan.

"Secondo: preghiera e supplica, ciascuno a modo suo e secondo i suoi rituali, in modo che Dio preservi l'umanità e ci aiuti a superare questa pandemia, e aiuti i nostri concittadini e coloro che vivono su questa terra a mostrare solidarietà e condividere i loro beni, in modo che nessuno perda la propria dignità o la propria vita, per puro bisogno materiale e che il nostro mondo sia più umano e più fraterno. In Nostra Signora, la Vergine Maria, abbiamo, in questo mese mariano di maggio, un modello insuperabile di ricorso a Dio e fiducia nella sua provvidenza.

"Terzo: la moltiplicazione dei nostri sforzi individuali e istituzionali per aiutare i bisognosi e assicurare loro ciò che è necessario, iniziando a dare a ciascuno il valore di ciò di cui ci si è privati, alle persone vicino a lui che sono in maggiore bisogno e invitando tutti - secondo le proprie possibilità - a sostenere iniziative umanitarie senza discriminazioni, perché il nostro senso di fratellanza umana ci impedisce di rimanere indifferenti quando, in mezzo a noi, vivono persone affamate o sono nel bisogno”.

"Questo appello sarà seguito, fino al 14 maggio, da iniziative che saranno annunciate a tempo debito e da campagne mediatiche per incoraggiare la partecipazione a questa attività e rafforzare il senso di solidarietà e fratellanza tra tutti. Chiediamo inoltre a tutti i media di collaborare alla diffusione di queste informazioni prima della data indicata e di evidenziarne i significati umani e spirituali dedicandovi programmi specifici il giorno 14 maggio 2020.

“Chiediamo a Dio Onnipotente di accettare il nostro digiuno, le nostre preghiere e le nostre buone azioni”.

“Le istituzioni che partecipano a questo invito sono: il Consiglio delle Chiese del Medio Oriente; il Forum delle religioni e delle culture per il dialogo e lo sviluppo; l'Associazione islamica Al-Makassed; le istituzioni dell'Imam Moussa Sadr; la Fondazione Druze Al-Ourfan; l'incontro islamo-cristiano attorno a Notre-Dame Marie; la Fondazione Adyan; Forum pour le développement, la culture et le dialogue ; Darb Mariam ; Associazione Filet de sécurité pour la paix civile ; l’Institut d'études du Moyen-Orient”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Faisalabad, musulmani, cristiani e sikh pregano con il papa per la fine della pandemia
15/05/2020 11:37
Leader indonesiani: preghiamo insieme al papa per sconfiggere il coronavirus
11/05/2020 14:36
Ortodossi e musulmani russi pregano con papa Francesco per la fine della pandemia
15/05/2020 08:31
​La preghiera del 14 maggio risponde alla vocazione storica del Libano
11/05/2020 12:16
​Papa: oggi il mondo chiede a Dio di fermare la pandemia
14/05/2020 09:11