14/03/2007, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Da un mese senza acqua potabile 80 mila contadini di Yixing

Gli abitanti dicono che “l’acqua ha iniziato a puzzare, i pesci a morire”, “non puoi lavarti perché fa pizzicare la pelle”. Si arricchiscono i venditori d’acqua. Le autorità locali dicono che ora tutto è tornato “normale”, ma gli abitanti rispondono che “è una bugia”. Nella contea ci sono 1.685 fabbriche chimiche.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Oltre 80 mila contadini nella municipalità di Yixing (Jiangsu) sono da un mese senza acqua potabile, per l’inquinamento chimico. La crisi è insorta mentre il premier Wen Jiabao parlava all’Assemblea nazionale del popolo della necessità di combattere l’inquinamento.

Il 15 febbraio l’acqua ha iniziato a puzzare e i pesci sono morti. Non è stato più possibile usare l’acqua per bere, cucinare e nemmeno per lavarsi “perché – racconta Weng Yufu, abitante di Xinjian, al South China Morning Post di Hong Kong -  l’acqua ci fa pizzicare la pelle”. Da allora gli abitanti dei villaggi Xinjian, Yangxiang, Jintan e Shiru comprano l’acqua a uno yuan al secchio. “Ma il segretario del Partito comunista della città – prosegue Weng – ci ha avvertiti di non bere quest’acqua solo dopo che i media hanno parlato del suo inquinamento”.

L’acqua proviene dai canali Beigan, Zhonggan e Xinfeng, affluenti del Grande Canale costruito 14 secoli fa. Dalla fine degli anni ’90 la qualità dell’acqua è peggiorata a causa delle centinaia di fabbriche sorte lungo il suo corso.

Ling Jing, supervisore del dipartimento per la protezione ambientale, dice che da giorni l’acqua “è tornata normale e potabile”.

“E’ una bugia” – protesta l’attivista Wu Lihong – Gli abitanti ancora comprano l’acqua potabile da una fabbrica… che ogni giorno pompa 80 tonnellate d’acqua per i commercianti”.

Secondo dati ufficiali in Cina sono inquinati il 90% dei fiumi e dei laghi. Oltre 320 milioni di contadini non hanno fonti d’acqua potabile e circa 190 milioni bevono acqua inquinata, che usano anche per irrigare i campi. Tra loro ci sono altissime percentuali di malati di cancro. La municipalità di Yixing alla fine del 2006 aveva 1.685 fabbriche chimiche che generano circa il 75% del reddito cittadino. Ma secondo esperti statali i problemi causati dall’inquinamento costano al Paese tra l’8 e il 13% del Prodotto interno lordo. (PB)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Contadini dello Shandong: coltivare e bere da un fiume nero come l’inchiostro
17/01/2007
Pechino nasconde i dati sull’inquinamento idrico per paura di “un panico totale”
10/09/2007
Severe misure contro l'inquinamento dei laghi invasi da alghe
13/07/2007
Il Fiume Giallo, culla della civiltà cinese, è “morto” per oltre il 60%
14/12/2006
Li Keqiang: Nel 2017 la Cina crescerà del 6,5%, fra incertezze interne ed esterne
06/03/2017 13:05