03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/03/2005, 00.00

    india

    Dal Mizoram cristiano bambù per le vittime dello tsunami



    Guwahati (AsiaNews/ICNS) – Gli abitanti del Mizoram - piccolo Stato dell'India nordorientale – hanno regalato tonnellate di bambù ai profughi dello tsunami per costruirsi nuove case.

    Nei giorni scorsi un treno merci carico di 90 mila canne di bambù è giunto nel Tamil Nadu: a portarlo il ministro delle Foreste Lalthangliana, che ha commentato il gesto facendo riferimento alle parole di Cristo riportate nel Vangelo di Matteo: "Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me".
    Il Mizoram – uno degli Stati più piccoli dell'India, 891 mila abitanti – vanta una popolazione in larga parte cristiana (85%); il maggior gruppo etnico sono i tribali Mizo.

    Il dono del bambù ha interessato varie fasce dei cittadini del Minoram: i membri dell'Associazione giovanile locale hanno gestito la raccolta delle canne tra la gente; vari dipartimenti statali hanno fornito camion gratuiti per portare il bambù alla stazione; le Ferrovie del Nordest dell'India hanno garantito il treno merci gratuito fino al Tamil Nadu. Infine, alcuni artigiani Mizo hanno partecipato alla consegna della merce agli sfollati del maremoto per insegnare loro le tecniche di costruire un alloggio con il bambù.

    Le autorità del Mizoram hanno promesso di inviare altro bambù nelle isole Andamane e Nicobare.

    La Banca mondiale, intanto, ha stimato in 1.2 miliardi di dollari le perdite economiche in India a causa del maremoto: il conto per i beni perduti e le infrastrutture danneggiate ammontano a 575 miliardi mentre le perdite produttive sono stimate in 450 miliardi. Il Tamil Nadu è lo Stato più colpito, con danni per 868 milioni di dollari. (LF)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/12/2004 india
    Tamil Nadu: È urgente ricostruire, mentre il mare rigetta i morti dello tsunami
    P. Stanley, della parrocchia di Nostra Signora della Presentazione, è responsabile degli aiuti per i villaggi dei pescatori a Colachel, la punta estrema dell'India del sud.

    11/05/2005 INDIA
    Diocesi di Pondicherry-Cuddalore, 76 barche tornano in mare dopo lo tsunami

    Nel Tamil Nadu l'impegno della Chiesa per  la ricostruzione. Mons. Augustine: "Fiducia e speranza alle vittime, la missione più importante". Servono anche case permanenti, ma il governo locale ancora non assegna i permessi di edificazione e i monsoni si avvicinano.



    07/01/2005 INDIA
    Discriminazioni di casta e religiose negli aiuti governativi in Tamil Nadu

    Leader cristiani: il governo vuole prendersi tutti i meriti dei soccorsi. La polizia dirotta i camion di aiuti per il santuario di Vailankanni. Per 2 giorni sacerdoti locali hanno chiesto in vano al governo scavatrici per salvare i superstiti. Per la prima settimana la chiesa ha lavorato da sola. Dalit non accettati nei campi d'accoglienza.



    07/01/2005 INDIA
    Tsunami: cristiani, musulmani, indù assaliti dal cinismo

    La domanda "Perchè Dio ci ha fatto questo?" è la più comune. Sacerdoti e religiose lavorano alla ricostruzione e al riconoscimento dei cadaveri:"senza la preghiera si perde il vero significato della vita". 



    14/01/2005 INDIA
    India, sono i pescatori ad aver sofferto di più per lo tsunami

    Un religioso accusa il governo responsabile del disastro e chiede maggiore collaborazione per aiutare i pescatori a riprendere il lavoro.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®