30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/01/2004, 00.00

    hong kong

    Dal massacro di Tiananmen la Cina non è cambiata



    Hong Kong (AsiaNews) - Wu'er Kaixi, uno dei più noti attivisti del movimento del 1989, ha parlato ieri al Foreign Correspondents' Club di Hong Kong alla presenza di un centinaio di giornalisti, durante il suo soggiorno in città iniziato sabato scorso. L'ex studente non può tornare in Cina perché è nella lista dei criminali ricercati da Pechino per aver partecipato alle manifestazioni studentesche. Per questo, ha ringraziato le autorità di Hong Kong per avergli concesso di partecipare ai funerali della cantante pop Anita Mui Yim-fong, che al tempo aveva sostenuto le proteste studentesche. Wu'er Kaixi ha mostrato apprezzamento per gli sforzi che i cittadini di Hong Kong compiono per combattere per la democrazia con le "armi" della democrazia, dopo il passaggio alla Cina nel 1997. Wu'er Kaixi li invita a non "abbassare la guardia", in un momento in cui la libertà è messa seriamente in pericolo e sempre maggiore è l'urgenza di difenderla. Secondo l'ex studente, che attualmente vive in esilio a Taiwan con la sua famiglia, niente è cambiato nella leadership cinese durante i quindici anni successivi alle tragiche vicende del giugno 1989. In Cina, sostiene Wu'er Kaixi, a dispetto delle aperture e dei progressi in campo economico, vige ancora oggi un regime totalitario di intolleranza e persecuzione delle idee democratiche. Tale dittatura è dimostrata dal tentativo di imporre a Hong Kong l'articolo 23 (che comporterebbe gravi limitazioni e restrizioni alle libertà fondamentali); dalle minacce di risposta militare alle richieste di indipendenza di Taiwan; dal divieto di ritorno in patria per  i dissidenti. (MR)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/01/2005 cina - hong kong
    Morte di Zhao: poco risalto sui media

    Il governo difende il massacro di Tiananmen. Negato al parlamento di Hong Kong un minuto di silenzio per la morte dell'ex leader.



    18/07/2008 HONG KONG – CINA
    A Hong Kong bandite le bandiere tibetane durante le gare di equitazione
    Nella penisola non saranno ammessi simboli o manifestazioni che possano turbare il regolare svolgimenti delle Olimpiadi. Per la “sicurezza” dei giochi sono stati attivati oltre 4mila poliziotti e 300 agenti speciali con il compito di reprimere qualsiasi protesta.

    10/12/2009 HONG KONG – CINA
    Hong Kong, la Cina soffoca gli avvocati in favore diritti umani
    Il volume in lingua inglese edito da China’s Human Rights Lawyers’ Concern Group descrive: il lavoro dei legali, la repressione del governo, la biografia di attivisti di primo piano e gli atti dei processi. La “spada” a difesa della legalità e lo “scudo” per difendersi dalle persecuzioni. Nel gennaio 2010 uscirà la versione in lingua cinese.

    16/11/2004 HONG KONG – CINA
    Governo cinese: il referendum è una minaccia per la nazione

    Proteste del partito democratico che chiede il suffragio universale. Secondo mons. Zen il referendum non mina i rapporti fra Hong Kong e Pechino.



    07/02/2015 CINA - HONG KONG
    Guizhou: polizia contro attivisti, in piazza per il rilascio di un poeta vicino a Occupy Central
    Nel mirino i membri del gruppo (fuorilegge) Guizhou Human Rights Forum, che hanno promosso una raccolta fondi per il poeta Wang Zang. Egli è in carcere dall’ottobre scorso, per aver solidarizzato col movimento democratico di Hong Kong. Le forze di sicurezza della provincia hanno operato fermi, perquisizioni e controlli.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®