01 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook

» 15/01/2004, 00.00

hong kong

Dal massacro di Tiananmen la Cina non è cambiata



Hong Kong (AsiaNews) - Wu'er Kaixi, uno dei più noti attivisti del movimento del 1989, ha parlato ieri al Foreign Correspondents' Club di Hong Kong alla presenza di un centinaio di giornalisti, durante il suo soggiorno in città iniziato sabato scorso. L'ex studente non può tornare in Cina perché è nella lista dei criminali ricercati da Pechino per aver partecipato alle manifestazioni studentesche. Per questo, ha ringraziato le autorità di Hong Kong per avergli concesso di partecipare ai funerali della cantante pop Anita Mui Yim-fong, che al tempo aveva sostenuto le proteste studentesche. Wu'er Kaixi ha mostrato apprezzamento per gli sforzi che i cittadini di Hong Kong compiono per combattere per la democrazia con le "armi" della democrazia, dopo il passaggio alla Cina nel 1997. Wu'er Kaixi li invita a non "abbassare la guardia", in un momento in cui la libertà è messa seriamente in pericolo e sempre maggiore è l'urgenza di difenderla. Secondo l'ex studente, che attualmente vive in esilio a Taiwan con la sua famiglia, niente è cambiato nella leadership cinese durante i quindici anni successivi alle tragiche vicende del giugno 1989. In Cina, sostiene Wu'er Kaixi, a dispetto delle aperture e dei progressi in campo economico, vige ancora oggi un regime totalitario di intolleranza e persecuzione delle idee democratiche. Tale dittatura è dimostrata dal tentativo di imporre a Hong Kong l'articolo 23 (che comporterebbe gravi limitazioni e restrizioni alle libertà fondamentali); dalle minacce di risposta militare alle richieste di indipendenza di Taiwan; dal divieto di ritorno in patria per  i dissidenti. (MR)

 

invia ad un amico Visualizza per la stampa










Vedi anche

18/01/2005 cina - hong kong
Morte di Zhao: poco risalto sui media

Il governo difende il massacro di Tiananmen. Negato al parlamento di Hong Kong un minuto di silenzio per la morte dell'ex leader.



18/07/2008 HONG KONG – CINA
A Hong Kong bandite le bandiere tibetane durante le gare di equitazione
Nella penisola non saranno ammessi simboli o manifestazioni che possano turbare il regolare svolgimenti delle Olimpiadi. Per la “sicurezza” dei giochi sono stati attivati oltre 4mila poliziotti e 300 agenti speciali con il compito di reprimere qualsiasi protesta.

10/12/2009 HONG KONG – CINA
Hong Kong, la Cina soffoca gli avvocati in favore diritti umani
Il volume in lingua inglese edito da China’s Human Rights Lawyers’ Concern Group descrive: il lavoro dei legali, la repressione del governo, la biografia di attivisti di primo piano e gli atti dei processi. La “spada” a difesa della legalità e lo “scudo” per difendersi dalle persecuzioni. Nel gennaio 2010 uscirà la versione in lingua cinese.

16/11/2004 HONG KONG – CINA
Governo cinese: il referendum è una minaccia per la nazione

Proteste del partito democratico che chiede il suffragio universale. Secondo mons. Zen il referendum non mina i rapporti fra Hong Kong e Pechino.



02/07/2016 11:49:00 HONG KONG - CINA
Hong Kong, decine di migliaia di persone alla marcia pacifica pro-democrazia

Nonostante i timori della vigilia non si sono registrati gravi episodi di violenza alla manifestazione del primo luglio. Da registrare solo scontri isolati e l’arresto di tre persone. I dimostranti hanno ricordato la “scomparsa” dei librai e criticato le politiche governative. Fra i democratici si discute l’efficacia della protesta; i giovani chiedono metodi “più eversivi”. 





2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®