5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/01/2004
hong kong
Dal massacro di Tiananmen la Cina non è cambiata

Hong Kong (AsiaNews) - Wu'er Kaixi, uno dei più noti attivisti del movimento del 1989, ha parlato ieri al Foreign Correspondents' Club di Hong Kong alla presenza di un centinaio di giornalisti, durante il suo soggiorno in città iniziato sabato scorso. L'ex studente non può tornare in Cina perché è nella lista dei criminali ricercati da Pechino per aver partecipato alle manifestazioni studentesche. Per questo, ha ringraziato le autorità di Hong Kong per avergli concesso di partecipare ai funerali della cantante pop Anita Mui Yim-fong, che al tempo aveva sostenuto le proteste studentesche. Wu'er Kaixi ha mostrato apprezzamento per gli sforzi che i cittadini di Hong Kong compiono per combattere per la democrazia con le "armi" della democrazia, dopo il passaggio alla Cina nel 1997. Wu'er Kaixi li invita a non "abbassare la guardia", in un momento in cui la libertà è messa seriamente in pericolo e sempre maggiore è l'urgenza di difenderla. Secondo l'ex studente, che attualmente vive in esilio a Taiwan con la sua famiglia, niente è cambiato nella leadership cinese durante i quindici anni successivi alle tragiche vicende del giugno 1989. In Cina, sostiene Wu'er Kaixi, a dispetto delle aperture e dei progressi in campo economico, vige ancora oggi un regime totalitario di intolleranza e persecuzione delle idee democratiche. Tale dittatura è dimostrata dal tentativo di imporre a Hong Kong l'articolo 23 (che comporterebbe gravi limitazioni e restrizioni alle libertà fondamentali); dalle minacce di risposta militare alle richieste di indipendenza di Taiwan; dal divieto di ritorno in patria per  i dissidenti. (MR)

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/01/2005 cina - hong kong
Morte di Zhao: poco risalto sui media
18/07/2008 HONG KONG – CINA
A Hong Kong bandite le bandiere tibetane durante le gare di equitazione
10/12/2009 HONG KONG – CINA
Hong Kong, la Cina soffoca gli avvocati in favore diritti umani
di Annie Lam
16/11/2004 HONG KONG – CINA
Governo cinese: il referendum è una minaccia per la nazione
07/02/2015 CINA - HONG KONG
Guizhou: polizia contro attivisti, in piazza per il rilascio di un poeta vicino a Occupy Central
Articoli del dossier
Cina – Dossier Tiananmen
Parla un testimone del massacro dell'89
CINA –Dossier Tiananmen
Scomparso il dottore che chiese al Partito di ripensare al suo "più grande errore"
CINA – DOSSIER TIANANMEN
Una madre: prima o poi li dovranno riabilitare
cina - DOSSIER TIANANMEN
Tiananmen: Pechino difende il massacro
CINA - DOSSIER TIANANMEN
L' eredità di Tiananmen
HONG KONG – CINA
Mons. Zen: il 4 giugno manifestiamo per la democrazia, senza l'odio nel cuore
CINA
Un attivista e un predicatore liberati prima del 4 giugno
HONG KONG – CINA
Oltre 5 mila manifestano per la democrazia e il 4 giugno
Cina
Studenti e dissidenti sotto controllo prima del 4 giugno
CINA
Dopo le accuse di Amnesty, Pechino lancia una campagna per i diritti umani
cina
Piazza Tiananmen: misure di emergenza per prevenire le proteste
cina - stati uniti
Pechino interrompe il dialogo con gli USA sui diritti umani
cina - unione europea
Il Parlamento Europeo blocca ancora la vendita di armi alla Cina

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate