30 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/03/2008, 00.00

    INDIA - TIBET – CINA

    Dalai Lama: non dimissioni, ma un passo indietro per la democrazia



    Kesang Takla, ministro degli Esteri del governo tibetano in esilio in India, spiega ad AsiaNews che le parole del leader buddista sono state male interpretate. Il Dalai Lama potrebbe compiere un passo indietro e rinunciare al potere temporale, ma non a quello spirituale, in cambio di un processo democratico in Tibet.
    Dharamsala (AsiaNews) – Il Dalai Lama “non intende dimettersi, ma è pronto a fare un passo indietro per la democrazia del Tibet”. Lo dice ad AsiaNews Kesang Takla, ministro degli Esteri del governo tibetano in esilio in India, che aggiunge: “I media occidentali hanno interpretato male le parole del nostro leader: quello che intendeva dire è che, se il problema è lui, è pronto a cedere il potere temporale in cambio di una reale democrazia nel Paese”.
     
    Il lama Geshe Gedun Tharchin, fondatore e direttore spirituale dell'Istituto Lamrim di cultura tibetana, oltre che docente all'Istituto di Studi orientali e africani di Roma, spiega: “Il Dalai Lama non può dimettersi. Il suo ruolo di guida spirituale è insito nella sua persona, lui è nato e morirà così. Quello che intendeva dire è che potrebbe recedere dalla guida del governo in esilio, ma soltanto se la Cina acconsente ad avviare un reale processo democratico in Tibet”.
     
    Il riferimento è al dialogo sino-tibetano, interrotto in maniera unilaterale da Pechino lo scorso anno. La Cina accusa il Dalai Lama di essere un pericoloso secessionista, ed ha dichiarato di “non voler avere più nulla a che fare con lui”. Il lama Geshe spiega che “in quest’ottica, il nostro leader potrebbe fare un passo indietro, ma niente di più. Inoltre, con quella frase voleva dire che lui non è un dittatore, e che la violenza dei tibetani lo ha molto colpito”.
     
    Nel frattempo, non si fermano gli attacchi del regime cinese al leader tibetano. Zhang Qingli, segretario del Partito comunista tibetano, ha definito il Dalai Lama “un mostro, un lupo con la faccia umana ed il cuore di un animale”, ed ha sottolineato: “Siamo nel corso di un duro e sanguinoso scontro con la cricca del Dalai Lama, una battaglia per la vita o per la morte contro un feroce nemico”.
     
    Nell’ambito di questa “feroce battaglia”, il governo locale ha ordinato l’arresto di centinaia di persone in tutto il Tibet. Secondo Pechino, 105 “rivoltosi” si sono consegnati “in maniera spontanea” alle autorità: inoltre, è stato nuovamente negato l’uso della forza contro i rivoltosi, che secondo la propaganda comunista “hanno ucciso innocenti civili”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/03/2008 TIBET – CINA
    Pechino attacca il Papa, che riceve la gratitudine del governo tibetano in esilio
    Il portavoce del ministero cinese degli Esteri risponde alla richiesta di pace lanciata ieri da Benedetto XVI: niente tolleranza per i criminali. Ad AsiaNews, il primo ministro tibetano esprime gratitudine ed apprezzamento per le parole del Pontefice.

    18/03/2008 TIBET – CINA
    Le foto del massacro tibetano
    Una serie di immagini che testimoniano la violenza del regime cinese contro i manifestanti che, in questi ultimi giorni, hanno chiesto a Pechino più libertà.

    18/03/2008 TIBET – CINA
    Attivista tibetano: se è colpa nostra, Pechino inviti osservatori internazionali
    Rispondendo al premier cinese Wen Jiabao – che ha accusato “la cricca del Dalai Lama” per gli scontri avvenuti nei giorni scorsi in Tibet – il direttore del Centro di ricerca parlamentare tibetano ricorda la campagna decennale di odio nei confronti del Tibet lanciata da Pechino ed accusa: la situazione peggiora di giorno in giorno, i poliziotti sparano a vista.

    15/03/2008 TIBET – CINA
    Carri armati a Lhasa, Pechino lancia un ultimatum ai tibetani
    Il governo cinese ha confermato la morte di 10 persone durante gli scontri degli ultimi giorni in Tibet, ma accusa i manifestanti della loro morte. Il governo in esilio parla di almeno 100 vittime; i tibetani in India riprendono la marcia per tornare a casa.

    14/03/2008 TIBET - CINA
    Dalai Lama “preoccupato” per la violenza in Tibet, frutto della repressione cinese
    Il leader spirituale del buddismo tibetano e capo del governo in esilio invita i manifestanti a non ricorrere alla violenza e chiede a Pechino di rispondere “con il dialogo” alle richieste di chi protesta. Secondo fonti non confermate, negli scontri sarebbero morte 10 persone.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®