24/03/2020, 11.30
CINA
Invia ad un amico

Dall’8 aprile riaprono le comunicazioni con Wuhan. Esclusi (o nascosti) i casi 'asintomatici'

di Wang Zhicheng

Secondo le statistiche ufficiali, nei giorni scorsi non si era registrato alcun caso positivo. Ma un gruppo per la prevenzione delle infezioni rivela che a Wuhan vi sono ogni giorno decine di casi asintomatici, che non vengono aggiunti nelle statistiche. Se calcolati, potrebbero far aumentare il numero di infetti per oltre il 50%. Al presente i casi positivi in Cina sono 81747.

Pechino (AsiaNews) – Il governo provinciale dell’Hubei ha dichiarato oggi che a partire dall’8 aprile prossimo la città di Wuhan riprenderà le comunicazioni e i trasporti con le altre città della provincia. Per altre città dell’Hubei l’isolamento sarà tolto da domani.

Wuhan, capitale dell’Hubei, è considerata l’epicentro della pandemia da coronavirus. Nei giorni scorsi e per quattro giorni consecutivi, in città non si era registrato alcun caso positivo. L’isolamento della città di 11 milioni di abitanti era stato varato il 23 gennaio scorso. Molte altre città della provincia e del Paese sono state poi messe in isolamento.

Al presente sembra che le nuove infezioni che si registrano in Cina siano per la quasi totalità “importate” da cinesi provenienti dall’estero. Nella giornata di ieri, la Commissione nazionale per la salute ha registrato 78 nuovi casi di infezione. Di questi, 74 sono “importati”; gli altri quattro sono stati registrati a Wuhan (uno) e da altre parti non specificate del Paese.

A conclusione della giornata di ieri, si registrano un totale di 81747 casi, compresi 356 a Hong Kong, 195 a Taiwan e 25 a Macao. Almeno 3283 persone sono morte specificamente di coronavirus. Fra queste si contano quattro a Hong Kong e due a Taiwan.

Alcune personalità dei gruppi di prevenzione dalle infezioni, intervistate da Caixin, hanno però scoperto che a Wuhan ogni giorno si scoprono “diversi e più di una dozzina di persone infette e asintomatiche”, ossia persone che sono positive al test del Covid-19, ma non si sentono male.

Queste persone però sono infettive e possono comunicare la malattia ad altri.

Secondo uno studio cino-americano diffuso agli inizi di marzo, i casi asintomatici potrebbero aumentare del 59% il calcolo dei casi positivi al coronavirus. Ma in febbraio, la Commissione nazionale per la salute ha stabilito che i casi positivi asintomatici non devono essere calcolati nel numero degli infetti e non devono essere comunicati.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Wuhan ritorna alla normalità. L’epidemia ‘importata’ dall’Italia
23/03/2020 08:59
‘Inappropriata’: la pubblica sicurezza di Wuhan si scusa con la famiglia di Li Wenliang
20/03/2020 13:07
Wuhan, solo 11 nuovi casi di infezione e sette morti
13/03/2020 08:34
È plausibile l’ipotesi del coronavirus originato da un laboratorio a Wuhan
13/03/2020 12:48
Scomparsa Ai Fen, la dottoressa che ha denunciato l’epidemia
03/04/2020 11:37