4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/06/2012
SIRIA
Damasco, attaccata una stazione televisiva pro-governo; tre morti
L'assalto è avvenuto a Drousha a 20 km a sud della capitale. Finora non vi sono rivendicazioni. Bashar al-Assad annuncia che la Siria è in stato di guerra. Riformato il gabinetto di governo. La priorità è combattere e sconfiggere i terroristi.

Damasco (AsiaNews/ Agenzie) - Un gruppo di uomini armati ha assaltato questa mattina la sede di Ikhbariya TV, televisione privata vicina al presidente Bashar Al-Assad,   situata a Druousha, circa 20 km a sud di Damasco. Nell'attacco sono state uccise tre persone. Un impiegato della stazione televisiva racconta che gli uomini hanno fatto irruzione nel complesso, prendendo in ostaggio alcune guardie e in seguito hanno fatto esplodere due edifici. Secondo la Sana, agenzia di stampa del regime, l'attacco è stato compiuto da non meglio identificati terroristi, ma finora nessun gruppo ha rivendicato l'attentato. Da giorni la periferia di Damasco è sconvolta dagli scontri fra ribelli e truppe di elite del regime siriano, che nel fine settimana hanno fatto oltre 40 morti, 116 in tutto il Paese.   

Le recenti tensioni fra Damasco e Ankara, dopo l'abbattimento lo scorso 22 giugno di un jet turco lungo le coste siriane, hanno fatto precipitare il conflitto fra ribelli sunniti e regime. Ieri, Recep Tayyip Erdogan, Premier turco, ha annunciato nuove regole di ingaggio per le forze armate lungo i 600 km di frontiera con la Siria. Egli ha avvertito l'ex alleato siriano che "d'ora in poi la Turchia risponderà con le armi a "qualsiasi violazione del confine". Tuttavia, il Premier turco in accordo con gli altri membri della Nato ha escluso l'ipotesi di un intervento armato. 

In risposta alle dichiarazioni di Erdogan, Bashar al-Assad ha affermato che "il Paese è in stato di guerra". Ieri egli ha riformato il gabinetto di governo, sottolineando che "ora tutti gli sforzi saranno utilizzati per combattere e sconfiggere i ribelli.

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/10/2013 SIRIA
Assad: "Solo i siriani decideranno il loro futuro". L'Opac distrugge gli impianti chimici
05/06/2012 SIRIA
I ribelli siriani per la "guerra totale". Assad espelle alcuni ambasciatori
18/05/2012 SIRIA - ONU
Ban ki-Moon: La mano di al-Qaeda dietro il duplice attentato di Damasco
26/08/2013 SIRIA - ONU
Siria, l'Onu lancia l'inchiesta sulle armi chimiche. La comunità internazionale si spacca
17/04/2012 SIRIA
Damasco, ribelli e regime violano il cessate il fuoco. Fallisce il piano di Kofi Annan

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate