27/03/2010, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Davao: 120 donne povere ritrovano dignità e lavoro

di Santosh Digal
La condizione di disoccupate rende spesso le donne delle bidonville oggetto di violenza da parte dei mariti. Attraverso corsi di formazione al lavoro e aiuto spirituale un gruppo di suore domenicane di Davo offre da anni un’alternativa a queste donne aiutandole a realizzare e vendere prodotti realizzati con materiale riciclato e a riguadagnare il rispetto di mariti e figli.

Manila (AsiaNews) – Nelle bidonville di Davao City  (Mindanao), 120 donne hanno ritrovato la loro dignità fabbricando con stracci: cuscini, tende e raccoglitori per foto. E questo grazie a un gruppo di suore domenicane e volontari cattolici dell’Associazione per la consapevolezza e difesa della donna (Asawa). Scopo dell’organizzazione è quello di tutelare donne e bambini dalle violenze familiari, rendendole autosufficienti.   

Alice Dolera, una delle 120 donne, racconta: “Diventare membro dell’Asawa mi ha dato un senso dignità e mi ha reso diversa davanti agli occhi della mia famiglia”. Alice è madre di 6 figli e per anni la sua famiglia ha vissuto solo con lo stipendio del marito, di professione tassista. Per la sua condizione di disoccupata la donna è stata per anni maltrattata dal marito e anche dai figli più grandi. “Prima di iniziare il mio lavoro – continua – l’unico stipendio di mio marito era tutto ciò che avevamo per vivere”. Vendendo i suoi prodotti, la donna guadagna ora circa 6 euro al giorno, e insieme allo stipendio del coniuge riesce a mandare i propri figli a scuola.    

“Nelle Filippine donne e uomini hanno uguali diritti - suor Annabella V. del Castillo, domenicana e direttrice dell’Asawa – ma questo non accade per le famiglie povere, dove le donne subiscono atroci violenze da parte degli uomini”.  La religiosa dirige l’organizzazione dal 2005 e in questi anni insieme a tre consorelle e 12 volontari ha sviluppato corsi di formazione al lavoro, programmi di sostegno psicologico e spirituale, che consentono alle donne, spesso poco più che ragazze, di essere autosufficienti e contribuire al sostegno della loro famiglia. L’Asawa, oltre a insegnare a queste donne un lavoro le aiuta nella vendita dei prodotti, a gestire le spese familiari e a prendersi cura dei figli più piccoli.  

Suor Annabella, afferma: “Con il nostro apostolato vogliamo aiutare una piccola parte delle donne povere e sfortunate della nostra società attraverso lo sviluppo della loro persona e delle comunità”. La religiosa aggiunge che “grazie al programma esse fanno esperienza della compassione e dell’amore di Dio e attraverso la fede nel Signore riusciranno a superare le difficoltà future”.    

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Davao: cooperative per liberare imprenditori e negozianti dagli usurai
29/03/2010
La Chiesa filippina prega per le vittime dell’attentato a Davao
03/09/2016 10:12
Filippine, la Chiesa condanna le violenze di Davao: Atti criminali e inaccettabili
04/04/2016 10:28
Papa ai giovani filippini: "Urgente bisogno di nuovi apostoli ancorati a Cristo"
10/11/2006
Non solo Malala: in Pakistan aumenta la discriminazione uomo-donna
28/10/2014