19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/01/2012, 00.00

    MYANMAR

    Decine di migliaia al primo comizio elettorale di Aung San Suu Kyi fuori Yangon



    La leader dell'opposizione in visita a Tavoy, cittadina della costa dove ha tenuto un incontro in vista del voto del primo aprile. La Nobel per la pace auspica un voto "libero e giusto" e invita la popolazione a vigilare perché non vi siano indebite pressioni. Slogan e canti acclamano la "Signora".
    Yangon (AsiaNews/Agenzie) - Decine di migliaia di persone hanno accolto la leader dell'opposizione Aung San Suu Kyi, nel primo appuntamento politico di carattere pubblico lontano da Yangon. Il comizio di ieri a Tavoy (Dawei), cittadina della costa a oltre 600 km dalla centro economico e finanziario del Myanmar, è parte della campagna promossa dalla Nobel per la pace, in vista del voto del primo aprile. I birmani andranno alle urne per la seconda tornata delle elezioni parlamentari, dove al momento restano vacanti 48 seggi lasciati liberi da funzionari che ricoprono ruoli ministeriali. Le strade erano letteralmente inondate di gente, che agitava bandiere e intonava balli e canti dedicati alla "Signora", icona della lotta democratica nel Paese.

    Rivolgendosi ai propri sostenitori, la leader della Nld ha sottolineato di aver "scelto il posto giusto" per iniziare il tour elettorale. Perché il voto sia "libero e giusto" è importante la partecipazione popolare, affinché "non vi siano voti di scambio o minacce". Nella visita di un giorno a Dawei, la 66enne Aung San Suu Kyi ha aggiunto di auspicare "maggiore stabilità" e la possibilità di creare "molte opportunità" di sviluppo. Intanto la folla scandiva a gran voce frasi di sostegno e slogan fra cui "lunga vita alla Signora".

    La possibilità concessa alla leader dell'opposizione democratica di concorrere per un seggio in Parlamento è solo l'ultima di una serie di riforme attuate dal nuovo governo birmano, retto per oltre 50 anni da una ferrea dittatura militare. L'esecutivo - pur legato e formato da molti ex generali e alti ufficiali dell'esercito - è salito al potere lo scorso anno, in seguito alle elezioni del novembre 2010 caratterizzate dall'assenza di Aung San Suu Kyi, la cui condanna agli arresti domiciliari si è conclusa nelle settimane successive al voto.

    Da quel momento il regime ha avviato una serie di riforme, fra cui il reintegro della Lega nazionale per la democrazia (Nld) nel panorama politico nazionale, il raggiungimento del cessate il fuoco con una parte dei gruppi etnici ribelli e il rilascio di diverse centinaia di prigionieri politici. Le nazioni occidentali considerano la possibilità di rimuovere le sanzioni economiche e commerciali che da oltre due decenni colpiscono il Myanmar. Il voto di aprile rappresenta un test importante per il governo birmano e un possibile sviluppo delle relazioni internazionali.

    Quello di ieri è stato il primo comizio elettorale di Aung San Suu Kyi lontano da Yangon; tuttavia la leader della Nld aveva già compiuto lo scorso anno un tour "politico" a Pegu, fra imponenti di misure di sicurezza nel timore di attentati. La "Signora" ha trascorso 15 degli ultimi 21 anni agli arresti per la sua lotta a favore della democrazia in Myanmar. Nel 2003, durante uno dei brevi momenti di libertà, un convoglio della Suu Kyi è rimasto vittima di un agguato, dietro il quale vi sarebbe la mano degli ex leader della giunta militare che volevano minarne la popolarità.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/01/2012 MYANMAR
    Yangon: centinaia di sostenitori alla candidatura ufficiale di Aung San Suu Kyi
    La leader dell’opposizione inserita nelle liste elettorali. Concorrerà per un seggio in Parlamento nel collegio elettorale di Kawhmu, a sud-ovest di Yangon, una delle zone più colpite dal ciclone Nargis del 2008. Una folla ha osservato le operazioni di rito, rendendo omaggio alla Nobel per la pace.

    31/03/2011 MYANMAR
    Sindacalista birmano: il governo civile "burattino" nelle mani dei militari
    U Maung Maung sottolinea che “non vi sono facce nuove”, in un Parlamento composto da militari ed ex uomini in divisa. Il neo-presidente “recita una parte assegnata”, non vi sarà “condivisione del potere”. Un invito alla comunità internazionale a non riconoscere il governo: “la dittatura si sta sgretolando, qualche colpo e crollerà”.

    30/03/2011 MYANMAR
    Than Shwe “scioglie” la giunta militare, Thein Sein presidente birmano
    Con il nuovo capo dello Stato, nominati i 30 ministri che compongono l’esecutivo. Messaggi di auguri da Corea del Nord, Cina e Iran. Incerto il ruolo che ricoprirà Than Shwe, per 20 anni padrone del Myanmar.

    13/12/2011 MYANMAR
    La Nld, partito di Aung San Suu Kyi, è di nuovo legale
    La Commissione elettorale ha autorizzato la registrazione del movimento, che parteciperà al voto del prossimo anno per completare la composizione del Parlamento. Per la Nobel per la pace previsto un seggio. Il movimento cambia il simbolo: un pavone in lotta e una stella bianca simbolo della rivoluzione.

    09/07/2012 MYANMAR
    Dopo 25 anni di lotta per la democrazia, primo discorso di Aung San Suu Kyi in parlamento
    La leader birmana promette "che farà del suo meglio per il Paese". Il debutto avviene dopo gli arresti arbitrari di studenti in occasione del 50mo anniversario del massacro all'Università di Yangon. Ad affiancare Aung San Suu Kyi in parlamento vi saranno 37 membri della Lega nazionale per la democrazia, eletti in aprile.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®