17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/12/2017, 11.47

    INDIA

    Delhi, fuori legge il ‘divorzio breve’ islamico



    La norma approvata ieri dalla Lok Sabha, ora l’ultima parola spetta alla Camera alta. Previste pene fino a tre anni di reclusione. Mons. Theodore Mascarenhas: “Sosteniamo i diritti e la dignità delle donne”. Ogni comunità religiosa “responsabile dei propri affari religiosi”.

    New Delhi (AsiaNews) – La Camera bassa del Parlamento indiano ha messo fuori legge il “divorzio breve” islamico (o “triplo talaq”). I parlamentari della Lok Sabha (o Camera del popolo) hanno anche stabilito che i mariti musulmani che dovessero infrangere la legge potranno essere puniti con la reclusione fino a tre anni. Ora l’ultima parola spetta alla Rajya Sabha (Consiglio degli Stati o Camera alta). La legge era attesa da numerose associazioni femminili islamiche, contrarie ad una pratica che lascia le mogli in balia dei propri mariti, che possono divorziare anche a distanza tramite il semplice invio di un sms. Ad AsiaNews mons. Theodore Mascarenhas, segretario generale della Conferenza episcopale indiana (Cbci), commenta: “La Chiesa cattolica sostiene e rispetta i diritti delle donne in tutto il mondo. Tutto ciò che lede la loro dignità e rispetto è da rifiutare”.

    La votazione si è svolta ieri, non senza recriminazioni da parte delle opposizioni, che lamentano un colpo di mano da parte del governo di Narendra Modi. Il premier infatti non avrebbe lasciato spazio alle discussioni in aula, forzando l’approvazione della norma.

    Mons. Mascarenhas sottolinea la questione del “metodo” per apportare dei cambiamenti all’interno di una comunità religiosa. “Ogni comunità deve essere capace di cambiarsi, trasformarsi e riformarsi da sé”. Secondo il vescovo, “nessuno è contro il cambiamento della legge, ma bisogna tenere conto delle posizioni delle comunità, discutere con loro”. Sulle modalità con cui si è espresso il voto, il segretario ribadisce che “le leggi vanno approvate da persone che conoscono il contesto. Quando si discutono leggi che riguardano gli affari religiosi di una comunità, si deve ricercare il più ampio consenso possibile”.

    In India il “divorzio breve” islamico è una questione molto delicata. Su di essa si è espressa ad agosto anche la Corte suprema, che ha definito la pratica “incostituzionale”, rimandando la risoluzione al dibattito parlamentare. I giudici hanno accolto le richieste di una petizione firmata da 50mila donne musulmane, che da tempo lamentano forti discriminazioni. 

    L’India è uno dei pochi Paesi al mondo in cui è ancora in vigore la legge islamica in tema di unioni. Più di 20 Paesi a maggioranza islamica – compresi Pakistan e il Bangladesh – hanno abolito la norma. Nel territorio dell’Unione vivono circa 170 milioni di musulmani, in gran parte sunniti, per i quali il diritto matrimoniale islamico è regolato dal Muslim Personal Law (Shariat) Application Act 1937, una legge approvata sotto il dominio coloniale britannico. Essa si applica in tema di matrimonio, divorzio, successione, eredità, proprietà personali delle donne. Approvata con l’intento di garantire il rispetto della tradizione culturale islamica, la legge consente di “giustificare” pratiche discriminatorie. Ai mariti è consentito divorziare dalle proprie mogli attraverso la semplice pronuncia della parola “talaq” (“ripudio”) ripetuta per tre volte anche in differenti occasioni. Le musulmane hanno denunciato un vero e proprio abuso del divorzio verbale, che spesso è attuato con l’invio di messaggi sul cellulare o per posta.

    Sulla legge approvata ieri, mons. Mascarenhas sostiene: “Questo non deve aprire le porte per interferire con le comunità. Non deve essere un primo passo per interferire negli affari religiosi di una comunità”. Il vescovo dichiara in conclusione: “Accogliamo questo cambiamento se esso aiuterà prima di tutto le donne e poi la religione musulmana”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/06/2016 13:45:00 INDIA
    India, 50mila musulmane sfidano il “divorzio breve” islamico

    Il matrimonio religioso è regolato da una norma del 1937, approvata sotto il regime coloniale. La legge si applica in tema di matrimonio, divorzio, eredità, proprietà. Le donne sono discriminate e vittime di sfruttamento. La Costituzione indiana “invita” ad uniformare i codici civili, ma la legislazione spetta al Parlamento.



    23/08/2017 13:09:00 INDIA
    Musulmane dell’India: il bando del ‘divorzio breve’, una vittoria solo a metà

    Ieri la Corte suprema ha sospeso la pratica e invitato il Parlamento a formulare una legge in materia. La nuova norma sul diritto matrimoniale islamico deve essere approvata entro sei mesi. Attivista: “Finalmente anche le donne musulmane potranno godere dei propri diritti”.



    22/02/2017 12:56:00 INDIA
    Kerala, facoltà cattolica di Giurisprudenza propone una modifica del codice civile

    A tema la discussione sull’uniformazione delle leggi in tema di matrimonio. Nel Paese tutte le comunità religiose seguono regole diverse. Le più contestate solo quelle che legittimano il divorzio breve islamico. “La Chiesa cattolica appoggia tutte le proposte che sostengono uguaglianza, fraternità e libertà”.



    17/06/2005 INDIA
    India, donna costretta a sposare il violentatore divide i musulmani
    Il Consiglio islamico di zona vuole che sposi il suocero che l'ha stuprta, ma secondo l'All India Muslim Personal Law Board: "Per la Sharia questa decisione è ingiusta".

    31/10/2012 INDIA
    Jammu e Kashmir: nel divorzio, il marito non ha potere assoluto
    Lo ha stabilito l’Alta corte dello Stato in merito a una causa matrimoniale. Secondo il tribunale, pronunciare tre volte il Talaq (formula islamica) è “l’ultima risorsa”, da usare solo dopo aver tentato altre vie di riconciliazione. Nel Jammu e Kashmir i casi pendenti sono quasi 2.500.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®