22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/11/2017, 16.02

    INDIA

    Delhi come una ‘camera a gas’: targhe alterne, scuole chiuse, costruzioni ferme



    La capitale indiana è sommersa da una folta coltre di smog. Il livello d’inquinamento è pari al fumo di 50 sigarette al giorno. Associazione di medici chiede la cancellazione della maratona del 19 novembre. Aziende locali distribuiscono mascherine ai dipendenti, al contrario di Coca-Cola e PepsiCo.

    New Delhi (AsiaNews/Agenzie) – Razionamento del traffico tramite le targhe alterne; chiusura delle scuole; blocco di tutti i cantieri e delle imprese di costruzioni; incentivi all’utilizzo dei mezzi pubblici. Sono alcune delle misure d’emergenza adottate a Delhi, la megalopoli da 16 milioni di abitanti sommersa da giorni da una folta coltre di smog. Manish Sisodia, vice chief minister della capitale, ha definito la qualità dell’aria “vicina al [livello] grave”. Esperti in campo medico sostengono che i livelli di inquinamento possono essere paragonati ad una “camera a gas”, o al pari del fumo di 50 sigarette al giorno.

    Secondo gli ultimi rilevamenti del Safar (System of Air Quality and Weather Forecasting And Research), i livelli di inquinamento sono elevatissimi: oggi alcune aree della città hanno toccato gli 820 microgrammi per metro cubo di PM10 e 517 microgrammi per metro cubo di PM2,5. Si tratta di tipi di particolato ultrasottile in grado in penetrare nel sistema respiratorio e danneggiare il flusso del sangue di animali ed esseri umani.

    Negli anni lo smog è aumentato in maniera repentina a causa della diffusione delle autovetture, in particolare quelle alimentate a diesel, delle attività di costruzione e dell’incendio dell’eccedenza del raccolto negli Stati confinati dell’Haryana e del Punjab. La mancanza di piogge nella stagione invernale ha aggravato la concentrazione di sostanze nocive.

    Per arginare l’inquinamento, oggi il National Green Tribunal (Ngt) ha imposto il blocco di tutti i cantieri, delle industrie e l’ingresso di camion che trasportano materiale edile fino al 14 novembre. Kailash Gahlot, ministro dei Trasporti della capitale, ha deciso di adottare il sistema delle targhe alterne per le auto private dal 13 al 17 novembre. Nel frattempo ieri il vice chief minister di Delhi ha ordinato la chiusura di tutti gli istituti scolastici – pubblici e privati – fino all’11 novembre. “Non possiamo mettere a repentaglio la salute dei bambini”, ha dichiarato, raccomandando a tutti i cittadini di evitare di camminare per strada.

    La Indian Medical Association ha lanciato un appello affinchè le autorità cancellino la maratona prevista per il 19 novembre. Alcune aziende locali – come la Paytm, la compagnia informatica HCL e l’agenzia di viaggi MakeMyTrip – hanno distribuito mascherine ai dipendenti, o concesso loro dei permessi dal lavoro nelle ore più inquinate (mattina e sera). Altre aziende, come PepsiCo e Coca-Cola, non ritengono sia necessario proteggere i lavoratori, dato che nelle fabbriche esistono “impianti di purificazione dell’aria migliori delle condizioni esterne”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/11/2016 15:13:00 INDIA
    Chiuse 1800 scuole per l’inquinamento che soffoca Delhi

    Dopo il Diwali il tasso d’inquinamento di Delhi ha raggiunto il punto più critico degli ultimi 17 anni. Il 2 ottobre l’India ha ratificato l’Accordo di Parigi sul clima, ma non sembra essersi attivata per rispettarlo.



    14/02/2017 09:12:00 PAKISTAN
    Attentato a Lahore: sale a 13 il bilancio delle vittime. L’arcidiocesi chiude scuole e cattedrale

    Un kamikaze si è fatto esplodere di fronte alla Punjab Assembly. L’attacco è stato rivendicato dallo Jamat-ul-Ahrar, una fazione del Tehreek-i-Taliban Pakistan. È lo stesso gruppo estremista che lo scorso anno ha colpito un raduno di cristiani durante i festeggiamenti per la Pasqua. Arcivescovo prega per le famiglie delle vittime e i feriti.



    14/12/2004 INDIA
    Scuole cattoliche per frenare la crisi morale della società

    Più di 3000 ragazze studiano nei collegi cattolici di New Delhi e il 90% delle iscritte non sono cristiane. Le famiglie scelgono le scuole cattoliche per dare una solida educazione morale alle figlie.



    09/12/2015 FRANCIA – ONU
    COP21, India e Cina unite: i Paesi sviluppati abbiano responsabilità maggiori
    Oggi a Parigi viene presentata la prima bozza dell’accordo sul cambiamento climatico. I Paesi Basic (India, Cina, Sudafrica e Brasile) chiedono più oneri per i Paesi ricchi. Ministro Ambiente indiano: “Ogni nostra azione dipende da finanziamenti e tecnologie del mondo sviluppato. Chi ha dovrebbe dare a chi non ha”. Da due giorni è allarme rosso per lo smog a Pechino: chiuse le scuole e vietate le auto.

    08/04/2015 INDIA
    Inquinamento in India: il governo riduce i controlli sulle industrie
    Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) New Delhi è la capitale più inquinata al mondo e ogni anno 627mila persone muoiono per malattie legate ai livelli di tossicità dell’aria. Il governo lancia un Indice di qualità dell’aria. Da annuale, il monitoraggio delle fabbriche più inquinanti diventa quinquennale.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®