25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/01/2016, 00.00

    CINA

    Demolita la gigantesca statua d’oro di Mao



    La decisione sarebbe stata presa per “mancanza di autorizzazioni”. Alta oltre 36 metri e inaugurata a dicembre, aveva suscitato opposte reazioni.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - E’ stata demolita, sembra per “mancanza di autorizzazioni”, la gigantesca statua dorata di Mao Zedong (nella foto) che era stata eretta nello Henan.

    A quanto riferiscono i media statali, la gigantesca immagine, alta 36,6 metri, era stata realizzata per iniziativa di alcuno uomini d’affari e di alcune comunità rurali, che allo scopo avevano raccolto 3 milioni di yuan (circa 459mila dollari).

    Realizzata in acciaio e cemento e dipinta d'oro, la statua, che era stata completato nel mese di dicembre, aveva immediatamente suscitato reazioni opposte. Su Weibo, principale social media cinese, erano infatti apparsi commenti che la definivano “imbarazzante” o “tributo” al padre della Cina moderna.

    Alcune delle critiche riguardavano anche la sua realizzazione in Henan, regione al centro di una carestia derivante dalle politiche economiche di Mao che alla fine del 1950 si stima avesse causato 40 milioni di morti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa

    TAGs











    Vedi anche

    12/01/2011 CINA
    Confucio torna a Pechino con una statua in piazza Tiananmen
    La scultura si trova di fronte al ritratto di Mao. L’opera è simbolo della riapertura ai precetti del confucianesimo da parte del regime, dopo averli combattuti.

    01/06/2010 HONG KONG - CINA
    La polizia di Hong Kong pone le condizioni per restituire la Dea della democrazia
    Le statue alte diversi metri saranno riconsegnate a patto che venga garantita la sicurezza. Gli attivisti dell’alleanza scendono in piazza indossando i vestiti della statua e minacciano di circondare la stazione di polizia di North Point.

    10/08/2015 INDIA
    Assam: vandalizzata e gettata nel fiume una statua di don Bosco
    Arrestati quatto membri del Bharatiya Janata Party (Bjp, partito ultranazionalista indù). Vescovo dell’arcidiocesi di Guwahati: “Incidente deplorevole. Il contributo dei salesiani all’apostolato educativo è ben riconosciuto da tutte le religioni dello Stato”.

    26/05/2015 TURKMENISTAN
    Il presidente turkmeno si erige una statua equestre d’oro con gli stipendi “donati” dal popolo
    Il monumento misura 21 metri ed è composto da una base in marmo e da una statua d’oro che ritrae il presidente a cavallo. È uno dei monumenti più alti mai costruiti nel Paese. La statua sorge nello stesso luogo dove svettava quella dell’ex presidente, ora trasferita in periferia.

    07/11/2009 VIETNAM
    A Vinh non ha tregua la lotta delle autorità contro la religione
    Agenti antisommossa e bulldozer per rimuovere una statua della Vergine da un cimitero cattolico, un sacerdote e suoi parrocchiani denunciati per aver portato in questura l’autore di minacce a un prete.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®