1 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/11/2004
CINA
Demolizioni forzate: nessuna protezione alla proprietà privata

Famiglie intere sono trascinate fuori dalle loro abitazioni. Negli scontri una donna è stata colpita con un mattone da un poliziotto.



Pechino (AsiaNews/Afp) – Una donna è stata ferita dalla polizia in un'operazione di sgombero forzato nella zona est di Pechino. Oltre 100 poliziotti hanno circondato 3 caseggiati nel quartiere Nanyingfang, distretto di Chaoyang, prelevando con la forza i proprietari che non volevano abbandonare le loro case. Le autorità hanno imposto il silenzio stampa, obbligando i giornalisti ad abbandonare la zona senza scattare foto.

La donna di mezza età ferita e insanguinata è stata trascinata fuori da un'abitazione e portata all'ospedale. I vicini affermano che è stata picchiata con un mattone da una delle guardie che aiutavano la polizia durante il tafferuglio. Famiglie intere sono state trascinate fuori dell'abitazione di loro proprietà e caricati su alcune camionette. Le forze dell'ordine hanno usato gli idranti per disperdere una folla di spettatori le cui case verranno demolite nel corso della settimana.

In preparazione alle Olimpiadi del 2008, molte zone centrali di Pechino vengono demolite. Al loro posto nascono cantieri di costruzione per alberghi, centri di benessere, villette, palazzi residenziali. In tutti questi anni molte demolizioni sono avvenute con la violenza. Nel marzo scorso, la costituzione è stata emendata per tutelare la proprietà privata. Il governo ha anche emesso direttive per evitare "caotiche" e irragionevoli espropriazioni. I regolamenti prevedono che i padroni di casa possano contrattare con le ditte demolitrici un risarcimento adeguato, prima di lasciare le abitazioni. Tutto questo non sta avvenendo nel caso di Nanyingfang. Nel quartiere vivono circa 1000 famiglie. Le loro case erano usate come camerate per i soldati del periodo Qing (1644-1911), a guardia della porta di Chaoyangmen. A differenza di altri casi di demolizione, i residenti di Nanyingfang sono proprietari di quelle case, comprate dopo la caduta dell'impero.

"Non siamo contro le demolizioni – afferma una donna – ma chiediamo un giusto compenso per il nostro terreno". Il governo ha offerto ai residenti dai 4 mila ai 6 mila yuan (da 370 a 550 euro) per metro quadro come rimborso: essi lo giudicano inadeguato e al di sotto del prezzo corrente di mercato. La donna prosegue: "con i soldi che il governo ci dà non possiamo comprare nemmeno una casetta alla periferia di Pechino; di conseguenza i nostri figli non potranno andare a scuola in città". Le autorità di Pechino si sono negate ad ogni chiarimento.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/07/2008 CINA – OLIMPIADI
Pechino celebra il centro stampa olimpico e inasprisce la censura
05/03/2008 CINA
Denuncia al Comitato olimpico: prima delle Paraolimpiadi, fondi rubati alle Ong dei disabili
08/11/2008 CINA
Shenzhen: scontri fra la folla e i poliziotti, decine i feriti
07/09/2006 CINA
La Cina verso le Olimpiadi: arrestato un altro attivista per i diritti umani
09/05/2006 Cina
Cina: si moltiplicano gli espropri di terreni ai danni dei contadini

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate