25 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/11/2004, 00.00

    CINA

    Demolizioni forzate: nessuna protezione alla proprietà privata



    Famiglie intere sono trascinate fuori dalle loro abitazioni. Negli scontri una donna è stata colpita con un mattone da un poliziotto.

    Pechino (AsiaNews/Afp) – Una donna è stata ferita dalla polizia in un'operazione di sgombero forzato nella zona est di Pechino. Oltre 100 poliziotti hanno circondato 3 caseggiati nel quartiere Nanyingfang, distretto di Chaoyang, prelevando con la forza i proprietari che non volevano abbandonare le loro case. Le autorità hanno imposto il silenzio stampa, obbligando i giornalisti ad abbandonare la zona senza scattare foto.

    La donna di mezza età ferita e insanguinata è stata trascinata fuori da un'abitazione e portata all'ospedale. I vicini affermano che è stata picchiata con un mattone da una delle guardie che aiutavano la polizia durante il tafferuglio. Famiglie intere sono state trascinate fuori dell'abitazione di loro proprietà e caricati su alcune camionette. Le forze dell'ordine hanno usato gli idranti per disperdere una folla di spettatori le cui case verranno demolite nel corso della settimana.

    In preparazione alle Olimpiadi del 2008, molte zone centrali di Pechino vengono demolite. Al loro posto nascono cantieri di costruzione per alberghi, centri di benessere, villette, palazzi residenziali. In tutti questi anni molte demolizioni sono avvenute con la violenza. Nel marzo scorso, la costituzione è stata emendata per tutelare la proprietà privata. Il governo ha anche emesso direttive per evitare "caotiche" e irragionevoli espropriazioni. I regolamenti prevedono che i padroni di casa possano contrattare con le ditte demolitrici un risarcimento adeguato, prima di lasciare le abitazioni. Tutto questo non sta avvenendo nel caso di Nanyingfang. Nel quartiere vivono circa 1000 famiglie. Le loro case erano usate come camerate per i soldati del periodo Qing (1644-1911), a guardia della porta di Chaoyangmen. A differenza di altri casi di demolizione, i residenti di Nanyingfang sono proprietari di quelle case, comprate dopo la caduta dell'impero.

    "Non siamo contro le demolizioni – afferma una donna – ma chiediamo un giusto compenso per il nostro terreno". Il governo ha offerto ai residenti dai 4 mila ai 6 mila yuan (da 370 a 550 euro) per metro quadro come rimborso: essi lo giudicano inadeguato e al di sotto del prezzo corrente di mercato. La donna prosegue: "con i soldi che il governo ci dà non possiamo comprare nemmeno una casetta alla periferia di Pechino; di conseguenza i nostri figli non potranno andare a scuola in città". Le autorità di Pechino si sono negate ad ogni chiarimento.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/07/2008 CINA – OLIMPIADI
    Pechino celebra il centro stampa olimpico e inasprisce la censura
    A un mese esatto dai giochi, martedì 8 luglio è stato inaugurato il più grande centro stampa mai realizzato per i Giochi. Le cifre da record nascondono però i timori del governo: negato l’ingresso a un reporter di Hong Kong, mentre è polemica sulla copertura “in tempo reale” degli eventi.

    05/03/2008 CINA
    Denuncia al Comitato olimpico: prima delle Paraolimpiadi, fondi rubati alle Ong dei disabili
    Lettera aperta della fondatrice di una organizzazione non governativa cinese: la “Federazione dei disabili” (di fatto governativa) si sta appropriando di donazioni e terreni. Porteranno la distruzione di tre centri e una decina di case famiglia ed anche del modello di integrazione sociale di oltre 150 disabili, costato più di dodici anni di lavoro. E ai Giochi speciali, handicappati sequestrati dalla polizia.

    08/11/2008 CINA
    Shenzhen: scontri fra la folla e i poliziotti, decine i feriti
    La causa è la morte di un motociclista durante un pattugliamento della stradale. I parenti accusano la polizia, che respinge ogni addebito. I manifestanti hanno lanciato petardi e sassi contro gli agenti, i quali hanno reagito caricando i rivoltosi. Ogni giorno la Cina è sconvolta da centinaia di rivolte sociali.

    07/09/2006 CINA
    La Cina verso le Olimpiadi: arrestato un altro attivista per i diritti umani

    Oltre venti agenti in borghese hanno sfondato la porta di casa di Hu Jia e lo hanno portato via senza dare alcuna spiegazione. Per la moglie, la situazione degli attivisti cinesi per i diritti umani peggiora in vista delle Olimpiadi di Pechino del 2008.



    08/02/2006 Cina
    Cina, monaci tibetani condannati per aver chiesto l'indipendenza

    Cinque fra monaci e monache condannati per "aver affisso una lettera di protesta che chiede l'indipendenza e la cancellazione delle Olimpiadi del 2008". Le sentenze vanno dai 18 mesi ai tre anni.





    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®