25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/11/2004
CINA
Demolizioni forzate: nessuna protezione alla proprietà privata

Famiglie intere sono trascinate fuori dalle loro abitazioni. Negli scontri una donna è stata colpita con un mattone da un poliziotto.



Pechino (AsiaNews/Afp) – Una donna è stata ferita dalla polizia in un'operazione di sgombero forzato nella zona est di Pechino. Oltre 100 poliziotti hanno circondato 3 caseggiati nel quartiere Nanyingfang, distretto di Chaoyang, prelevando con la forza i proprietari che non volevano abbandonare le loro case. Le autorità hanno imposto il silenzio stampa, obbligando i giornalisti ad abbandonare la zona senza scattare foto.

La donna di mezza età ferita e insanguinata è stata trascinata fuori da un'abitazione e portata all'ospedale. I vicini affermano che è stata picchiata con un mattone da una delle guardie che aiutavano la polizia durante il tafferuglio. Famiglie intere sono state trascinate fuori dell'abitazione di loro proprietà e caricati su alcune camionette. Le forze dell'ordine hanno usato gli idranti per disperdere una folla di spettatori le cui case verranno demolite nel corso della settimana.

In preparazione alle Olimpiadi del 2008, molte zone centrali di Pechino vengono demolite. Al loro posto nascono cantieri di costruzione per alberghi, centri di benessere, villette, palazzi residenziali. In tutti questi anni molte demolizioni sono avvenute con la violenza. Nel marzo scorso, la costituzione è stata emendata per tutelare la proprietà privata. Il governo ha anche emesso direttive per evitare "caotiche" e irragionevoli espropriazioni. I regolamenti prevedono che i padroni di casa possano contrattare con le ditte demolitrici un risarcimento adeguato, prima di lasciare le abitazioni. Tutto questo non sta avvenendo nel caso di Nanyingfang. Nel quartiere vivono circa 1000 famiglie. Le loro case erano usate come camerate per i soldati del periodo Qing (1644-1911), a guardia della porta di Chaoyangmen. A differenza di altri casi di demolizione, i residenti di Nanyingfang sono proprietari di quelle case, comprate dopo la caduta dell'impero.

"Non siamo contro le demolizioni – afferma una donna – ma chiediamo un giusto compenso per il nostro terreno". Il governo ha offerto ai residenti dai 4 mila ai 6 mila yuan (da 370 a 550 euro) per metro quadro come rimborso: essi lo giudicano inadeguato e al di sotto del prezzo corrente di mercato. La donna prosegue: "con i soldi che il governo ci dà non possiamo comprare nemmeno una casetta alla periferia di Pechino; di conseguenza i nostri figli non potranno andare a scuola in città". Le autorità di Pechino si sono negate ad ogni chiarimento.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/07/2008 CINA – OLIMPIADI
Pechino celebra il centro stampa olimpico e inasprisce la censura
05/03/2008 CINA
Denuncia al Comitato olimpico: prima delle Paraolimpiadi, fondi rubati alle Ong dei disabili
08/11/2008 CINA
Shenzhen: scontri fra la folla e i poliziotti, decine i feriti
07/09/2006 CINA
La Cina verso le Olimpiadi: arrestato un altro attivista per i diritti umani
09/05/2006 Cina
Cina: si moltiplicano gli espropri di terreni ai danni dei contadini

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate