30 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/04/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Devono tornare dai mariti musulmani le tre ragazze indù costrette a convertirsi

    Jibran Khan

    Lo ha deciso la Corte suprema pakistana. Le tre erano state rapite in febbraio nella provincia del Sindh e costrette a sposare uomini musulmani. Familiari denunciano le pressioni dei potenti gruppi musulmani. Le giovani sono state minacciate di morte.

    Islamabad (AsiaNews) - Le tre ragazze indù, rapite in febbraio, costrette a convertirsi all'islam e a sposarsi con uomini musulmani, torneranno con i loro mariti. Lo ha annunciato ieri sera la Corte suprema pakistana. Secondo i giudici, le giovani, avrebbero fatto tale scelta di propria volontà, ma le famiglie denunciano le forti pressioni dei gruppi religiosi islamici.

    Lo scorso 26 marzo Rinkle Kumari (nella foto), una delle ragazze, aveva espresso ai giudici della Corte il desiderio di ritornare dalla sua famiglia. Davanti al tribunale essa ha affermato che "in questo Paese c'è giustizia solo per i musulmani, agli indù la giustizia è negata. Uccidetemi qui, ora, in tribunale. Ma non rimandatemi alla Darul-Aman [una scuola coranica]... ci ammazzeranno". Anche le altre due giovani, Lata e Asha, avevano espresso il desiderio di ricongiungersi con i propri familiari. 

    "Questa è una grave ingiustizia - afferma Dilip Kumar, attivista indù -  tre settimane fa le ragazze hanno dichiarato di voler tornare dai propri genitori, ma i giudici hanno preferito mandarle in carcere per metterle sotto pressione". Egli sottolinea che se non fossero tornate dai loro mariti i musulmani le avrebbero uccise. 

    P. Anwar Patras, sacerdote della diocesi di Rawalpindi spiega che in questo modo la Corte si è piegata al volere dei gruppi musulmani che rapiscono e convertono all'islam giovani donne indù e cristiane, costringendole a prostituirsi. "Il governo - afferma -  deve lavorare per fare una legge contro le conversioni forzate. È chiaro che le ragazze hanno subito forti pressioni per fare tali dichiarazioni. La Corte suprema era la loro ultima speranza, ma sono state deluse".

    Rinkel Kumari, studentessa di 19 anni di fede indù, è stata rapita lo scorso 24 febbraio a Mirpur Mathelo, piccolo villaggio del Sindh (Pakistan sud-orientale) da un gruppo di uomini assoldati da un potente studioso musulmano. Le altre due giovani, Lata e Asha, vengono rapite con lo stesso sistema a Jacobabad e Larkana. Per riavere le loro figlie, i genitori decidono di ricorrere alla Corte suprema, per evitare il tribunale locale in mano alle corti islamiche. Lo scorso 26 marzo le tre giovani compaiono davanti alla Corte, affermando di essere state costrette a convertirsi e di voler tornare dalle proprie famiglie. I giudici decidono però di tenerle in carcere per "riflettere" sulla loro scelta, senza poter incontrare i genitori. 

    Ogni mese tra le 25 e le 30 giovani subiscono simili soprusi, per un totale annuale di circa 300 conversioni e matrimoni forzati. Ragazze indù - ma anche cristiane - che vengono strappate alla famiglia anche ragazzine e consegnate nelle mani dei mariti/aguzzini.

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/10/2016 12:59:00 PAKISTAN
    Pakistan, al vaglio due leggi a favore delle minoranze e contro le conversioni forzate

    Si tratta del disegno di legge che crea una “Commissione per i diritti delle minoranze” e la “Legge per la protezione delle minoranze 2016”. Quest’ultima ammette tra i reati le conversioni forzate. I promotori sono “consapevoli dei problemi sociali”, come le conversioni estorte alle donne indù e cristiane che vengono rapite, violentate e ridotte in schiavitù dai musulmani.



    25/11/2016 11:34:00 PAKISTAN
    Sindh, “positiva e incoraggiante” l’approvazione della legge contro le conversioni forzate

    La normativa è stata proposta da un gruppo islamico e approvata all’unanimità. Attivisti cristiani e musulmani sottolineano i risvolti positivi. Previste pene per i trasgressori e per chi celebra matrimoni forzati. Il processo da adire entro 90 giorni dalla denuncia; minori che si convertono prima dei 18 anni non saranno giudicati.



    04/08/2012 PAKISTAN
    Ramadan in Pakistan: conversione all’islam in diretta tv, protestano le minoranze
    Nel mese di digiuno un popolare show mostra il cambio di fede di un 20enne indù. In cinque minuti abbraccia la fede di Maometto. Il suo ex datore di lavoro: tutta una messa in scena. Protestano cristiani, indù, sikh e ahmadi. Il Dawn avverte: episodi analoghi aumentano la situazione di “emarginazione” delle minoranze.

    09/01/2017 11:55:00 PAKISTAN
    Sindh, il governo respinge la legge contro le conversioni forzate. Cristiani e indù: grande delusione

    A novembre la norma era stata approvata all’unanimità dall’Assemblea provinciale. Rendeva illegali le conversioni estorte al di sotto dei 18 anni e nel matrimonio. Ogni anno 1000 ragazze sono costrette a ripudiare la propria fede. Tra i deputati che hanno redatto la legge, 13 hanno ricevuto minacce di morte.



    13/04/2012 PAKISTAN
    Lahore, cristiani e indù contro il "fascismo religioso" delle conversioni forzate all'islam
    Ragazze cristiane e indù rapite, convertite con la forza e sposate contro la loro volontà; giovani cristiani sottoposti a circoncisione forzata; ragazzi indù imprigionati perché amici di ragazze musulmane. Negli ultimi cinque anni almeno 400-500 cristiani costretti a convertirsi all'islam. Critiche alla lentezza del governo e della polizia.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 10 anni dalla Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa in Cina. La debolezza di alcuni vescovi

    Fr Peter

    La Lettera esprime “l’amore del Santo Padre per la nostra Chiesa”. La “tragedia” per la Chiesa in Cina: vescovi che divengono “funzionari di Stato”, “non danno ascolto alla Lettera” e hanno paura di “dare la vita per il gregge”. Ma vi sono “vescovi e sacerdoti [che] salvaguardano la vera fede della Chiesa cattolica”. Un grazie profondo alla Chiesa universale.


    VATICANO – CINA
    Simposio AsiaNews, Savio Hon: “Va dissipato il grigio pragmatismo”



    Sorto sul principio della crescita a tutti i costi, sintetizzato da Deng Xiaoping nello slogan: “Non importa se il gatto è nero o bianco, purché catturi i topi”. Oggi non si distingue più il bianco dal nero, il vero dal falso. Così gli eroi della fede sono sfidati dai lupi travestiti da pecore


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®