13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/08/2017, 13.09

    BANGLADESH

    Dhaka, i diritti degli indigeni da iscrivere nella costituzione

    Sumon Corraya

    Nella Giornata internazionale dedicata ai popoli indigeni, organizzata una manifestazione con migliaia di partecipanti. Danze, musiche, processione con candele. Muhammed Zafar Iqbal, scrittore ed educatore. La diversità è bellezza. Ma il governo si dimentica dei diritti delle minoranze.

    Dhaka (AsiaNews) - Migliaia di bangladeshi, appartenenti a minoranze etniche, hanno osservato ieri la Giornata internazionale per i popoli indigeni, chiedendo che i loro diritti vengano riconosciuti e iscritti nella costituzione del Paese. Il tema della Giornata di quest’anno è “I 10 anni dalla dichiarazione Onu sul diritto dei popoli indigeni”.

    In Bangladesh vi sono all’incirca 50 gruppi di minoranze per un numero totale di 3 milioni di persone. La maggior parte di loro ha proprio linguaggio, cultura, modo di vestire, cibo, tradizioni. Un buon numero di loro sono cristiani. Essi sono spesso vittime della maggioranza bengali e musulmana: esprorpio di terre, ingiustizie, uccisioni, schiavismo,…

    Per sostenere i diritti delle minoranze, è stato organizzato un fitto programma presso il Central Shaheed Minar, con danze tribali e musiche, a cui hanno partecipato migliaia di persone.

    Jyotirindra Bodhipriya Larma, presidente del Forum nazionale degli Adivasi (tribali) ha denunciato il governo “che cerca di eliminare le minoranze etniche dal Paese. Se a queste popolazioni non saranno riconosciuti i loro diritti, essi dovranno combattere per sopravvivere”. Il leader del Forum ha spinto soprattutto i giovani a impegnarsi per ottenere tale riconoscimento.

    Il programma è stato voluto dal famoso scrittore ed educatore Muhammed Zafar Iqbal. Intervenendo all’incontro, egli ha sottolineato: “Nella mia vita ho capito che la diversità è bellezza. In questo Paese noi abbiamo molti gruppi etnici, essi sono parte della bellezza. È importante che il governo si prenda cura di loro. È triste vedere come il numero dei gruppi indigeni stia diminuendo: in tal modo stiamo perdendo l’elemento diversità”.

    Ospite principale della manifestazione è stato Rasheed Khan Menon, ministro del Turismo e dell’aviazione civile che ha espresso la sua solidarietà ai gruppi etnici. “Il Bangladesh - ha detto - ha molti gruppi etnici e questo è materia di orgoglio davanti agli stranieri, ma tali gruppi non vengono riconosciuti come popoli indigeni nella costituzione. Il nostro dovere è rispondere alle richieste di questi popoli indigeni”.

    L’associazione degli studenti Garo, un movimento cristiano di studenti appartenenti a questo gruppo etnico, ha anche organizzato una marcia con candele accese, a cui hanno partecipato almeno 1000 persone. Rajib Sangma, uno studente Garo, cattolico, spiega: “Abbiamo acceso queste candele come un segno per rimuovere ogni persecuzione, oppressione, sfruttamento, abuso, diritto negato. Spesso siamo perseguitati solo perché siamo una minoranza. Vogliamo vivere secondo la nostra cultura”.

    Sanjeeb Drong, un cattolico Garo e segretario del Forum, afferma triste: “Noi popoli indigeni abbiamo vissuto in questo Paese per molti anni. In passato il governo osservava la Giornata internazionale dei popoli indigeni. Ma ora non ci riconosce nemmeno come popoli indigeni: questo è un fallimento per il governo. Vogliamo essere riconosciuti”.

    Alla manifestazione sono emerse 9 domande da fare al governo. Fra queste: diritto di proprietà sui terreni tradizionali dei popoli indigeni; giustizia per tutti I gruppi perseguitati; costituire una commissione per distribuire i terreni ai gruppi etnici; riconoscere i popoli indigeni nella costituzione; attuare in pieno l’accordo di pace dei Chittagong Hill Tracts, firmato nel 1997 fra il governo di Dhaka e i gruppi tribali dell’area, dopo anni di guerra.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/08/2017 12:26:00 PAKISTAN
    Lahore, minoranze etniche e religiose: porre fine alle discriminazioni

    È necessario assicurare un'efficace partecipazione politica e la rappresentatività delle minoranze religiose. L’appello in occasione della Giornata Nazionale delle Minoranze. Le proposte del movimento Rwadari Tehreek.



    11/04/2013 NEPAL
    La tribù più povera del Nepal rinasce grazie a una scuola cattolica
    Per decenni i Chepang hanno vissuto di stenti nelle foreste del distretto di Chitwan (Nepal centrale). Dal 2011 una scuola cattolica istruisce i bambini e offre opportunità di lavoro per gli adulti. Leader tribale: "La nostra gente è pronta a votare un cattolico se si candiderà alle elezioni per l'Assemblea costituente".

    31/10/2013 BANGLADESH
    La Chiesa cattolica del Bangladesh lancia il suo primo settimanale online
    Il Pratibeshi è la versione digitale del primo giornale cattolico in lingua Bengalese. L'iniziativa ha come obiettivo quello di diffondere il messaggio del Vangelo e gli insegnamenti della Chiesa utilizzando i nuovi media. Lanciato lo scorso 27 ottobre il sito è stato creato dal Christians Communication Center e Signis.

    10/12/2013 BANGLADESH
    Bangladesh: una Giornata della Bibbia per porre Dio al centro della propria vita
    Organizzata dalla Conferenza episcopale del Bangladesh l'iniziativa si è tenuta lo scorso 8 dicembre in tutto il Paese. La Giornata ha concluso il programma di insegnamento e approfondimento della Sacra Scrittura iniziato lo scorso 8 novembre. Vescovo di Khulna: "I testi sacri aiutano a conoscere il Creatore e a scoprire la verità".

    08/02/2011 BANGLADESH
    Bangladesh in rivolta per il caro prezzi, timori per le minoranze etniche e religiose
    In migliaia per le strade delle principali città del Paese chiedono le dimissioni del governo, accusato di opprimere la popolazione. Oltre 40 feriti negli scontri con la polizia. Vescovo di Dinajpur sottolinea il rischio di una strumentalizzazione degli estremisti islamici. Educazione e dialogo interreligioso testimoniati dalla Chiesa i due elementi fondamentali per dare più diritti alle minoranza e portare il Paese verso il cambiamento.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®