26 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/12/2016, 08.57

    BANGLADESH

    Dhaka, riprende la produzione dopo lo sciopero del tessile. Licenziati 1500 operai



    Da due settimane gli operai incrociavano le braccia per l’aumento dello stipendio. Il settore rischiava un collasso, e già 59 aziende erano state costrette a bloccare le macchine. L’80% dei capi confezionati è destinato all’estero.

    Dhaka (AsiaNews) – Manifestavano da due settimane per l’aumento del salario e alla fine sono stati licenziati. È successo in Bangladesh a 1500 operai del tessile, che insieme a circa 150mila colleghi avevano bloccato la produzione manifatturiera di importanti marchi di abbigliamento occidentali. Dopo giorni di discussioni e contrattazione, la protesta si è risolta in un nulla di fatto e il 90% dei lavoratori è tornato nelle fabbriche.

    Il 12 dicembre scorso lo sciopero era partito dalla Windy Apparels Limited, un’azienda di abbigliamento della cintura industriale di Ashulia, alla periferia della capitale. Migliaia di lavoratori hanno incrociato le braccia, chiedendo l’aumento del salario minimo di pari passo con l’incremento del livello dei prezzi.

    I dimostranti lamentavano che l’attuale stipendio, intorno ai 5-6mila taka (poco più di 80 euro), non basta a colmare l’incessante inflazione. Perciò chiedevano una contrattazione con i dirigenti e l’adeguamento degli stipendi almeno fino a 15mila taka (circa 180 euro).

    Nonostante le loro richieste siano condivisibili, ad AsiaNews fonti locali hanno riferito che lo sciopero rischiava di mettere a repentaglio tutta l’economia del Bangladesh, che si fonda per l’80% sul confezionamento di capi di abbigliamento destinati all’estero.

    In seguito alle rimostranze degli scioperanti, nei giorni successivi 59 fabbriche che confezionano vestiario per colossi stranieri – come Zara, H&M e Gap – erano state costrette a congelare la produzione.

    Il Paese è il secondo esportatore mondiale di confezioni dopo la Cina. Il settore è tormentato da enormi problemi di sfruttamento dei lavoratori e di bassi standard di sicurezza. Stando ai dati più recenti, almeno 4 milioni di bangladeshi lavorano nell’indotto.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/12/2016 15:45:00 BANGLADESH
    Dhaka, sciopero del tessile. Produzione bloccata per 59 aziende

    Circa 150mila lavoratori da più di 10 giorni hanno incrociato le braccia. I dimostranti chiedono salari più elevati, adeguati all’aumento dei prezzi. Le loro richieste rischiano però “di mettere a repentaglio l’intero settore”. Giuste le motivazioni, “ma senza esagerare”.



    15/12/2015 MYANMAR
    Yangon, centinaia di operai in sciopero: stipendi negati per "scarso rendimento"
    Un'azienda tessile ha tagliato i compensi di novembre perché i lavoratori non avrebbero raggiunto gli obiettivi di produzione. In risposta 200 operai dal 7 dicembre hanno deciso di incrociare le braccia. I dirigenti disertano un incontro in programma ieri. Citato in giudizio un altro gruppo di operai che ha promosso una protesta il mese scorso.

    13/05/2013 BANGLADESH
    Bangladesh, il governo promette: “Alzeremo i salari minimi degli operai”
    Un gruppo di esperti – sindacalisti e industriali – esaminerà le norme che regolano il settore tessile. La decisione arriva dopo il crollo del Rana Plaza, costato la vita a oltre mille persone.

    02/07/2013 BANGLADESH
    Bangladesh, centinaia di operai tessili avvelenati dall’acqua della fabbrica
    Solo oggi 200 dipendenti della Rose Dresses Ltd sono stati ricoverati per intossicazione e avvelenamento, ma da giugno oltre 600 persone hanno manifestato vomito, crampi e svenimenti.

    23/09/2013 BANGLADESH
    Migliaia di operai tessili fermano il Bangladesh: chiedono stipendi più alti
    Da tre giorni i lavoratori del settore sono in sciopero per chiedere un salario minimo mensile di 8mila taka (76 euro). Una ragazza: “Oggi prendo 3mila taka (28 euro) e non posso neanche comprare le medicine per mia madre”. I crolli della Tazreen Fashion e del Rana Plaza hanno svelato le condizioni disumane in cui vivono gli oltre 2 milioni di operai dell’industria tessile.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®