21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/07/2017, 11.18

    BANGLADESH

    Dhaka, sacerdoti studiano come migliorare più stretta collaborazione con i laici

    Sumon Corraya

    Dal 24 al 27 luglio si è svolto il seminario della Fraternità dei sacerdoti diocesani del Bangladesh. L’associazione vuole promuovere “rapporti sani” tra religiosi e laici nelle parrocchie. Incentivare la collaborazione per “per accrescere le attività della Chiesa”.

    Dhaka (AsiaNews) – Almeno 125 sacerdoti diocesani del Bangladesh hanno partecipato al seminario annuale dell’organizzazione che li raduna, la Fraternità dei sacerdoti diocesani del Bangladesh (Bdpf). Dal raduno, che si è svolto presso l’Holy Spirit Major Seminary di Dhaka, tutti sono usciti con un impegno per i mesi a venire: lavorare a più stretto contatto con i laici, che all’interno delle parrocchie svolgono un ruolo determinante nella diffusione degli insegnamenti cristiani. P. Kamal Corraya, presidente della Bdpf, afferma ad AsiaNews: “Lo scopo della Fraternità è arricchire i nostri sacerdoti, in modo che essi possano servire in maniera più attenta nei luoghi in cui operano. Grazie all’associazione, tutti possono raggiungere maggiori livelli di cooperazione, condivisione e santità”.

    P. Uttom Rozario, proveniente dalla diocesi di Raishahi, dichiara: “Ho capito che devo collaborare di più con i laici della mia parrocchia”. La chiesa è situata nel distretto di Pabna e il sacerdote riferisce che “la maggior parte dei laici è davvero attiva nelle iniziative religiose. Purtroppo ci sono anche alcuni cattolici lontani dai programmi della parrocchia, e per questo cercherò di instaurare relazioni più amichevoli con loro”.

    Durante il seminario, svoltosi dal 24 al 26 luglio, i sacerdoti hanno condiviso esperienze di vita e di pastorale dell’ultimo anno, così come i problemi e le difficoltà presenti nelle rispettive aree. Uno dei partecipanti afferma: “È stato di grande ispirazione osservare i sacerdoti più anziani. Voglio spendere tutta la mia vita come sacerdote, servitore di Dio”.

    Anche il card. Patrick D’Rozario, arcivescovo della capitale e primo cardinale del Bangladesh, ha sottolineato la necessità di incentivare i rapporti tra laici e consacrati. “Il mio sostegno va alla Fraternità dei sacerdoti diocesani del Bangladesh”, ha detto, ricordando poi che “di questi tempi c’è bisogno di sani rapporti con i laici, in modo che i sacerdoti possano servirli al meglio”.

    La Bdpf è stata fondata nel 1987. Tutti i sacerdoti diocesani del Paese – 224 esponenti – ne fanno parte. Ogni cinque anni l’associazione organizza un ritiro per la formazione dei sacerdoti e ogni anno un seminario per raccogliere esperienze e proposte. P. Kamal Corraya conclude: “Lavoriamo per i laici e sosteniamo la loro partecipazione per accrescere le attività della Chiesa. Spero da che questo seminario i sacerdoti possano apprendere nuove direttive e ispirazione per la propria vita pastorale”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/05/2017 09:13:00 INDONESIA
    Forum dei sacerdoti diocesani indonesiani

    È importante mantenere un forte legame con il proprio gregge nello svolgimento delle opere pastorali. I partecipanti inviati tra i fedeli di sette parrocchie di Palembang. Mons. Aloysius Sudarso: “I sacerdoti rafforzino e sostengano il morale della gente nelle sfide e negli ostacoli della vita quotidiana”.



    01/06/2016 13:18:00 BANGLADESH
    Dhaka, premiata “madre modello”: ha sei figli consacrati nella Chiesa

    Josephine Corraya, 82 anni, ha ricevuto il premio “gioiello di mamma” dal presidente del parlamento. Madre di 10 figli, ha perso il marito da giovane ma è riuscita a garantire un’istruzione per tutti i bambini. Tre maschi sono divenuti sacerdoti, tre femmine suore.

     



    04/12/2015 BANGLADESH
    Bangladesh: la Caritas in soccorso dei malati di Hiv, rifiutati dalla società
    Secondo l'Onu sono 9500 i pazienti positivi al virus nel Paese. Circa 50 di loro sono cattolici. I malati di Aids subiscono lo stigma sociale e sono costretti a cambiare nome e a trasferirsi lontano da casa. Caritas Bangladesh fornisce assistenza economica e spirituale, donando borse di studio ai figli dei più indigenti. Volontario:“Se il governo non permette ai sacerdoti di parlare della malattia alle persone la situazione peggiorerà molto”.

    14/11/2017 13:48:00 SRI LANKA
    Card. Ranjith: preghiere e azioni concrete per la Giornata mondiale dei poveri

    La Giornata deve essere osservata con “preghiere speciali e azioni concrete, che mostrino l’impegno dei cristiani per i poveri del Paese”. Sacerdoti, religiosi e laici siano “agenti di trasformazione sociale e santificazione”. “Nella liturgia e nei sermoni [venga ribadito] il nostro impegno verso i poveri, a trattarli con rispetto e dignità, organizzando campagne per aiutare le famiglie povere e altri settori della società afflitta da egoismo”.



    03/06/2013 BANGLADESH
    Bangladesh, la commissione episcopale: “senza i laici la Chiesa non può crescere”
    Preghiera e azione missionaria. L’arcivescovo Patrick D’Rozario, presidente della conferenza episcopale, organizza un workshop di teologia per i laici del Bangladesh. “Hanno una grande responsabilità all’interno della Chiesa cattolica”.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®