22/12/2004, 00.00
ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
Invia ad un amico

Digiuno e preghiera per la pace in Terra Santa

Gerusalemme (AsiaNews) – In tutto il mondo si celebra oggi una giornata di digiuno e preghiera per la pace, invocata dalla Conferenza dei vescovi della regione del Nord Africa (CERNA) e dalla conferenza dei vescovi latini della regione Araba (CELRA).

Le chiese del Medio Oriente e del Nord Africa sottolineano che "l'instabilità nella regione mediorientale minaccia la sicurezza dei loro paesi e del mondo intero". Secondo i vescovi "gli ebrei, i cristiani e musulmani sono divenuti tutti incapaci di porre fine ai conflitti. Entrambi i popoli, palestinese e israeliano, rischiano di scomparire: il forte e il debole, quelli che usano la violenza e quelli che aspettano con pazienza una soluzione pacifica del conflitto".

I conflitti in Terra Santa sono "motivo di preoccupazione" per tutti i cristiani del mondo, ma le chiese "possono fare di più" per portare la pace nella regione. Esse devono "sensibilizzare" i governi, il popolo e la comunità internazionale perché la loro opera diventi "un fattore decisivo per raggiungere la pace, la giustizia e la riconciliazione".

I vescovi ricordano che le chiese, secondo il volere divino, devono diventare fonte di "riconciliazione", aiutando "entrambi i fronti, israeliano e palestinese, a convivere in pace".

La gente è "impotente" e non riesce a modificare lo status quo, ma i vescovi affidano le loro intenzioni e la loro speranza "a Dio e alla sua opera", confidando che "alla fine il bene vincerà sul male rappresentato dalla guerra", nella terra che "Lui stesso ha scelto per venire al mondo".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Sabbah: La jihad del digiuno per Sharon e Abbas
08/02/2005
Israele e Palestina insieme per i pellegrinaggi in Terra Santa
26/11/2004
Mons. Sabbah: Papa sempre vicino alle sofferenze dei popoli di Terra Santa
03/04/2005
P. Pierbattista Pizzaballa amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme
24/06/2016 12:48
Nunzio a Gerusalemme: "Sharm el-Sheikh, un passo positivo e incoraggiante"
08/02/2005