3 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/02/2005
PAKISTAN
Digiuno e solidarietà, la Quaresima in Pakistan

Per differenziarsi dai musulmani, i cristiani iniziano il digiuno dal tramonto. Le diocesi invitano a donare aiuti alle vittime dello tsunami.



Lahore (AsiaNews) –  Digiuno e solidarietà per le vittime dello tsunami caratterizzano la Quaresima dei cristiani in Pakistan. La pratica del digiuno per i cristiani di questo Paese sarà diversa dal resto del mondo: per differenziarsi dalla maggioranza musulmana i cristiani praticheranno il digiuno del venerdì nelle 24 ore comprese tra due tramonti e non dall'alba come tradizione.

P. Francis Nadeem, cappuccino dell'Ordine dei frati minori (OFM) e segretario esecutivo della Commissione nazionale per l'ecumenismo ed il dialogo interreligioso, ha sottolineato che il gesto del digiuno quaresimale ha significato se accompagnato dalla preghiera e dalla carità. "Mi aspetto – ha detto – che molti fedeli facciano solidarietà a favore delle vittime dello tsunami".

La Commissione quaresimale ha invitato a risparmiare almeno 1 rupia al giorno. Il 50% della cifra raccolta verrà usata per i malati ed i bisognosi delle singole parrocchie; l'altro 50% verrà depositato presso il procuratore dell'arcidiocesi e servirà per promuovere corsi di utilità comune a uomini e donne della comunità.

I cristiani pakistani si sono già dimostrati sensibili a questo invito alla solidarietà anche prima del maremoto, che il 26 dicembre scorso ha sconvolto il sudest asiatico. P. Nasir Gulfam, OFM Cap, coordinatore diocesano per il Comitato quaresimale, ha ricordato che nel 2004 le 120 mila rupie (circa 1600 dollari Usa) raccolte dalla comunità cristiana hanno permesso a circa 20 orfani di studiare.

Anche p. Inayat Bernard, parroco di una chiesa nell'arcidiocesi di Lahore, ha sottolineato "l'importanza di non seguire solo il rituale, ma condividerne il significato del digiuno con i poveri ed i bisognosi".

In Pakistan la tradizione quaresimale è stata introdotta dai missionari, nella seconda metà del XIX secolo. Nel paese su una popolazione di oltre 143 milioni di abitanti il 96% è musulmano, i crisatini sono il 2,5%.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/01/2005 PAKISTAN
Pakistan, gara di solidarietà per le vittime dello tsunami
di Qaiser Felix
19/02/2015 SINGAPORE

Arcivescovo di Singapore: Venerdì di digiuno e preghiera per la Nuova evangelizzazione
29/12/2004 FILIPPINE
Filippine, la solidarietà della Chiesa cattolica alle vittime del maremoto
03/02/2009 VATICANO
Papa: il digiuno contro l’egoismo, per imparare a fare la volontà di Dio
28/02/2009 PAKISTAN
La Chiesa di Karachi inizia la preparazione quaresimale
di Qaiser Felix
Articoli del dossier
laos
Laos, i cattolici del nord celebrano Pasqua in una nuova chiesa
IRAQ
Pasqua a Mosul, i cristiani sfidano la paura e affollano le chiese
Cina - Vaticano
Arrestato sacerdote della Chiesa sotterranea
PAKISTAN
Pasqua a Lahore: ucciso un cristiano protestante
PAKISTAN
Pasqua in Pakistan, oltre le discriminazioni e a favore della solidarietà
TURCHIA
Ad Antiochia cattolici ed ortodossi celebrano insieme la Pasqua
BANGLADESH
Pasqua in Bangladesh: attendere Cristo e il sole, in un giorno feriale
THAILANDIA
A Phuket "la Passione si legge negli occhi della gente"
THAILANDIA
In Thailandia cattolici e musulmani uniti dalla Croce
filippine
Pasqua nelle Filippine, chiese affollate fra minacce di attentati
ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
Gerusalemme: la Croce distrugge i muri della paura
TERRA SANTA – ISRAELE – PALESTINA
Patriarca di Gerusalemme: la gioia del Risorto tra le prove del Medio Oriente
PAKISTAN
Ong cattolica in Pakistan, per Pasqua farina alle vedove e regali ai bambini
IRAQ
Cristiani di Mosul, la luce della Resurrezione nel Calvario della guerra
GIORDANIA
Pasqua, "la luce di Cristo" da Gerusalemme al Giordano
THAILANDIA
Bangkok, 25 nuovi cristiani nella notte di Pasqua
LIBANO
Domenica delle Palme, la speranza del Libano poggia sui giovani
pakistan
Pakistan, folla di cattolici per la messa delle Palme
iraq
Domenica delle Palme "senza paura" per i cristiani di Baghdad
PAKISTAN
Pakistan: dalla Passione di Cristo l'impegno a combattere le ingiustizie sociali
THAILANDIA
Lontano da cellulari e tv, la Quaresima dei cattolici in Thailandia
corea del sud
Seoul, Via Crucis per la dignità della vita nascente
CAMBOGIA
Sono 174 i cambogiani che a Pasqua diverranno cristiani
vietnam
Capodanno di solidarietà pro-tsunami per i cattolici vietnamiti

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate