22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/12/2017, 13.01

    CINA

    Diocesi di Xian: demolita con la forza una chiesa cattolica



    L’edificio era stato costruito nel 1999 con tutti i permessi delle autorità. La notizia per la demolizione è stata diramata il 20 dicembre scorso. Distrutte la Via Crucis, il tabernacolo, i paramenti e le sedie. Ai cattolici è stato proibito di avvicinarsi. Manifestazioni dei fedeli davanti al municipio.

    Xian (AsiaNews) – L’unica chiesa cattolica del villaggio di Zhifang (distretto di Huyi), vicino a Xian (Shaanxi) è stata distrutta con la forza, senza alcuna ragione: era stata costruita quasi 20 anni fa con tutti i permessi dell’ufficio per gli affari religiosi.

    L’edificio molto semplice e sobrio era stato costruito nel 1999. Da allora è sempre stato il luogo di culto per i fedeli locali. La chiesa si trova vicina all’autostrada Pechino-Kunming, vicino all’uscita di Zhifang sull’autostrada Xian-Hanzhong.

    La notizia è stata diffusa sui social da parte dei fedeli che riportano anche foto dei documenti legali della chiesa. In esso appare evidente che il luogo religioso è stato debitamente approvato e dotato di tutti i documenti necessari per il legittimo uso del terreno. Dal 1999 la chiesa è stata usata in modo ininterrotto. Nei documenti appare che l’uso del terreno viene dato in modo “permanente”.

    Invece, senza consultare la comunità in anticipo, il governo ha pubblicato una semplice notifica in data 20 dicembre 2017 e subito dopo, nel pomeriggio del 27 dicembre, hanno demolito con forza la chiesa. Ora la croce è distrutta; le immagini della Via Crucis, il tabernacolo ed altri oggetti liturgici sono spariti; i paramenti e le sedie per preghiera sono stati portati via dai camion.

    Prima e durante la demolizione, ai fedeli è stato proibito avvicinarsi o spostare gli oggetti della sagrestia.

    I fedeli del villaggio hanno svolto manifestazioni davanti al municipio locale (foto 4), ma finora non hanno avuto alcuna risposta.

    Intanto si moltiplicano i commenti sul gesto violento e illegale. “Ma che genere di esecuzione di legge in una società ‘civile’ è tutto questo?!  Ma che genere di politica di libertà religiosa è questa?!”.

    Ricordando che oggi è la Festa dei Santi Innocenti martiri, un altro commento dice: “Dopo la nascita di Gesù, tanti santi e bambini innocenti sono stati sacrificati. Oggi, anche la innocente chiesa di Zhifang è stata demolita sotto la violenza! Oh Signore, non sanno quello che fanno!”.

    Un altro appello chiede preghiere “per la redenzione e per il tempio profanato” e domanda che vi sia una “vera attuazione della politica di libertà religiosa”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/09/2016 12:57:00 CINA - VATICANO
    Sacerdoti e fedeli in Cina criticano i nuovi Regolamenti sulle attività religiose

    Il 7 ottobre i Regolamenti verranno messi in atto. Le critiche mostrano la contraddizione fra l’enfasi della Costituzione, che afferma esserci in Cina la libertà religiosa e i Regolamenti che sono una serie di limiti posti alla sua espressione. L’opera del Consiglio di Stato sulle religioni è “illegale”. Si domanda una legge che riconosca il diritto anche alle chiese domestiche (sotterranee) e a tutte le religioni, non solo alle 5 riconosciute dal governo di Pechino.



    23/09/2016 09:42:00 CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.



    24/06/2015 CINA
    Zhejiang, i nuovi Regolamenti su croci e chiese “sono poco più di uno scherzo malriuscito”
    Mentre infuria la campagna di demolizioni, un pastore protestante presenta al governo sei domande sulla bozza di “Regolamento per la costruzione di edifici religiosi nel Zhejiang”. Le norme presentate “sono troppo vaghe e danno troppo potere ai funzionari incaricati di metterle in pratica”, oppure sono “così specifiche da rasentare il ridicolo. Chi decide se il colore di una croce è armonico con il resto dell’edificio? Farete corsi di estetica per i funzionari?”. Un appello all’esecutivo: “Ritirate la bozza e ricominciamo daccapo. Ma partendo dal rispetto per la religione e per il suo ruolo positivo nella società”.

    22/06/2017 11:52:00 CINA
    Cristiani protestanti imprigionati: devono confessare di appartenere a un ‘culto malvagio’

    La comunità Fengle a Jiangmen è una chiesa domestica, ma il governo vuole sconfessarla come “culto malvagio”. In un raid sequestrate bibbie e arrestati e interrogati alcuni membri. “Il Partito comunista cinese è il più grande culto malvagio”.



    12/01/2018 08:37:00 CINA
    Linfen: I cristiani hanno pianto vedendo distruggere la loro chiesa (video)

    L’edificio sacro era stato costruito con il contributo dei circa 60mila fedeli ed era costato 7 milioni di yuan. L’opera di distruzione è stata eseguita usando dinamite e bulldozer. Chiese non ufficiali e chiese ufficiali subiscono la stessa sorte.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®