16 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/07/2007
NEPAL
Diplomatici e politici “boicottano” il compleanno del re
di Kalpit Parajuli
Scarsa partecipazione agli eventi organizzati da re Gyanendra per i suoi 60 anni. Il re è sempre più emarginato nella politica nazionale e in una festa religiosa il suo posto è preso dal primo ministro, dopo 1.300 anni.

Kathmandu (AsiaNews) – Per celebrare i suoi 60 anni re Gyanendra ha organizzato una serie di eventi, dal 6 all’8 luglio, invitando politici, membri del corpo diplomatico e personalità. Ma gli ambasciatori (tra cui quelli di Stati Uniti, Unione europea e India), come pure il premier nepalese, i ministri e altri funzionari del governo, hanno reclinato l’invito, evidenziando il suo isolamento. Hanno invece partecipato alcuni ex primi ministri, come Surya Bahadur Thapa, Lokendra Bahadur Chand e Marich Man Singh Shrestha. Il 7 luglio a Kathmandu il re ha aperto il palazzo al pubblico, ma gli oppositori hanno manifestato contro il re e nella piazza Durbar, presso il palazzo reale, membri della Lega dei giovani comunisti (ala sinistra del Partito maoista) hanno assalito chi attendeva di entrare. Ci sono stati scontri con la polizia con 9 feriti.

Otto partiti si sono opposti a qualsiasi celebrazioni pubblica, ma Bharat Keshari Singh, consigliere del re e presidente della Federazione mondiale indù, ha risposto che “noi indù non possiamo tollerare azioni contro il re e la monarchia nazionale indù. Siamo pronti a difendere in ogni modo questi valori”.

Fonti reali dicono che il 7 luglio almeno 15mila persone hanno visitato il palazzo per presentare gli auguri al re, ma altre fonti parlano di circa 2mila. Negli anni scorsi e fino alla sua presa di potere nel 2005, le presenze sono state decine di migliaia ogni anno.  

Infanto, per la prima volta da 1.300 anni il re non ha partecipato alla tradizionale cerimonia indù del Bhotojatra, alla quale è intervenuto al suo posto il premier Girija Prasad Koirala. La festa ricorda il dono di una veste magica fatto da un re serpente al dio nepalese della pioggia Rato Machhindra. La veste miracolosa è esposta sopra il carro di Machhindra, che nei giorni precedenti è sfilato insieme ad altri carri per le vie di Patan ed è giunto a Jawalakhel, a circa 5 chilometri da Kathmandu. E’ una festa molto seguita, specie dai contadini che fanno offerte al dio chiedendo buone piogge e prosperità, secondo la mitologia indù.

Il re ha esautorato i poteri del Parlamento nel febbraio 2005, ma nell’aprile 2006 la pressione popolare ha costretto il re a restituire i pieni poteri al Parlamento. Da allora una serie di emendamenti costituzionali lo ha privato di ogni potere, in attesa dell’elezione di un’assemblea costituente che deciderà il futuro della monarchia nel Paese. Il Nepal è la sola monarchia indù del mondo, nella quale il re è considerato una reincarnazione di Vishnu.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/04/2009 NEPAL
L’ex-re del Nepal vuole riportare la monarchia al potere
di Kalpit Parajuli
26/02/2009 NEPAL
L’ex sovrano nepalese visita l’India: in programma incontri con leader indù
di Kalpit Parajuli
29/05/2008 NEPAL
Il Nepal è ufficialmente una repubblica
di Kalpit Parajuli
14/09/2007 NEPAL
Un’alleanza politica per tornare alla monarchia
di Kalpit Parajuli
22/03/2010 NEPAL
Decine di migliaia ai funerali dell’ex premier Koirala, fautore della democrazia nepalese
di Kalpit Parajuli

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate