22 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/03/2017, 12.38

    RUSSIA

    Divieto d’ironia per il Patriarca di Mosca, premiato come geografo

    Vladimir Rozanskij

    Una poesia ironizza su un riconoscimento – che appare piuttosto singolare - conferito dal Ministro per la difesa e non dalla Società geografica suscita una protesta all’Autorità per le rimostranze contro la stampa.

    Mosca (AsiaNews) - L’Autorità per le rimostranze contro la stampa (un istituto indipendente, creato in Russia nel 2005 dagli stessi organi d’informazione, su ispirazione putiniana), ha valutato lo scorso 10 marzo un appello riguardante la pubblicazione di alcuni versi composti dal poeta Dmitrij Bykov, dedicati al patriarca di Mosca Kirill (Gundjaev). Il testo fu pubblicato dalla rivista “Sobesednik” (“L’Interlocutore”) lo scorso agosto, dopo il conferimento al Patriarca del titolo di membro della prestigiosa Società geografica russa da parte del Ministro della difesa russo Sergej Shojgu.

    Tale riconoscimento, secondo la motivazione illustrata dal ministro, intendeva premiare la partecipazione di Kirill, in gioventù, a diverse spedizioni di ricerca geologica, e in generale la sua passione per la geografia e la storia del Paese, insieme alle scoperte fatte anche da membri della Chiesa ortodossa. Nel corso della cerimonia, al Patriarca erano state donate alcune fotografie d’autore, tra cui una scattata dallo stesso ministro, vincitrici del concorso “Il Paese più bello” organizzato dalla stessa Società geografica.

    Come ha affermato il capo redattore di “Sobesednik” Jurij Pilipenko, il fatto aveva suscitato una certa curiosità ed era stato proposto a Bykov di comporre alcuni versi per una rubrica in cui normalmente si commentano con ironia le vicende legate a noti personaggi pubblici. Nella versione del poeta, il Patriarca appare quindi il messaggero dello spirito negli austeri circoli dei potenti accademici: Nel club d’élite dei servi della corona / le cui porte sono aperte per i capi / sotto il segno del ministro di mammona / fu accolta la colonna dello spirito, Kirill. Si descrive poi lo stupore dei geografi per l’arrivo di un rappresentante della Chiesa: Guardando al suo profilo imponente / io pensai con la mia bontà consueta / che ai geografi girò la testa a mappamondo / per l’inatteso arrivo dell’omileta. // La religione sembrava un po’ all’antica / non certo amante della geografia: / prima pensava che la terra fosse piatta / e molti ancor lo pensano, tuttavia. La poesia termina poi trasformando il premio in geografia in un proclama di geopolitica, in cui il Patriarca si distingue come grande ispiratore.

    Nella nota di protesta si rileva quindi che la poesia “contiene paragoni impropri e scorretti, nel suo insieme suscita l’indignazione dei cittadini e incoraggia i sentimenti ostili nei confronti della Chiesa e della persona del patriarca Kirill”. In effetti, la personalità del patriarca Gundjaev è stata fatta spesso oggetto di campagne denigratorie, fin dallo sfortunato episodio delle Pussy Riot, le tre ragazze di un gruppo punk femminista che si misero a cantare nel marzo 2012 a squarciagola, nella cattedrale del SS. Salvatore, una litania blasfema (Madre di Dio, liberaci da Putin!), in cui si attaccava il Patriarca che “crede in Putin più che in Dio”. Già prima di diventare patriarca, il metropolita Kirill era stato più volte preso di mira per il suo iperattivismo sociale ed economico, con iniziative anche piuttosto spericolate che gli erano valse la fama di “oligarca ecclesiastico”. Un’altra famosa gaffe del 2012 lo aveva ulteriormente messo alla gogna, quando fu fatto opportunamente “sparire” dalle fotografie ufficiali il suo orologio Breguet da 30 mila euro, poi riapparso sui vari siti internet suscitando infinite polemiche. In generale, la personalità di Kirill viene spesso presentata come troppo “mondana” e compromessa con il potere, a differenza degli standard di rigido ascetismo che di solito contraddistinguono i gerarchi della Chiesa ortodossa.

    Di certo il premio al Patriarca-geografo appare piuttosto singolare, soprattutto per il fatto che a conferirlo non è stato il presidente della Società geografica, ma il ministro della difesa, il cui legame con la geografia non lascia intendere finalità propriamente scientifiche. Non c’è dubbio, d’altronde, che resista nella società russa un deciso sentimento anticlericale, che si oppone all’invadenza della Chiesa nella politica, nel mondo dell’educazione e dell’informazione e in generale nella vita della società russa; in parte, esso deriva ancora da consuetudini sovietiche, e d’altra parte suggerisce che la Chiesa in Russia debba ancora meritarsi la credibilità e l’autorevolezza troppo spesso assegnate ad essa d’ufficio.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/05/2017 08:35:00 RUSSIA
    Il giorno della Vittoria sui nazisti, nel segno di san Giorgio

    Le grandi celebrazioni della fine della Seconda guerra mondiale all’insegna del patriottismo. Il patriarca Kirill ricorda l’aiuto di san Giorgio, protettore della città di Mosca, e nome del "generalissimo" che guidò le armate sovietiche contro i nazisti, Georgij Konstantinovich Zhukov. Patriottismo anche nelle file dei cattolici, pur perseguitati. Le sfilate dei bambini e delle onorificenze. Il 55% della popolazione apprezza il ruolo di Stalin.



    22/01/2015 RUSSIA
    Patriarca Kirill per la prima volta alla Duma: riscoprire la solidarietà dell'epoca sovietica
    Il primate russo ortodosso ha parlato alla Camera bassa del parlamento. Esperti: Siamo in un momento di crisi economica e internazionale, ci serve mobilitare tutte le istituzioni, soprattutto quelle religiose.

    31/01/2014 RUSSIA-SIRIA
    Kirill e Patriarca di Antiochia, un appello congiunto per "pace e integrità" in Siria
    Giovanni X Yazigi ha concluso la sua visita a Mosca, dove ha incontrato il Patriarca ortodosso russo. I due leader religiosi hanno invitato al dialogo e alla liberazione degli ostaggi cristiani. Le Chiese d'Oriente guardano sempre più alla Russia come loro difensore.

    21/05/2012 RUSSIA
    Corteo di auto a Mosca contro gli aborti e in difesa della Chiesa
    In corrispondenza con le manifestazioni anti-Putin, continuano le iniziative di piazza della comunità ortodossa. Circa 300 auto hanno sfilato per il centro della capitale chiedendo una “Russia senza aborti”.

    21/11/2016 10:57:00 RUSSIA-VATICANO
    Il Patriarca Kirill festeggia i suoi 70 anni, domani incontra il card. Koch

    Mostre, doni e programmi speciali in tv, il primate ortodosso russo ha celebrato ieri il suo compleanno. Il presidente Putin gli invia un telegramma e rivela: “Probabilmente sono stato battezzato dal padre del Patriarca”.





    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®