20 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/08/2017, 08.51

    QATAR - GOLFO

    Doha, ingresso senza visto per i cittadini di 80 Paesi



    Essi avranno bisogno di presentare solo un passaporto valido per l'ingresso nel ricco Stato del Golfo. I Paesi sono stati scelti sulla base di considerazioni di sicurezza e di economia, o per il potere d'acquisto dei loro cittadini. Il Libano è l'unico Paese arabo nell'elenco. Per 33 Paesi autorizzati soggiorni di 180 giorni e per gli altri 47 Stati fino a 30. Il 3 agosto, il Qatar ha creato un nuovo status di residenti permanenti per alcuni gruppi di stranieri. Il Qatar ha una popolazione di 2,4 milioni di persone, il 90% dei quali esteri.

    Doha (AsiaNews/Agenzie) – Il Qatar, isolato dai suoi vicini del Golfo in una crisi diplomatica, introduce un programma di ingresso senza visti per 80 nazionalità, al fine di stimolare il trasporto aereo ed il turismo.

    L’alto funzionario del Dipartimento per il turismo Hassan al-Ibrahim ha dichiarato ieri in una conferenza stampa a Doha: “Il regime di esenzione dal visto renderà il Qatar il Paese più aperto della regione”. Mohamed Rashed al-Mazrouei, del ministero degli Interni, ha affermato che i cittadini di 80 Paesi avranno bisogno di presentare solo un passaporto valido per l'ingresso nel ricco Stato del Golfo.

    Il programma, che ha effetto immediato, riguarda Paesi dell'Unione europea, altri Stati occidentali, nazioni dell'America latina e dell'Asia. Il Libano è l'unico Paese arabo nell'elenco pubblicato alla fine della conferenza stampa, anche se le sei nazioni del Consiglio di cooperazione del Golfo, di cui Qatar è membro, già consentono la libertà di movimento dei loro cittadini.

    I cittadini di 33 Paesi saranno autorizzati a risiedere in Qatar per 180 giorni e quelli degli altri 47 Stati elencati fino a 30 giorni, periodi rinnovabili una sola volta. Mazrouei ha dichiarato che i Paesi sono stati selezionati sulla base di considerazioni di sicurezza e di economia, o per il potere d'acquisto dei loro cittadini.

    Lo scorso 5 giugno, l'Arabia Saudita, come pure il Bahrain, gli Emirati Arabi Uniti e l'Egitto, hanno imposto un boicottaggio sul Qatar, accusando l'emirato di favorire gruppi estremisti islamici e di avere stretti legami con l'Iran. Doha ha negato le accuse. Le quattro nazioni del Golfo hanno chiuso i loro confini territoriali e marittimi al Qatar e hanno imposto restrizioni economiche e sul traffico aereo.

    Il 3 agosto scorso, il Qatar ha creato un nuovo status di residenti permanenti per alcuni gruppi di stranieri, inclusi quelli che hanno lavorato a beneficio dell'emirato. Secondo le nuove regole, i bambini con madre qatariota e padre straniero possono trarre beneficio dal nuovo status, insieme ai residenti stranieri che hanno “prestato servizio al Qatar” o hanno “abilità che possono portare beneficio al Paese”. Coloro che sono considerati idonei al nuovo status potranno accedere a servizi pubblici, come la salute e l'istruzione.

    Il Qatar ha una popolazione di 2,4 milioni di persone, il 90% dei quali stranieri, tra cui molti provenienti dall'India meridionale e impiegati nel campo delle costruzioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/07/2017 07:23:00 ARABIA SAUDITA-GOLFO
    Il disegno egemone di Riyadh nella crisi del mondo sunnita

    Controllo del prezzo del petrolio, diversificazione dell’economia, leadership in Medio oriente. Questo spiega le tensioni col Qatar, la Turchia e l’Iran, oltre che con gli Stati Uniti, l’Oman e il Kuwait. La guerra in Yemen e il disprezzo dell’Onu. Due modelli di islam: il wahhabismo e la Fratellanza musulmana.



    05/06/2017 08:55:00 QATAR - GOLFO
    Fronte arabo contro il Qatar: fomenta il terrorismo e mina la sicurezza della regione

    Arabia Saudita, Bahrain, Egitto ed Emirati Arabi Uniti chiudono le frontiere e rompono le relazioni diplomatiche con Doha. Le sue politiche e il sostegno ai gruppi estremisti sono fonte di instabilità per il Medio oriente. Nelle scorse settimane presunte dichiarazioni sull’Iran dell’emiro del Qatar avevano alimentato la tensione. 

     



    05/07/2017 08:52:00 EGITTO - QATAR - GOLFO
    Crisi del Golfo: il fronte anti-Qatar si incontra al Cairo. Per Doha richieste “impraticabili”

    Previsto per oggi un vertice fra Arabia Saudita, Bahrain, Emirati Arabi Uniti ed Egitto. Ieri è arrivata la risposta del Qatar alla lista di richieste avanzate dagli alleati del Golfo. Nessuna notizia è trapelata sul contenuto della missiva. Ieri il ministro degli Esteri del Qatar aveva definito “irreali e impraticabili” le imposizioni a Doha e denunciato un attacco alla “ libertà di pensiero”. 

     



    06/07/2017 11:24:00 QATAR - GOLFO
    Crisi Golfo, analista Al Jazeera ad AsiaNews: stabilità in pericolo, ma l’Occidente è inerte

    Uno scontro inasprito da questioni politiche e personali che vede opposte due “visioni” del Medio oriente. Doha vuole riforme e maggiore libertà; per Riyadh e Abu Dhabi vi sono minacce per le monarchie e il loro dominio. Il Qatar respinge le richieste dei sauditi, che preparano nuove sanzioni. L’anomala escalation della controversia che cancella diplomazie e relazioni internazionali. 

     



    06/07/2017 11:10:00 QATAR-GOLFO
    Toni più pacati, ma la crisi fra Doha, Riyadh e Abu Dhabi continua, anzi peggiora

    L’ultimatum si è concluso con un nulla di fatto. I Fratelli Musulmani - ben visti da Usa e Gran Bretagna - bollati come “organizzazione terrorista” anche dal Bahrain. Ridotte le pretese verso Al Jazeera. Il carattere indipendente del Qatar e le mire di potere del principe degli Emirati.  Il wahhabismo alla conquista di tutto il Medio oriente.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®