2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/07/2012
NEPAL
Donne e poveri: le migliori guide di trekking sull'Himalaya
Nei distretti alle pendici dell'Himalaya la popolazione non gode dei flussi turistici gestiti da società straniere. La gente vive con pochi dollari al giorno e muore di malattie. Ong e agenzie internazionali combattono la fame, ma non considerano il turismo come opportunità di sviluppo. Con un'agenzia di trekking per sole donne, tre sorelle della città di Pokhara offrono lavoro a decine di ragazze.

Kathmandu (AsiaNews/ Agenzie) -  I pachidermici progetti di organizzazioni non governative e agenzie internazionali per sconfiggere la povertà hanno portato pochi risultati dalla fine delle guerra civile nepalese. La maggior parte della popolazione nei distretti alle pendici dell'Himalaya vive con meno di due dollari al giorno e muore ancora di malattie come dissenteria, malaria, tubercolosi, dengue. E questo in regioni visitate ogni anno da migliaia di turisti e alpinisti.

Lucky, Dicky e Nicky Chhetry, fondatrici della 3Sisters Adventure Trekking di Pokhara, spiegano che nessuno considera il turismo un'occasione di crescita per i più poveri e gli emarginati. Esse notano che la parola "sviluppo"  è divenuta comune fra la popolazione, ma in pochi potrebbero spiegare il suo concreto significato. In questi anni economisti, politici e agenzie internazionali hanno creato e sponsorizzato enormi progetti di breve periodo e campagne per sfamare la gente, ignorando le possibilità offerte dal settore turistico a poveri ed emarginati.

La 3Sisters Adventure Trekking è nata nel 2001 per coinvolgere le donne dei villaggi della periferia di Pokhara (regione di Gandaki - Nepal occidentale) nell'industria dei trekking sull'Himalaya, spesso gestiti da grandi agenzie turistiche straniere. Con l'aiuto di guide esperte, le tre sorelle organizzano da oltre 11 anni corsi di alpinismo per sole donne.  "All'inizio le persone ridevano di noi - afferma Dicky Chhetry  - molte ragazze erano diffidenti. Una donna che lavora nel turismo è considerata una prostituta. Nonostante le critiche decine di giovani si sono iscritte e sono diventate guide, raggiungendo un'autonomia finanziaria che ha consentito loro di studiare ed emanciparsi dalle proprie famiglie". La piccola azienda ha resistito alla guerra civile e con la caduta della monarchia ha ricominciato a lavorare e pieno ritmo. Nel 2008 la società ha gestito circa il 52% dei trekking montani della regione Himalayana, divenendo leader del settore. A tutt'oggi la maggior parte dei clienti sono donne. "Alcune alpiniste - spiegano - hanno difficoltà a trattare con guide di sesso maschile. Così si rivolgono a noi e alle nostre giovani scalatrici".

Secondo una ricerca del Nepal Tourism Sector Analysis, è dal 1983 che il turismo occupa un parte importante dell'economica nepalese. Tuttavia il Nepal è ancora in fondo alla lista dei 139 Paesi analizzati  dal Rapporto sulla competitività turistica 2011 del Wolrd Economic Forum. Tale situazione è dovuta al disinteresse delle autorità per questo settore, alle poche infrastrutture e alla totale assenza di politiche di marketing. Le autorità locali non incentivano il turismo e non offrono sicurezza, costringendo gli stranieri ad affidarsi ad agenzie estere.

 

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/03/2014 NEPAL
Kathmandu affitterà ai privati le vette dell'Himalaya
di Christopher Sharma
14/05/2012 NEPAL
Aereo turistico si schianta alle pendici dell'Himalaya, 12 morti
28/08/2012 NEPAL
Nepal, visti bloccati per chi proviene da 11 Paesi islamici e africani
di Kalpit Parajuli
29/09/2008 NEPAL
Nepal, a salvaguardia dell’ambiente ogni turista pianterà un albero
di Kalpit Parajuli
03/08/2013 NEPAL – ASIA
Ambiente e sicurezza, Kathmandu rafforza i controlli sull’Everest

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate