5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/07/2012
NEPAL
Donne e poveri: le migliori guide di trekking sull'Himalaya
Nei distretti alle pendici dell'Himalaya la popolazione non gode dei flussi turistici gestiti da società straniere. La gente vive con pochi dollari al giorno e muore di malattie. Ong e agenzie internazionali combattono la fame, ma non considerano il turismo come opportunità di sviluppo. Con un'agenzia di trekking per sole donne, tre sorelle della città di Pokhara offrono lavoro a decine di ragazze.

Kathmandu (AsiaNews/ Agenzie) -  I pachidermici progetti di organizzazioni non governative e agenzie internazionali per sconfiggere la povertà hanno portato pochi risultati dalla fine delle guerra civile nepalese. La maggior parte della popolazione nei distretti alle pendici dell'Himalaya vive con meno di due dollari al giorno e muore ancora di malattie come dissenteria, malaria, tubercolosi, dengue. E questo in regioni visitate ogni anno da migliaia di turisti e alpinisti.

Lucky, Dicky e Nicky Chhetry, fondatrici della 3Sisters Adventure Trekking di Pokhara, spiegano che nessuno considera il turismo un'occasione di crescita per i più poveri e gli emarginati. Esse notano che la parola "sviluppo"  è divenuta comune fra la popolazione, ma in pochi potrebbero spiegare il suo concreto significato. In questi anni economisti, politici e agenzie internazionali hanno creato e sponsorizzato enormi progetti di breve periodo e campagne per sfamare la gente, ignorando le possibilità offerte dal settore turistico a poveri ed emarginati.

La 3Sisters Adventure Trekking è nata nel 2001 per coinvolgere le donne dei villaggi della periferia di Pokhara (regione di Gandaki - Nepal occidentale) nell'industria dei trekking sull'Himalaya, spesso gestiti da grandi agenzie turistiche straniere. Con l'aiuto di guide esperte, le tre sorelle organizzano da oltre 11 anni corsi di alpinismo per sole donne.  "All'inizio le persone ridevano di noi - afferma Dicky Chhetry  - molte ragazze erano diffidenti. Una donna che lavora nel turismo è considerata una prostituta. Nonostante le critiche decine di giovani si sono iscritte e sono diventate guide, raggiungendo un'autonomia finanziaria che ha consentito loro di studiare ed emanciparsi dalle proprie famiglie". La piccola azienda ha resistito alla guerra civile e con la caduta della monarchia ha ricominciato a lavorare e pieno ritmo. Nel 2008 la società ha gestito circa il 52% dei trekking montani della regione Himalayana, divenendo leader del settore. A tutt'oggi la maggior parte dei clienti sono donne. "Alcune alpiniste - spiegano - hanno difficoltà a trattare con guide di sesso maschile. Così si rivolgono a noi e alle nostre giovani scalatrici".

Secondo una ricerca del Nepal Tourism Sector Analysis, è dal 1983 che il turismo occupa un parte importante dell'economica nepalese. Tuttavia il Nepal è ancora in fondo alla lista dei 139 Paesi analizzati  dal Rapporto sulla competitività turistica 2011 del Wolrd Economic Forum. Tale situazione è dovuta al disinteresse delle autorità per questo settore, alle poche infrastrutture e alla totale assenza di politiche di marketing. Le autorità locali non incentivano il turismo e non offrono sicurezza, costringendo gli stranieri ad affidarsi ad agenzie estere.

 

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/03/2014 NEPAL
Kathmandu affitterà ai privati le vette dell'Himalaya
di Christopher Sharma
14/05/2012 NEPAL
Aereo turistico si schianta alle pendici dell'Himalaya, 12 morti
28/08/2012 NEPAL
Nepal, visti bloccati per chi proviene da 11 Paesi islamici e africani
di Kalpit Parajuli
29/09/2008 NEPAL
Nepal, a salvaguardia dell’ambiente ogni turista pianterà un albero
di Kalpit Parajuli
03/08/2013 NEPAL – ASIA
Ambiente e sicurezza, Kathmandu rafforza i controlli sull’Everest

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate