28 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/02/2017, 12.59

    SRI LANKA

    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare: rivogliono le terre (Foto)

    Melani Manel Perera

    La dimostrazione va avanti da oltre due settimane. Le donne manifestano a nome di 84 famiglie sfollate durante la guerra civile. I bambini stanno perdendo giorni di studio. Una delegazione di cattolici e attivisti porta sostegno e conforto. Sacerdote: “Non sono come noi uomini. Non cederanno fino a quando non avranno ottenuto ciò che chiedono”.

    Colombo (AsiaNews) – Un gruppo di coraggiose donne tamil è accampato da oltre due settimane di fronte ad una base dell’esercito e rifiuta di sgomberare l’area fino a quando non saranno loro riconsegnate le terre sequestrate durante le guerra civile. Le donne hanno dato vita ad una protesta pacifica (in lingua locale “sathayagrah”) e con loro ci sono anche i figli, che così stanno perdendo giorni di studio. Ad AsiaNews le donne affermano: “Ora basta con la sofferenza e lo sfollamento forzato”.  

    Lo sciopero ha avuto inizio il 31 gennaio scorso, dopo che il presidente Maithripala Sirisena ha annullato una visita nella zona, in programma per il 25 gennaio. Le donne protestano a nome di 84 famiglie che risiedevano a Pillavukudirippu, nel distretto di Mullaitivu. Con lo scoppio del conflitto civile che per quasi 30 anni ha contrapposto esercito e ribelli delle Tigri tamil, la popolazione è stata costretta alla fuga. Le loro case, terreni e proprietà sono stati confiscati dai militari e occupati per anni dalle forze dell’aviazione.

    Da circa sette anni gli sfollati chiedono indietro le terre, e nel frattempo sono stati sistemati in un villaggio residenziale denominato “Keppapilavu”, senza adeguati servizi. Ieri il segretario distrettuale di Mullaitivu ha visitato la zona e invitato le donne a rinunciare alla protesta, annunciando anche l’apertura di discussioni sulla loro questione. Per tutta risposta, le tamil hanno declinato l’offerta: “Siamo stanche delle dichiarazioni”.

    La maggior parte delle donne ha perso il marito durante la guerra e ora è rimasta con i figli da crescere. In queste due settimane i bambini non sono andati a scuola. La piccola Yalinin dice che lei e la sorella non frequentano le lezioni perchè “nostra madre sta facendo la protesta. Non c’è nessuno che si possa prendere cura di noi”. Il dipartimento educativo di zona ha organizzato dei corsi serali per questi piccoli, non paragonabili alle lezioni impartite in classe.

    Una delegazione di cattolici e attivisti di Colombo ha visitato le manifestanti e ha portato loro solidarietà e conforto. Suor Rasika Pieris afferma: “Apprezziamo molto il coraggio di queste donne e chiediamo al governo di riconsegnare le terre. In questo modo potranno ricominciare a vivere dopo tanta sofferenza”. Hermaan Kumara, coordinatore del National Fisheries Solidarity Movement (Nafso), aggiunge che “il presidente Sirisena deve risolvere subito la situazione, anche perchè egli è stato eletto con i voti dei tamil”. Secondo p. Father Sujaharan, degli Oblati di Maria Immacolata, “queste donne non sono come noi uomini. Non cederanno fino a quando il governo non avrà esaudito le loro richieste”.

    (Foto 1, 5-10 di Garikaalan)

    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-1
    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-1


    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-2
    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-2


    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-3
    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-3


    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-4
    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-4


    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-5
    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-5


    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-6
    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-6


    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-7
    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-7


    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-8
    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-8


    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-9
    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-9


    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-10
    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-10


    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-11
    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-11


    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-12
    Donne tamil protestano con i figli davanti ad una base militare-12


    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/11/2015 SRI LANKA
    Prigionieri politici tamil minacciano lo sciopero della fame se Colombo non li rilascia subito
    Il tribunale ha deciso che i tamil rimarranno dietro le sbarre almeno fino al 18 novembre e saranno sottoposti a percorsi di riabilitazione. Sacerdote anglicano: “Il governo non li riconosce come ‘prigionieri politici’ ma li vuole riabilitare in carcere. È una decisione inutile, dopo tanti anni di detenzione”. Ad ottobre un primo sciopero della fame. Il presidente Sirisena aveva promesso di scarcerarli entro il 7 novembre, “ma nulla è stato fatto”.

    22/10/2009 SRI LANKA
    Viaggio nei campi profughi dello Sri Lanka, dove si lotta per sopravvivere
    Il racconto di un volontario indiano, impegnato da agosto a settembre tra le Internally displaced persons (IDPs) del distretto di Vanni. Le drammatiche condizioni di vita nei campi e negli ospedali. Le sofferenze di donne, bambini, anziani e disabili. Il desiderio dei profughi di tornare presto a casa.

    26/08/2015 SRI LANKA
    Sri Lanka, il presidente Sirisena riconsegna la terra a 300 famiglie tamil
    Si tratta di terra espropriata agli abitanti del villaggio di Sampoor dall’ex presidente Rajapaksa. Circa 825 famiglie erano state costrette a vivere da sfollati nei campi profughi. Un tamil: “Siamo contenti, anche se dobbiamo ricominciare tutto da capo”. Ue, India, Unhcr e Unicef finanziano la costruzione di nuove case. Appello di Sirisena: “Viviamo uniti come fratelli e sorelle, senza più paura”.

    22/11/2016 13:55:00 SRI LANKA
    Salawa: dopo l’esplosione della base militare, centinaia di sfollati non hanno ancora la casa

    A giugno un vasto incendio ha danneggiato oltre 2mila abitazioni. Circa la metà con lesioni lievi è stata riconsegnata ai proprietari. Gli altri vivono nelle residenze affittate dal governo. Le autorità hanno pagato per le case ma non per utensili e mobili. Proprietà sottostimate; lavoratori licenziati.



    22/10/2007 SRI LANKA
    Attacco tamil alla base aerea di Anuradhapura, 25 morti
    Secondo fonti della Difesa, un aereo delle Tigri Tamil (Eelam) ha sganciato prima dell’alba due bombe contro la base aerea di Anuradhapura, a 180 chilometri dalla capitale, uccidendo 25 persone. Situazione al momento sotto controllo, partita la caccia ai responsabili.



    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®