18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/06/2016, 08.46

    CINA

    Dopo 40 giorni di sciopero della fame, peggiora la situazione del dissidente Guo Feixiong



    L’attivista cinese è stato condannato nel dicembre 2015 a sei anni di carcere per aver “turbato l’ordine sociale”. Ha già passato diverso tempo in galera per il suo impegno all’interno del movimento democratico. Lo sciopero dagli alimenti è stato lanciato per protestare contro le torture e il trattamento umiliante destinato ai prigionieri politici nelle carceri cinesi. Ha perso un terzo del suo peso.

    Pechino (AsiaNews) – Il noto dissidente cinese Guo Feixiong ha perso un terzo del suo peso dopo 40 giorni di prigione senza cibo. L’attivista ha lanciato uno sciopero della fame a oltranza per protestare contro le torture e il trattamento umiliante destinato ai prigionieri politici nelle carceri cinesi. Le autorità hanno minacciato i suoi parenti più stretti: se parlano delle sue condizioni non lo rivedranno più.

    In un documento consegnato al suo legale, Guo ha scritto di aver deciso per la privazione del cibo dopo aver subito la rasatura della testa e un esame rettale da parte delle guardie carcerarie, che lo hanno anche filmato. Inoltre, gli agenti di custodia gli hanno ordinato di “accucciarsi come un insetto” davanti a ognuno di loro, in ogni occasione. Nel testo il dissidente chiede al presidente Xi Jinping di riformare la Costituzione in senso democratico, abolendo la tortura in carcere e migliorando la situazione dei prigionieri politici.

    Guo, noto anche come Yang Maodong, è stato arrestato nel settembre 2006 con l’accusa di “praticare affari illegali” per avere stampato in casa 20mila copie di un libro che parla di uno scandalo politico nella città di Shenyang. Si è sempre dichiarato innocente, ma dopo 17 mesi di carcerazione preventiva è stato condannato a sei anni di reclusione.

    Esperti collegano la vicenda all’ampio sostegno che ha dato nel 2005 agli abitanti di Taishi (Guangdong) nella lotta contro la corruzione del sindaco e dei capi del Partito comunista locale, occupandosi della loro difesa legale e pubblicando molti articoli su internet per denunciare la situazione e i metodi violenti della polizia contro la popolazione.

    Nel dicembre 2015 è stato condannato ad altri sei anni di reclusione “per aver turbato l’ordine sociale”. Prima di entrare in prigione, ha pronunciato come suo diritto una dichiarazione finale in cui lancia una “profezia” al Partito comunista: “Continuando a condannare i democratici e chi cerca la giustizia non farete altro che renderli più forti, accelerando la vostra caduta”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/10/2006 CINA
    Guangzhou, la polizia conferma l'arresto di un attivista anti-corruzione

    Yang Maodong, noto anche come Guo Feixiong, era sparito il 14 settembre scorso. Le autorità lo accusano di "affari illegali". L'attivista è famoso per il suo aiuto agli abitanti di Taishi nella loro lotta contro la corruzione.



    24/11/2007 CINA
    Distrutto dal carcere preventivo, dissidente rinuncia all’appello
    Guo Feixiong, noto dissidente cinese in detenzione preventiva da 14 mesi, ha deciso di rinunciare al processo di appello perché fisicamente e psicologicamente distrutto dal trattamento subito in carcere. Hu Jia denuncia: il governo vuole fare di lui un caso esemplare, per intimidire tutti gli altri dissidenti.

    14/11/2007 CINA
    Denuncia la corruzione del governo, condannato a 5 anni di galera
    Yang Maodong è noto in Cina per aver difeso in maniera gratuita gli abitanti di Taishi, il villaggio che nel 2005 ha lottato per la democrazia. Per una Corte di Guangzhou, è colpevole di “aver condotto affari illegali”, ovvero di aver pubblicato un giornale indipendente che attacca la corruzione dei comunisti.

    08/02/2006 Cina
    Cina, attivista per i diritti umani "sparito nel nulla"

    Guo Feixiong, noto per il suo impegno a favore degli abitanti di Taishi, è stato prelevato dalla polizia ed interrogato con metodi violenti per dieci ore. Dal suo rilascio, nessuno lo ha più visto.



    26/05/2010 IRAN
    Il giovane dissidente iraniano per cui “nessuno piange”
    Majid Tavakoli, universitario e attivista, è in isolamento dal 23 maggio nel carcere di Evin, a Teheran. Egli ha iniziato lo sciopero della fame e della sete. La madre denuncia le pessime condizioni di salute e accusa: nessun politico è intervenuto per liberarlo, come avvenuto per il regista Jafar Panahi.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®