5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/03/2007
INDIA
Dopo il massacro di poliziotti, in molti chiedono al governo di cambiare politica
di Nirmala Carvalho
Ieri i maoisti hanno ucciso 55 poliziotti nel Chhattisgarh. Le modalità dell’attacco fanno dire a funzionari di polizia e politici che non si tratta solo di ribelli, ma dell’ala armata di un gruppo organizzato.

New Delhi (AsiaNews) – Emergono i particolari del violento assalto compiuto ieri dai ribelli maoisti contro una caserma della polizia nel distretto di Bijapur, regione di Bastar (Chhatisgarh), nel quale 55 poliziotti sono stati uccisi e altri 11 feriti. Si diffonde la convinzione che i ribelli non siano solo un gruppo locale ma una forza ben organizzata.

Per ore le opere di soccorso sono state ostacolate dalle mine sepolte intorno al luogo della battaglia. E’ stato difficile persino raggiungere i feriti, giacenti in mezzo ai corpi dilaniati dalle granate. Circa 400 ribelli hanno lanciato l’attacco intorno alle 2 del mattino contro i 75 poliziotti che riposavano nel campo fortificato. Lo hanno illuminato con generatori portatili e colpito con bombe a mano e bombe molotov, in una battaglia durata 3 ore. Un testimone racconta che “quando i ripari hanno preso fuoco, i poliziotti sono dovuti uscire fuori e sono caduti sotto il fuoco dei ribelli”.

Trentanove dei poliziotti caduti appartengono al Salwa Judum, una milizia popolare creata da un anno e mezzo, nella quale sono arruolati decine di migliaia di tribali locali antimaoisti. Prima dell’arrivo dei rinforzi, i ribelli hanno depredato l’armeria e sono scomparsi nelle fitte giungle del Chhattisgarh e dell’Andhra Pradesh, dopo avere disseminato mine intorno al campo.

L’attacco di ieri è il più violento lanciato dai ribelli nel Chhattisgarh, da quando lo Stato fu costituito il 1° novembre 2000, e mostra la loro capacità di mobilitare centinaia di combattenti. Oggi molti ufficiali di polizia dicono che i maoisti non sono solo “una forza locale” e che il governo deve rivedere la propria politica. “I Naxaliti [nome che indica i maoisti indiani] – dice un ufficiale – non sono una milizia locale. Piuttosto operano come l’ala armata di un gruppo ben organizzato. Ricordatevi: polizia e governo debbono cambiare strategia”.

Accese critiche sono state rivolte contro il Capo ministro dello Stato, Raman Singh. Il ministro federale dell’Interno, Shivrai Patil, ha assicurato rinforzi militari e maggiori mezzi per contrastare simili azioni.

Da 30 anni i maoisti hanno iniziato la loro rivolta armata nell’India meridionale e settentrionale. Dicono di battersi per i diritti dei contadini privati della terra e dei tribali. In queste zone i funzionari non osano viaggiare con veicoli del governo, per paura di essere attaccati, e anche le milizie meglio organizzate non escono dai campi dopo il crepuscolo. I ribelli hanno una grande forza in 8 dei 16 distretti del Chhattisgarh e in alcuni hanno creato una vera amministrazione e un sistema di giustizia paralleli a quelli statali. Colpiscono sia le Forze dell’ordine che i civili che ritengono collaborino con lo Stato. Anche per questo sono state create queste milizie civili di tribali, che guidano le Forze di sicurezza nelle fitte foreste e che identificano i guerriglieri.

Secondo dati ufficiali, negli ultimi 22 mesi nel Chhatisgarh ci sono stati 1.187 attacchi violenti compiuti dai Naxaliti, con almeno 676 morti.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
30/05/2007 INDIA
Proseguono i disordini nel Rajasthan, dopo i morti di ieri
15/03/2007 INDIA
La polizia spara sui contadini: decine di morti e feriti
di Nirmala Carvalho
06/09/2006 PAKISTAN
Il Pakistan "cede" il Waziristan settentrionale ai ribelli tribali
23/03/2007 NEPAL
Maoisti contro poveri Madhesi: decine di morti e di feriti
di Prakash Dubey
30/04/2007 INDIA
Comunisti del Bengala in guerra contro i contadini
di Nirmala Carvalho

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate