27 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 11/01/2017, 15.17

    CINA

    Dopo la fine della legge sul figlio unico, la Cina deve migliorare le condizioni degli ospedali



    Il nuovo “piano sanitario quinquennale” comprende cure mediche per l’infanzia, istruzione primaria, aumento del personale e dei posti letto.  

    Pechino (AsiaNews) – Dal 1 gennaio 2016, il governo permette ai genitori cinesi di poter avere due figli. E ora, nonostante molti esperti ritengano che l’eliminazione della politica sul figlio unico non apporterà benefici alla situazione demografica cinese, il governo intende migliorare l’efficienza delle strutture ospedaliere statali.

    I cambiamenti previsti sono raccolti nel “piano sanitario quinquennale” (2016-2020) e comprendono una serie di servizi pubblici come le cure sanitarie per l’infanzia e l’istruzione primaria. Il governo intende anche soddisfare la domanda di nuove nascite aggiungendo 89mila posti letto e formando 140mila fra ostetriche ed infermiere.

    Secondo il piano, pubblicato martedì, nei prossimi cinque anni i problemi demografici si aggraveranno con tutta probabilità a causa di fattori come l’invecchiamento della popolazione, il crescente tasso di urbanizzazione e la mancanza di un sistema sanitario efficiente in alcune regioni. Stando alle previsioni, anche l’aspettativa di vita media, dovrebbe aumentare a 77,3 anni entro la fine del 2020. In parallelo la popolazione dovrebbe crescere da 1,37 miliardi (fine 2015) a 1,42 entro il termine del ventennio.

    Altro obiettivo importante per il governo cinese è quello di ridurre il tasso di mortalità infantile da 20,1 ogni 100mila nascite (nel 2015), a meno di 18. In quanto al tasso di mortalità causato da patologie come diabete o tumori, è previsto un calo del 10%.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/01/2017 14:48:00 CINA
    La politica dei due figli: oltre 18 milioni di nuovi nati. Ma i problemi restano.

    Nel 2016 ci sono stati l’11,5% di nascite in più rispetto al 2015. Tuttavia i costi di mantenimento dei figli e il basso reddito familiare medio non fermeranno il rapido invecchiamento della popolazione.



    12/01/2015 CINA
    Pechino, più di 30mila famiglie chiedono di avere un secondo figlio
    Dopo il rilassamento della famigerata legge sul figlio unico, varato nel 2013, la capitale ha visto un'impennata di richieste. I numeri, dicono gli analisti, "sono ancora bassi ma cresceranno". Entro la fine del 2015 la Cina toccherà gli 1,38 miliardi di abitanti.

    21/12/2006 CINA - HONG KONG
    Costerà di più per le donne cinesi partorire a Hong Kong
    Oltre il 30% dei neonati sono di donne non residenti che vengono qui per partorire. Ragioni mediche ma anche per aggirare la politica cinese del figlio unico. Ora Hong Kong vuole aumentare i costi medici per i non residenti.

    21/10/2015 CINA
    Cina, l’allarme degli esperti: Basta legge sul figlio unico o crolla il sistema
    Fra pochi giorni l’esecutivo nazionale si riunisce per stilare il prossimo piano quinquennale, economico e sociale. Le maggiori istituzioni scientifiche del Paese inviano un rapporto segreto al governo: se la legge che limita la natalità non verrà abolita subito, si rischia il collasso della forza-lavoro e del sistema pensionistico. Un accademico: “Potrebbe già essere troppo tardi”.

    22/12/2010 CINA
    La legge del figlio unico schiavizza il corpo delle donne
    Un rapporto di Chrd denuncia l’assoluto controllo sulla vita delle donne a causa della legge del figlio unico: visite ginecologiche forzate; aborti fino al nono mese; sterilizzazioni; impianti contraccettivi. L’arbitrio dei capi locali che usano le multe per arricchirsi. La legge del figlio unico “ancora per 5 anni” almeno.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®