24 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/02/2005
LIBANO - USA - SIRIA
Dopo la morte di Hariri, ministro Usa invita il patriarca Sfeir negli Stati Uniti

Il segretario di Stato per il Medio Oriente incontra il patriarca maronita e rinnova la minaccia di sanzioni sulla Siria se Damasco non rispetterà la risoluzione Onu.



Beirut (AsiaNews) – All'indomani dell'assassinio dell'ex premier libanese Hariri il vice segretario di Stato Usa William Burns ha incontrato nella tarda serata di ieri il patriarca maronita Nasrallah Pietro Sfeir, nella sua residenza patriarcale a Bkerke. Burns, incaricato dell'amministrazione Bush per il Medio Oriente, si è intrattenuto con Sfeir per oltre 45 minuti. Fonti vicine dal patriarca Sfeir hanno riferito ad AsiaNews la possibilità di una visita di Sfeir nei prossimi mesi negli Stati Uniti dove incontrerà responsabili americani di massimo livello. Hariri è stato ucciso con altre 15 persone in un violento attentato lunedì nel corso del quale è stato ucciso anche l'ex ministro del commercio, il deputato  anglicano di Basel Flaihan.

All'uscita dal colloquio con il prelato, Burns ha ribadito il pieno appoggio degli Stati Uniti all'applicazione immediata della risoluzione Onu 1559, che chiede il ritiro delle truppe siriane dal Libano. Burns ha inoltre espresso la possibilità di imporre nuove sanzioni alla Siria se Damasco non rispetterà le disposizioni delle Nazioni Unite. Egli ha affermato di aver discusso con Sfeir dell'esigenza di "continuare a chiarire le responsabilità giudiziarie" dell'assassinio di Hariri.

Ieri mattina oltre 800 mila persone hanno assistito ai funerali di Hariri: assenti i membri del governo libanese, si è notata la presenza del segretario generale della Lega araba, Amro Moussa, del vice presidente siriano, Khaddam, del rappresentante dell'Onu e di molti responsabili dei paesi arabi ed europei.

Il presidente francese Jacques Chirac ha trascorso 6 ore nella casa di Hariri, con la moglie Bernadette, per poi visitare la tomba del suo "grande amico" Hariri nel centro della capitale: il presidente francese non ha incontrato nessun esponente del governo libanese. Anche la Francia appoggia in pieno la risoluzione Onu per il ritiro dell'esercito siriano dal Libano.

Oggi il ministro dell'Interno Sleiman Franjiyeh si è recato a Kraitem, nell'abitazione di Hariri, a capo di una delegazione dei deputati del nord Libano. Franjiyeh ha presentato le sue condoglianze alla famiglia dell'ex premier ucciso e ha ribadito la "ferma volontà" del governo libanese di continuare le indagini per chiarire il caso e trovare i responsabili dell'uccisione di Hariri.

Egli ha ribadito che la morte di Hariri ha fatto "perdere" all'attuale governo la stima e l'appoggio  di una  grossa  comunità islamica, i sunniti, cui apparteneva l'ex premier assassinato. Franjiyeh si è mostrato fiducioso sugli organismi giudiziari libanesi che hanno chiesto l'interventi di periti svizzeri per portare avanti le indagini. (YH)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/02/2005 libano - siria
Patriarca maronita: chiedere il ritiro siriano con "calma e dialogo"
27/04/2005 libano - siria
Libano, via libera al governo di Najib Mikati
31/03/2005 siria - libano
Le promesse di Assad: ritiro dal Libano, un 2005 "di riforme"
di Jihad Issa
16/02/2005 libano - siria
Vescovi libanesi: "un regime liberticida" dietro l'assassinio di Hariri
23/05/2011 SIRIA
L’Europa “sanziona” Assad, la Siria sull’orlo della guerra civile
Articoli del dossier
libano - siria
Decine di libanesi "desaparecidos" nelle prigioni di Damasco
LIBANO
Decisive per il Libano le prossime 48 ore
LIBANO
Assassinio di Hariri: il governo libanese respinge le accuse Onu
LIBANO
Sfeir chiede un governo che lavori per le elezioni e la riconciliazione
Libano
Patriarca Sfeir: Vogliamo un Libano sovrano, indipendente e libero
LIBANO
Card. Sfeir: piena sovranità per Beirut, ma le manifestazioni preoccupano
LIBANO – SIRIA
L'opposizione cristiano-sunnita rifiuta il nuovo governo pro-siriano
LIBANO
Si riunisce il gruppo di opposizione appoggiato da Sfeir
libano - siria
A Beirut governo scelto sull'onda di opposte manifestazioni
LIBANO
Il patriarca Sfeir, il Libano ha diritto alla sua sovranità
SIRIA-LIBANO
La Siria sposta, ma non ritira, le truppe in Libano
Libano - Siria
Il Libano torna ad essere modello per il Medio Oriente
SIRIA - LIBANO
Russia e Usa premono sulla Siria: via le truppe dal Libano
LIBANO
Vescovi libanesi: subito governo transitorio, il paese rimanga unito
LIBANO - SIRIA
Libano: folla assedia il parlamento, Karame si dimette
libano - siria
Cristiani e musulmani libanesi : "Fuori la Siria!"
LIBANO - SIRIA
Manifestazione anti-Siria sfida il divieto del governo
Libano - Siria
Patriarca maronita : È urgente il dialogo fra opposizione e pro-siriani
libano - siria
Patriarca maronita: chiedere il ritiro siriano con "calma e dialogo"
vaticano - libano
Telegramma del papa al patriarca Sfeir per la morte di Rafic Hariri
libano - siria
Vescovi libanesi: "un regime liberticida" dietro l'assassinio di Hariri
LIBANO - VATICANO
Patriarca e nunzio vaticano porgono le condoglianze alla famiglia di Hariri
libano
Autobomba a Beirut, muore ex premier libanese

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate