24 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/03/2017, 08.53

    INDIA

    Dopo le elezioni regionali, i nazionalisti indù dominano in India

    C. T. Nilesh

    In Uttar Pradesh il nuovo chief minister è Yogi Adityanath, un guru radicale accusato di numerosi crimini. Il premier Narendra Modi ha attirato le simpatie della popolazione nonostante il bando delle rupie. Il Congress Party, di solito sostenuto da minoranze e dalit cui distribuiva posti di potere, ha fallito nel guadagnare consensi.

    New Delhi (AsiaNews) – Gli indù dominano nella politica dell’India. È il risultato più evidente delle recenti elezioni in cinque Stati indiani, dove il partito nazionalista indù del premier Narendra Modi si è consacrato come leader di primo piano. Egli è riuscito a ingraziarsi le simpatie delle popolazione nonostante il bando delle rupie. La parte da leone l’ha fatta nello Stato dell’Uttar Pradesh, il più popoloso di tutta l’Unione con oltre 200 milioni di abitanti, alla cui guida ha fatto eleggere Yogi Adityanath. Il neo-nominato chief minister è un guru indù della comunità monastica Gorakhnath, conosciuto per le sue posizioni radicali contro le minoranze religiose cristiana e musulmana. A suo carico ha numerose accuse, tra cui anche quella di omicidio. Da parte sua il Congress Party, da sempre sostenuto dalle minoranze e dai dalit, non è stato capace di attirare consensi. Di seguito il commento di un esperto di cultura e politica indiana.

    Dopo le recenti elezioni in cinque Stati dell’Unione indiana, l’influenza indù nella politica si è affermata con maggior forza. Il primo ministro Narendra Modi si è impegnato personalmente nella campagna elettorale ottenendo un successo personale e consolidando la sua posizione come leader del Bharatya Janata Party (Bjp) e del governo nazionale, premiando poi i suoi sostenitori con la poltrona di primo ministro nei governi locali.

    Molti si aspettavano che la recente demonetizzazione delle banconote di 1000 e 500 rupie, che ha messo nel caos il sistema bancario indiano, provocasse una reazione sfavorevole al governo. Tuttavia Modi è riuscito a presentarla come una mossa contro il mercato nero e contro i ricchi che esportano i loro capitali all’estero. Sembra che il popolo ci abbia creduto.

    Il successo maggiore è stato nello stato dell’Uttar Pradesh, il più popoloso dell’India, ritenuto la roccaforte del Congress Party. Qui negli ultimi 20 anni il Bjp aveva ottenuto una sola vittoria. Modi si è impegnato personalmente, parlando in più di 50 comizi contro la politica discriminante delle caste del Congress Party e presentandosi come paladino degli interessi indù.

    Ma quello che è più indicativo è il successo ottenuto negli Stati di Goa e di Manipur che hanno una consistente presenza cristiana dipingendo i governi precedenti come inefficienti. L’unico Stato in cui il Congress Party ha mantenuto la maggioranza è il Punjab dove si è alleato al partito locale dei sikh.

    Per compiacere gli indù, Modi affermava: “Se un pezzo di terreno è donato ai musulmani per costruirvi una moschea, anche gli indù dovrebbero avere un terreno per la cremazione dei loro morti. Se ai musulmani si concede l’elettricità gratuita durante il Ramadan, dovrebbe essere concessa anche durante il Divali”. Queste sono le affermazioni pronunciate da Modi durante un comizio contro la politica del Samajwadi Party accusato di favorire i musulmani.

    La contrapposizione tra indù e musulmani è da sempre presente nella politica indiana, dopo la dolorosa partizione del subcontinente tra India e Pakistan. In Uttar Pradesh la popolazione è pressappoco metà indù e metà musulmana. Ma il Bjp si è preso 312 dei 403 seggi del parlamento locale ed i musulmani hanno solo 25 seggi, il minor numero da sempre. Con questa tendenza gli indù aumentano i loro rappresentanti e le altre minoranze diminuiscono.

    Il Congress Party ha sempre attirato le minoranze musulmane, cristiane e di bassa casta promettendo loro seggi e posti influenti, ma sembra che in questa occasione non siano stati convincenti. Ora Narendra Modi torna a Delhi come leader affermato del governo e del Bjp. Molti si aspettano una visita del papa in India. Sarà capace Modi di trasformarla in un altro suo successo personale?

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/03/2017 11:41:00 INDIA
    Modi trionfa nelle elezioni regionali indiane e spinge al declino Rahul Gandhi

    La scorsa settimana cinque Stati indiani hanno eletto le assemblee locali. Il partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party del primo ministro ha primeggiato in due Stati, dove governerà da solo, mentre in altri due formerà delle coalizioni. La sua vittoria deriva da una paralisi politica e di leadership del principale oppositore, il Congress Party, presieduto da Sonia Gandhi ma guidato dal figlio Rahul.



    11/03/2017 10:41:00 INDIA
    Modi verso la vittoria in Uttar Pradesh

    Lo spoglio dei voti è iniziato questa mattina. Gli ultimi aggiornamenti riportano la vittoria di 305 seggi su 403. La tornata elettorale rappresenta un referendum sulle politiche del premier, dopo il bando delle rupie. Leader cristiano esprime preoccupazione per le politiche aggressive dei nazionalisti indù.



    21/06/2016 12:39:00 INDIA
    Parlamentare indù contro Madre Teresa. Card. Toppo: Lasciateli dire, era amata da tutti

    Lo yogi Adityanath è membro del partito nazionalista indù al governo e candidato ministro per il prossimo rimpasto di gabinetto. Egli ha dichiarato che Madre Teresa sarebbe stata “parte di un complotto per convertire l’India al cristianesimo”. Le istanze separatiste della parte nord orientale del Paese sarebbero colpa del tentativo di conversione al cristianesimo. L’arcivescovo di Ranchi ricorda che la Beata “amava tutti con amore sincero ed era al servizio dei più poveri tra i poveri”.



    26/09/2007 INDIA
    Nazionalisti indù: no alla visita degli inglesi, eredi dei colonizzatori
    Centinaia di manifestanti hanno ottenuto la cancellazione della visita, almeno in forma ufficiale, di un gruppo del Rgno Unito. Questi intendono rendere omaggio ai loro antenati morti durante la rivolta dell’Uttar Pradesh del 1857, da molti considerata il “primo seme dell’indipendenza indiana”.

    30/09/2015 INDIA
    India, ucciso a bastonate dalla folla: era "sospettato" di aver mangiato carne di mucca
    L’annuncio dato in un tempio indù locale. L’uomo era in casa con la famiglia e ora il figlio 22enne è in ospedale in condizioni critiche. Fondamentalisti dell'hindutva vogliono il bando della carne di manzo in tutto il Paese. La mucca è considerata sacra per l’induismo. Mons. Mascarenhas: “La vita umana è meno preziosa di quella degli animali? La maggioranza indù è tollerante. Faccio appello ad essa, affinchè condanni l’estremismo delle frange nazionaliste”.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®