08/10/2020, 15.33
CINA
Invia ad un amico

Dopo quelle di Mao, arrivano le ‘purghe’ di Xi Jinping

di Wei Jingsheng

Il presidente cinese ha messo sotto indagine il braccio destro di Wang Qishan, suo stretto alleato nella lotta alla corruzione. Prima ha colpito Ren Zhiqiang, esponente della sua base di potere. Xi sta “distruggendo con un coltello da macellaio” la sua cerchia politica. I casi di Liu Shaoqi e Lin Biao in epoca maoista. Il potere può essere controllato solo da un sistema democratico. Una riflessione del “padre della democrazia” in Cina, ora esule negli Stati Uniti.

Washington (AsiaNews) – Anche se l’infezione del presidente Usa Donald Trump con la polmonite di Wuhan ha catturato l’attenzione della stampa mondiale, molti media hanno rivolto lo sguardo anche alla strana partita a scacchi che si sta giocando a Pechino. Xi Jinping non solo ha condannato in modo duro l’imprenditore di Stato Ren Zhiqiang, mossa interpretata come un voltafaccia alla sua base di potere, la “Seconda generazione rossa”; nei giorni scorsi, egli ha fatto mettere sotto indagine Dong Hong,  il braccio destro del suo alleato Wang Qishan: un colpo alla fazione liberale del Partito comunista cinese (Pcc). Xi pensa di poter essere un dittatore che si circonda solo di adulatori?

Wang Qishan ha dato un grande contributo alla lotta di Xi contro i suoi nemici politici.  Ora che il presidente cinese ha voltato le spalle ai suoi stessi uomini, i media di Hong Kong e Taiwan non possono fare a meno di gridare aiuto.  Ma questa è la prassi del regime comunista cinese. Liu Shaoqi ha aiutato Mao Zedong ad affermare la sua autorità assoluta, ma è morto in prigione durante la Rivoluzione culturale; Lin Biao è stato una figura di prima piano nella conquista del potere da parte del Pcc, eppure il suo aereo si è schiantato nel deserto del Gobi in Mongolia. Wang è finito nel mirino del leader supremo? È in linea con la prassi.

Conosco i leader di molti Paesi e tutti hanno lo stesso modello di comportamento: non sono la stessa persona prima e dopo l'assunzione dell'incarico. Di solito hanno un grande ego, non curano le loro relazioni sociali e perdono credibilità. È come se il mantello della scimmia cambiasse di colore dopo che l’animale è diventato il capo branco.

Succede anche nei Paesi democratici. Ma le società sviluppate occidentali e orientali hanno aggiunto in modo graduale restrizioni e vincoli ai monarchi per evitare che l'eccessivo potere porti alla brutalità. Questi limiti al potere si sono sviluppati in tempi moderni fino a diventare un sistema democratico. Solo in un tale sistema il potere può essere controllato in maniera efficace, evitando di arrecare danni irragionevoli agli individui.  In questo contesto, anche “l'espansione brutale” trova dei limiti, e il potere non rappresenta più una minaccia per la società.

Perché Mao prima, e Xi oggi, hanno trattato in modo crudele e spietato amici, collaboratori e sostenitori? Perché la crescita del proprio ego rende i governanti incapaci di tollerare l'opposizione, e anche una piccola mancanza di rispetto sarà amplificata a dismisura e vista come una minaccia per la dittatura. Il cuore già “gonfio” non lo sopporta, così la rabbia cresce e il leader inizia a eliminare anche chi lo ha sempre sostenuto.

Quando vi sono dei vincoli ambientali, le persone non possono permettersi comportamenti brutali: la società in cui vivono li punirebbe. La brutalità e la cattiva condotta dei dittatori è il prodotto dell’ambiente di impunità da dove provengono. Visto il suo contributo alla causa di Mao, Liu Shaoqi pensava che il leader lo avrebbe perdonato. Lin Biao sapeva che non c’è amicizia, calore o apprezzamento tra i tiranni; né poteva discutere in modo razionale con Mao. Poteva resistere solo con l’uso della forza.

Questa è la ragione fondamentale per cui i regimi autoritari sono spesso rovesciati dalla violenza.  Un regime democratico tratta il sovvertimento di un governo come l'applicazione della Costituzione, rinnovando regolarmente i governanti; evita che un esecutivo a tempo indeterminato crei una dittatura, e non si fida del cosiddetto leader illuminato per conquistare il cuore del popolo. In larga parte, la scelta dei leader e delle principali politiche da parte del popolo ha evitato i disordini sociali, la perdita di proprietà e di vite umane causati dalle rivoluzioni violente.

Ma i regimi autoritari e i dittatori non sono sciocchi. Hanno una serie di strumenti per mantenere il loro dominio. Oltre agli stratagemmi e alla repressione, usano un sistema di eliminazione delle risorse umane per garantire che non si crei alcuna resistenza. Deng Xiaoping ha cancellato gli sforzi di riforma politica all’interno del Pcc. Xi Jinping sta facendo anche di peggio, distruggendo con un coltello da macellaio la sua base politica.

Non importa se la Seconda generazione rossa, la gente comune, il grande capitale, i lavoratori e la popolazione povera (quasi la metà in Cina), si sono resi tutti conto dei vantaggi della democrazia e dello Stato di diritto. Chiedono non solo una vita prospera, ma anche libertà e dignità, oltre al diritto alla protezione personale. Se la dittatura non può essere sconfitta pacificamente, rimane solo il diritto di rovesciarla con la violenza. Dal golpe di Lin Biao, a quello di Hua Guofeng, fino alla rivolta di Chen Sheng e Wu Guang (militari che si opponevano alla dinastia Qin), tutto è in linea con le tradizioni politiche e culturali cinesi.

Quello che è ridicolo, è che un piccolo gruppo di elite legato a burocrati come Wang Qishan si è sempre fatto beffe del diritto del popolo di rovesciare la tirannia con la violenza. Ma che può fare ora Wang? La riunione plenaria del Comitato centrale del Partito può essere tenuta da un gruppo di codardi che osano essere arrabbiati ma non hanno il coraggio di parlare?  La situazione sembra essere senza speranza.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il magnate dissidente Ren Zhiqiang condannato a 18 anni per corruzione
22/09/2020 09:00
Pechino: il magnate dissidente Ren Zhiqiang a processo per corruzione
10/09/2020 08:59
Pechino, ex docente della Scuola del Partito espulsa per i suoi commenti contro le autorità
18/08/2020 09:01
Pechino, incriminato il magnate Ren Zhiqiang: Aveva dato del ‘clown’ a Xi Jinping
25/07/2020 10:00
Cai Xia: Xi Jinping ha paura, per questo intensifica la repressione
22/10/2020 11:54