20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/10/2010, 00.00

    GIAPPONE – SVEZIA

    Due giapponesi e un americano vincono il Nobel per la chimica



    I tre devono la vittoria a un nuovo metodo di catalizzazione del palladio utilizzato per la lotta contro il cancro e nel campo dell’elettronica. I complimenti del Primo ministro giapponese Kan.

    Stoccolma (AsiaNews/ Agenzie) – Due ricercatori giapponesi Eiichi Negishi e Akira Suzuki vincono insieme al collega americano Richard Heck il premio Nobel per la chimica. Il loro merito è quello di aver inventato nuovo metodo di catalizzazione del palladio che ha permesso grandi passi nel campo medico ed elettronico. 

    Negishi, 75 anni, è professore di chimica alla Purdue University di West Lafayette (Indiana), mentre Suzuki ha 80 anni e insegna all'Università di Hokkaido a Sapporo, in Giappone. Heck, 79 anni, è invece professore emerito presso l'Università del Delaware.

    La notizia ha prodotto grande fermento in Giappone e questa mattina il Primo ministro Naoto Kan si è congratulato con Suzuki, che di risposta ha invitato il premier a fare buon uso delle risorse del Paese.

    Il metodo sviluppato dai tre ricercatori è stato utilizzato per produrre artificialmente una sostanza in grado di uccidere le cellule cancerogene, che in natura si trova solo nelle spugne marine. Nonostante sia già iniziata la sperimentazione clinica, non è ancora chiaro se la sostanza killer sia realmente efficace sull’uomo. L'industria elettronica ha invece utilizzato la scoperta per la produzione di monitor estremamente sottili.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/10/2016 08:41:00 GIAPPONE
    Allo scienziato Yoshinori Ohsumi il Nobel per la medicina 2016

    Ha studiato l’autofagia, il processo con cui le cellule si rinnovano. Una diminuzione di tale processo porta a malattie quali il Parkinson, il diabete, il cancro. E’ il quarto giapponese a ricevere il Premio Nobel per la medicina.



    06/10/2017 10:55:00 GIAPPONE-GRAN BRETAGNA
    Il Nobel per la letteratura a Kazuo Ishiguro, un po’ giapponese, un po’ britannico

    L’autore è nato a Nagasaki nel 1954 e vissuto poi in Gran Bretagna dove ha studiato inglese, filosofia e scrittura creativa. L’Accademia svedese mette in luce i temi ricorrenti nei suoi romanzi: memoria, tempo, disillusione. I giornali giapponesi sottolineano il suo carattere “britannico”. Ishiguro si definisce “una stramba miscela omogenea” fra cultura giapponese e inglese.



    11/10/2012 GIAPPONE
    Per il Premio Nobel Yamanaka, ricerca scientifica ed etica devono camminare insieme
    La ricerca sulle iPS (le staminali pluripotenti indotte) potrà produrre cellule staminali da cellule adulte, utilizzabili nella medicina rigenerativa. Le scoperte di Shinya Yamanaka rendono inutili le ricerche sulle cellule staminali embrionali, salvando la vita a molti embrioni. Il ricercatore giapponese ha tenttao nuove vie spinto dalla questione etica.

    13/10/2006 BANGLADESH - NORVEGIA
    Nobel per la pace all'economista del Bangladesh, Muhammad Yunus

    È l'inventore del microcredito. Missionari del PIME a Dhaka: è una figura stimata per la sua levatura morale, la vittoria dà speranza a tutti gli onesti del Paese. Ma, "attenzione a non idealizzare".



    11/12/2017 08:42:00 GIAPPONE-NORVEGIA
    Sopravvissuti di Hiroshima al Premio Nobel per la pace contro il nucleare

    Il Premio accettato da Beatrice Fihn, direttore esecutivo dell’Ican (Campagna internazionale per abolire le armi nucleari) e da Setsuko Thurlow, sopravvissuta di Hiroshima. La cerimonia snobbata dagli ambasciatori di Usa, Francia, Gran Bretagna. Il trattato per il bando delle armi nucleari è stato approvato da 122 nazioni, ma non dalle nove potenze nucleari. Finora ha ricevuto solo tre ratificazioni. Il sostegno di papa Francesco.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®