27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/04/2009, 00.00

    TIBET - ONU

    Durban II: discriminati i gruppi pro-Tibet

    Nirmala Carvalho

    La Cina si è opposta alla partecipazione di un gruppo pro-diritti umani in Tibet.Il Comitato rinvia ogni decisione, con esclusione “di fatto”. Tibetano in esilio parla del razzismo e del genocidio del governo cinese contro i tibetani.

    Dharamsala (AsiaNews) – Protesta il Tibetan Centre for Human Rights and Democracy (Tchrd) per la sua esclusione, voluta dalla Cina, dalla Conferenza internazionale delle Nazioni Unite sul razzismo iniziata ieri a Ginevra (Svizzera).  Urgen Tenzin, direttore esecutivo del Tchrd, in un’intervista esclusiva ad AsiaNews parla di un’occasione persa e racconta il sistematico razzismo praticato dalle autorità cinesi contro i tibetani.

    La Cina si è opposta alla partecipazione di gruppi pro-diritti come il Tchrd, nonostante siano riconosciuti in sede internazionale e abbiano già partecipato ad altre riunioni dell’Onu.

    Urgen sottolinea che “il Tchrd è stato ammesso alla prima Conferenza sul Razzismo, a Durban nel 2001, nonostante anche allora ci sia stata l’opposizione della Cina. Per questo avremmo dovuto automaticamente essere ammessi a Ginevra. Il problema è grave perché occorre fare presente che in Tibet si afferma sempre più il razzismo sostenuto dallo Stato cinese. La Conferenza Onu è una piattaforma internazionale dove parlare della sofferenza del popolo tibetano, ma ora questa sofferenza non potrà avere voce a Ginevra”.

    I tibetani accusano il governo cinese di genocidio culturale, soprattutto attirando la massiccia immigrazione nella regione di etnici Han, favoriti nei commerci e nei posti di potere. Inoltre nella vita pubblica e nell’istruzione sono bandite la lingua e la cultura tibetana. Questa politica e il continuo arrivo di etnici cinesi sta portando all’emarginazione dei tibetani nella loro stessa terra.

    Il Tchrd chiede alla Conferenza e ai singoli Stati partecipanti di indicare i Paesi che praticano e incoraggiano il razzismo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/04/2009 ONU - ISRAELE - VATICANO
    Durban II: l’Onu cerca di salvare il documento finale
    Secondo vari esperti (e anche secondo il Vaticano) il documento è buono e frena l’antisemitismo e riafferma che l’Olocausto non deve essere dimenticato. Allo stesso tempo mette in guardia tutti gli Stati membri contro razzismo e intolleranza basato su razza o religione.

    29/06/2009 TIBET - CINA
    I tibetani commemorano la Giornata mondiale contro la tortura
    Ogni anno le Nazioni Unite ricordano la ferma e totale condanna contro ogni tortura e trattamento inumano. I tibetani ricordano che in Cina queste pratiche sono ancora diffuse e chiedono a Pechino e al mondo di intervenire.

    19/04/2009 VATICANO
    Papa: “Importante” l’incontro Onu su Durban contro il razzismo
    La Conferenza Onu è stata boicottata da Stati Uniti, Canada, Australia, Israele e criticata dal governo italiano. Benedetto XVI augura un lavoro comune e costruttivo per mettere fine ad ogni forma di razzismo con l’educazione. Gli auguri alle Chiese ortodosse che oggi celebrano la Pasqua. Il grazie per gli auguri ricevuti in occasione del suo compleanno (16 aprile) e per la sua elezione a pontefice (oggi, 19 aprile). La Divina misericordia è la fonte dell’unità nella Chiesa, “unica famiglia”, con “un cuore solo e un’anima sola”.

    07/04/2008 TIBET - CINA
    Due monaci tibetani si suicidano mentre la polizia invade i monasteri
    La polizia cinese perquisisce i monasteri uno ad uno e arresta centinaia di monaci. Fa sfilare gli arrestati per le strade quale monito. Si suicidano due monaci, “colpevoli” di “pacifiche proteste”. Esuli tibetani: è solo quanto già accade da anni.

    22/04/2009 ONU – IRAN - ISRAELE
    Durban II: votata la dichiarazione finale. Resta la tensione fra Israele e Iran (e Oslo)
    Le polemiche suscitate dal presidente iraniano rischiavano di polarizzare i buoni risultati raggiunti dal testo. La delegazione vaticana è soddisfatta. Giudici dell’Organizzazione della conferenza islamica e avvocati norvegesi accusano Israele di crimini di guerra e pulizia etnica durante la recente guerra di Gaza.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®