20 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/04/2009
TIBET - ONU
Durban II: discriminati i gruppi pro-Tibet
di Nirmala Carvalho
La Cina si è opposta alla partecipazione di un gruppo pro-diritti umani in Tibet.Il Comitato rinvia ogni decisione, con esclusione “di fatto”. Tibetano in esilio parla del razzismo e del genocidio del governo cinese contro i tibetani.

Dharamsala (AsiaNews) – Protesta il Tibetan Centre for Human Rights and Democracy (Tchrd) per la sua esclusione, voluta dalla Cina, dalla Conferenza internazionale delle Nazioni Unite sul razzismo iniziata ieri a Ginevra (Svizzera).  Urgen Tenzin, direttore esecutivo del Tchrd, in un’intervista esclusiva ad AsiaNews parla di un’occasione persa e racconta il sistematico razzismo praticato dalle autorità cinesi contro i tibetani.

La Cina si è opposta alla partecipazione di gruppi pro-diritti come il Tchrd, nonostante siano riconosciuti in sede internazionale e abbiano già partecipato ad altre riunioni dell’Onu.

Urgen sottolinea che “il Tchrd è stato ammesso alla prima Conferenza sul Razzismo, a Durban nel 2001, nonostante anche allora ci sia stata l’opposizione della Cina. Per questo avremmo dovuto automaticamente essere ammessi a Ginevra. Il problema è grave perché occorre fare presente che in Tibet si afferma sempre più il razzismo sostenuto dallo Stato cinese. La Conferenza Onu è una piattaforma internazionale dove parlare della sofferenza del popolo tibetano, ma ora questa sofferenza non potrà avere voce a Ginevra”.

I tibetani accusano il governo cinese di genocidio culturale, soprattutto attirando la massiccia immigrazione nella regione di etnici Han, favoriti nei commerci e nei posti di potere. Inoltre nella vita pubblica e nell’istruzione sono bandite la lingua e la cultura tibetana. Questa politica e il continuo arrivo di etnici cinesi sta portando all’emarginazione dei tibetani nella loro stessa terra.

Il Tchrd chiede alla Conferenza e ai singoli Stati partecipanti di indicare i Paesi che praticano e incoraggiano il razzismo.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/04/2009 ONU - ISRAELE - VATICANO
Durban II: l’Onu cerca di salvare il documento finale
29/06/2009 TIBET - CINA
I tibetani commemorano la Giornata mondiale contro la tortura
di Nirmala Carvalho
19/04/2009 VATICANO
Papa: “Importante” l’incontro Onu su Durban contro il razzismo
07/04/2008 TIBET - CINA
Due monaci tibetani si suicidano mentre la polizia invade i monasteri
di Nirmala Carvalho
22/04/2009 ONU – IRAN - ISRAELE
Durban II: votata la dichiarazione finale. Resta la tensione fra Israele e Iran (e Oslo)

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate