4 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/01/2008
MYANMAR - UE
Dure critiche dalla Birmania alla politica Ue sul Myanmar
Un lungo editoriale dell’agenzia Mizzima accusa l’inviato Fassino di portare avanti una “diplomazia del megafono” fatta solo di conferenze stampa e retorica e che come unico risultato ha solo quello di irrigidire la giunta. Ormai Ue e Onu sono rimaste le uniche a credere di poter avere successo con i generali. Aung San Suu Kyi avverte: dai colloqui con la giunta solo false speranze.

Yangon (AsiaNews) – La “diplomazia del megafono” portata avanti dall’inviato Ue per il Myanmar, Piero Fassino, nasconde solo la “necessità di crearsi un’immagine di reale impegno” volta a “giustificare il suo ruolo come rappresentante dell’Unione”. È la dura critica contenuta nel lungo editoriale pubblicato ieri da Mizzima News, agenzia vicina all’opposizione birmana; l’articolo rivela la frustrazione della popolazione e degli esperti locali, stanchi di sentire solo proclami e vedere solo conferenze stampa di intenti al termine delle varie missioni di Onu e Ue nell’area. Entrambi gli organismi internazionali hanno sempre guardato come ad un risultato, seppur debole, la collaborazione offerta dalla giunta nell’aprire al dialogo dopo la repressione del movimento dei monaci buddisti l’anno scorso. Ma tutte le iniziative promosse dai generali si sono rivelate solo di facciata, una messinscena.
 
La stessa Aung San Suu Kyi, la leader dell’opposizione democratica, ha espresso la sua sfiducia a riguardo e ha invitato a “sperare nel meglio e prepararsi al peggio”. Lo hanno riferito i suoi compagni di partito, la Lega nazionale per la democrazia (Nld), con cui ieri i generali le hanno permesso di parlare. Il portavoce della Nld, Nyan Win, ha detto che la Suu Kyi è preoccupata che i 90 minuti di colloqui di ieri daranno adito solo ad una “falsa speranza”. Aung Kyi, ministro del Lavoro e incaricato della giunta per i rapporti con la rappresentante della democrazia, ha incontrato la “Signora” quattro volte da settembre scorso. Suu Kyi ha fatto presente la necessità di includere nei colloqui anche i rappresentanti dei vari gruppi etnici che combattono da decenni per l’autonomia. Ma si è detta frustrata dalla mancanza di dibattito con la giunta sulla cruciale questione delle riforme politiche.
 
Fassino è impegnato in questi giorni in un nuovo tour asiatico per ottenere la collaborazione dei governi regionali per una soluzione della crisi birmana. Lo scorso 29 gennaio ha incontrato l’uscente ministro thailandese degli Esteri, Nitya Pibulsonggram. E nella successiva conferenza stampa ha ribadito che se la giunta non collaborerà, l’Unione Europea penserà di aumentare le sanzioni. Sembra quindi che a sperare ancora che la politica del “bastone della carota” (sanzioni e aiuti umanitari) funzioni con i generali sia solo l’Unione Europea, commenta Mizzima News. Che all’Ue imputa la “mancanza di una strategia coerente e della consapevolezza che nei ultimi 20 anni i tentativi internazionali di portare cambiamenti in Myanmar sono tutti falliti”. L’editorialista, Larry Jagan, cita un ex alto esponente dell’intelligence birmana, il generale maggiore Kyaw Win, che usava ricordare: “La comunità internazionale deve capire che odiamo la diplomazia del megafono e che così non ci convincerà a fare niente”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/12/2007 CINA – UE – MYANMAR
Pechino all’Ue: ancora un no a pressioni sulla giunta birmana
19/10/2007 MYANMAR
La giunta "verso la democrazia”: ancora arresti e accuse all’Occidente
18/10/2007 MYANMAR
In ginocchio l‘economia birmana, ma non per le sanzioni
21/10/2013 UE – MYANMAR
Aung San Suu Kyi: Modificare la Costituzione per elezioni libere e giuste
18/08/2009 MYANMAR
San Suu Kyi nega di aver parlato di “alleggerimento” delle sanzioni contro la giunta

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate