22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/01/2018, 15.05

    EGITTO

    Egitto, Capodanno di sangue: uccisi due fratelli copti



    Un uomo armato ha aperto il fuoco contro un negozio di alcolici gestito da un cristiano a Giza, uccidendo due persone. L’Isis ha rivendicato l’attacco alla chiesa di di Mar Mina a Helwan. Cresce la solidarietà fra cristiani e musulmani contro il terrorismo. P. Rafic: Gli attacchi un “messaggio intimidatorio” al governo e al presidente che adottano politica di tolleranza verso i cristiani. 

     

    Il Cairo (AsiaNews) - Ancora sangue cristiano versato in Egitto. Nel Paese dei faraoni, il nuovo anno si apre con l’omicidio di due fratelli copti ortodossi che si trovavano all’interno di un negozio di alcolici ad al-Omraneya, quartiere di Giza ad ovest del Cairo, preso d’assalto da un uomo armato e mascherato nella notte fra il 31 dicembre e il primo gennaio.

    L’attacco giunge a pochi giorni di distanza dal raid che ha colpito una chiesa copta e un altro negozio di alcolici gestito da un cristiano, alla periferia sud del Cairo. Lo stesso papa Francesco all’Angelus del 31 dicembre aveva espresso vicinanza alla comunità copta ortodossa d’Egitto; il pontefice ha pregato per le vittime e perché “il Signore converta i cuori dei violenti”. 

    Fonti locali riferiscono che un uomo con il volto coperto, e armato di fucile, ha aperto il fuoco dall’esterno dell’edificio. I proiettili hanno investito e ucciso due fratelli cristiani, amici del proprietario del negozio di alcolici, all’interno del quale stavano festeggiando il Capodanno. Dopo aver colpito, l’assalitore è risalito sul proprio motorino e ha fatto disperdere le proprie tracce. L’attacco non è stato ancora rivendicato e non è chiaro se l’attentatore ha colpito il negozio perché distribuisce alcolici - pratica legale in Egitto, ma solo in negozi con apposite licenze - o perché il proprietario era copto. Sui social media intanto circolano le foto del cadavere di una delle vittime, coperto di sangue.

    Interpellato da AsiaNews p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, parla di “attacchi mirati” in “aumento” da parte degli estremisti. Il sacerdote aggiunge però che “non si tratta di gruppi o organizzazioni come Daesh [acronimo arabo per lo SI]”, che colpirebbero con “più uomini o per compiere stragi di maggiore portata”. Egli parla piuttosto di “singoli assalitori”, di lupi solitari che “hanno subito il lavaggio del cervello” e colpiscono i cristiani “ritenendoli infedeli”. 

    “Possiamo essere attaccati e questo può avvenire in qualsiasi momento”  afferma p. Rafic, soprattutto “nelle zone più povere”. “Questi attentati - conclude - più che una minaccia ai cristiani rappresentano un messaggio intimidatorio al governo e al presidente al-Sisi, La loro colpa è quella di aiutare i cristiani favorendo la costruzione di nuove chiese o promuovendo una politica di maggiore tolleranza. Oggi il presidente ha concesso la cittadinanza al nostro patriarca, ottenuta in meno di tre settimane rispetto ai due anni di tempo necessari”. 

    In una nazione di quasi 95 milioni di persone a larga maggioranza musulmana i cristiani copti sono minoranza consistente, pari al 10% circa del totale della popolazione. Nell’ultimo anno il Paese ha registrato una serie di attentati sanguinosi, che hanno coinvolto la stessa comunità cristiana e provocato oltre cento vittime. L’escalation di violenze aveva fatto temere perfino la cancellazione del viaggio apostolico di papa Francesco in Egitto, lo scorso aprile. Tuttavia, il pontefice ha rispettato il programma incontrando il presidente della Repubblica, il grande imam di al-Azhar e celebrato una messa davanti a decine di migliaia di fedeli.

    Il 29 dicembre scorso i terroristi hanno colpito la chiesa copta di Mar Mina, a Helwan, sobborgo a sud del Cairo. Nell’attacco sferrato da due terroristi armati sono morte almeno 10 persone, una ventina i feriti. Le celebrazioni per il Natale cattolico si sono svolte con regolarità; ora l’attenzione è concentrata sui riti copti, che festeggiano la nascita di Gesù il prossimo 7 gennaio ed è alto il pericolo di attentanti o violenze. 

    Intanto emergono nuovi dettagli sull’assalto alla chiesa copta di fine anno, rivendicato dallo Stato islamico (SI, ex Isis). Secondo testimoni locali sarebbero stati residenti e fedeli, e non la polizia, a impedire che il bilancio dell’attentato fosse ancora più elevato. In particolare, un uomo di 53 anni - abitante nella zona - sarebbero riuscito a bloccare uno dei due assalitori mentre stava ricaricando il suo fucile automatico, salvando la vita a decine di persone; altri hanno lanciato pietre contro il secondo assalitore in fuga. 

    Il raid è durato oltre 20 minuti e ne sono trascorsi altri 10 prima dell’intervento delle forze dell’ordine, che sono riuscite a catturare il secondo attentatore. I fedeli all’interno della chiesa hanno bloccato gli ingressi dell’edificio, impedendo agli assalitori di poter fare irruzione al suo interno. Fonti locali riferiscono infine di una crescente “solidarietà” fra cristiani e musulmani, uniti di fronte alla minaccia estremista.(DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/12/2017 12:28:00 EGITTO
    Mar Mina, i copti in lutto seppelliscono i morti dell’attentato

    Sono otto i fedeli uccisi in una sparatoria all'ingresso della chiesa. Nell'attacco rivendicato dall’Isis. Morti anche due agenti di polizia. La prontezza dei fedeli e l’appello dell’imam della moschea per soccorrere i ‘fratelli copti’ hanno evitato ulteriori vittime. Dal 2011, i copti nel mirino degli islamisti.



    29/12/2017 12:44:00 EGITTO
    Miliziani attaccano una chiesa copta a sud del Cairo, 10 morti e almeno 20 feriti

    Due delle vittime sarebbero ufficiali di polizia. Colpito a morte anche uno degli assalitori, che indossava una cintura esplosiva. Nel mirino la chiesa di Mar Mina a Helwan, sobborgo meridionale della capitale. Da giorni l’allerta è ai massimi livelli per il timore di attentati. Il cordoglio e le preghiere dei cattolici contro "il terrore". 

     



    07/01/2010 EGITTO
    Nag Hamadi: commando armato attacca cristiani copti, sette morti e tre feriti
    L’episodio è avvenuto alla mezzanotte di ieri, dopo la messa di Natale che la Chiesa copta celebra il 7 gennaio. L’assalto è una vendetta per un presunto caso di violenza sessuale contro una dodicenne, avvenuto nel novembre scorso.

    28/12/2017 09:35:00 EGITTO
    Parlamentare islamico vuole criminalizzare l’ateismo. P. Rafic: Scelta politica liberticida

    Il vice-presidente della commissione per gli Affari religiosi vuole punire un fenomeno “sbagliato” che insulta “le religioni abramitiche”. La proposta sostenuta da alte personalità di al-Azhar. Portavoce Chiesa cattolica: norma “sbagliata” che colpisce le libertà personali. Le celebrazioni natalizie “senza incidenti”, ma “resta alta l’allerta”. 



    16/10/2017 13:15:00 EGITTO
    Vescovo: l’assassino del sacerdote copto è un ‘fanatico’ estremista islamico

    Il vescovo di Beba Abba Estiganous parla di elementi di matrice confessionale nell’omicidio del “martire” Sam'an Shehata. Mohamed Sonbaty in passato avrebbe attaccato i suoi stessi familiari e incendiato la casa. Per i vicini è un “noto radicale”. Il dolore e la preghiera della Chiesa cattolica. 

     





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®