23 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/02/2017, 08.57

    INDONESIA

    Elezioni a Jakarta: la carica di governatore si deciderà al ballottaggio

    Mathias Hariyadi

    Al primo turno il governatore uscente “Ahok”, cristiano e al centro di una vicenda di blasfemia, ha conquistato il 43% dei voti. Il rivale islamico Baswedan si è fermato poco sotto la soglia del 40%. Decisivo il 17% dei voti conquistato dal figlio maggiore dell’ex presidente Yudhoyono. Il voto si è svolto senza incidenti. Attesa per il ballottaggio del 19 aprile. 

     

    Jakarta (AsiaNews) - Si deciderà al secondo turno la corsa per la carica di governatore di Jakarta, perché nessun candidato ha ottenuto il 50% dei voti necessari per conquistare la carica alla prima votazione. Secondo i dati (non ufficiali) emersi in queste ore, il governatore uscente Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama - a processo per un presunto caso di blasfemia che ha polarizzato la campagna elettorale - ha ottenuto il 43% dei voti. Il principale oppositore Anies Rasyid Baswedan, leader di un partito islamico e conservatore, ha totalizzato poco meno del 40%. 

    Analisti ed esperti sottolineano che a decidere l’esito finale del voto, al ballottaggio, sarà il pacchetto di voti conquistato al primo turno dal terzo candidato. Si tratta di Agus Harimurti Yudhoyono, anch’egli un musulmano e figlio maggiore dell’ex presidente Susilo, che ha totalizzato il 17%. Se gli elettori decideranno in base a simpatie “religiose”, questa scelta dovrebbe favorire Baswedan ma non vi sono certezze e la partita resta aperta. 

    I risultati ufficiali del primo turno dovrebbero essere diffusi entro la fine del mese. Il ballottaggio fra “Ahok” e il rivale del partito islamico è in programma per il prossimo 19 aprile. 

    Ieri non si è votato solo a Jakarta, ma in 101 distretti regionali sparsi per tutto il Paese (Pilkada). Una tornata elettorale che ha evidenziato le profonde divisioni etniche confessionali, che hanno finito per oscurare i reali problemi socio-economici che affliggono la nazione. 

    Purnama, meglio conosciuto col soprannome di “Ahok”, è stato il primo cristiano di etnia cinese a essere eletto governatore della capitale in oltre 50 anni. Egli era il vice dell’attuale presidente indonesiano Joko “Jokowi” Widodo e lo ha sostituito quando quest’ultimo ha deciso di concorrere per la carica più alta del Paese. 

    Tuttavia, nei mesi scorsi la frangia estremista islamica ha montato una campagna diffamatoria - con attacchi razzisti e violente proteste - contro il governatore uscente, finito a processo per insulto alla fede islamica. Sostenuto dal presidente Widodo, in questi anni egli si è distinto per la lotta alla corruzione, i tentativi di contrastare il traffico perennemente congestionato della capitale, la lotta al vizio, oltre che il rafforzamento dei settori della sanità e dell’istruzione. Fra i più feroci oppositori di questi ultimi mesi il partito dell’ex presidente Susilo Bambang Yudhoyono, il cui figlio maggiore ha concorso alla carica di governatore. 

    In un contesto di tensioni e divisioni va però sottolineato che il voto si è svolto in un clima sereno e senza incidenti di sorta. Polizia e forze di sicurezza, in stato di allerta, hanno presidiato i seggi per scongiurare possibili scontri fra le parti. Da segnalare le lamentele di alcuni elettori a Jakarta, che in un primo momento non hanno potuto votare per le lunghe code e, nel pomeriggio, perché erano esaurite le schede elettorali. 

    Per molti in questo voto non si gioca solo la partita per la carica di governatore, ma è in ballo anche il futuro di “unità nella diversità” che è alla base della moderna Indonesia. In un contesto sempre più polarizzato emerge con forza crescente la frangia estremista islamica che aspira a conquistare il potere sia a livello locale, che sul piano nazionale. Da qui il richiamo nei giorni scorsi dei vescovi e dei leader cattolici indonesiani che hanno chiesto di votare per figure “nazionaliste” che hanno a cuore la pluralità e la ricchezza multiculturale del Paese. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/02/2017 12:46:00 INDONESIA
    Cattolici indonesiani alle elezioni regionali fra tensioni e minacce

    Le elezioni regionali si svolgeranno il prossimo 15 febbraio. L’appello di alcune associazioni: “la nostra scelta per l’interesse della nazione”. L’impegno per la difesa di uno Stato pluralista.



    07/02/2017 11:37:00 INDONESIA
    Arcivescovo di Jakarta: al voto contro ogni estremismo e violenza

    Il 15 febbraio a Jakarta e in altri distretti e reggenze del Paese si vota per le Pilkada, le elezioni locali. Nel Paese si respira un clima di crescente tensione, esasperato da campagne e proteste promosse dall’ala estremista islamica. Nel mirino il governatore della capitale, perché cristiano. Mons. Suharyo: la Chiesa è apartitica, ma difende i valori fondanti dello Stato.

     



    22/02/2017 13:26:00 INDONESIA
    Elezioni regionali: Ahok in testa al primo turno, le proteste degli islamisti

    Le organizzazioni islamiche cercano ancora di interrompere la corsa del governatore uscente. A ottobre le accuse di blasfemia e il processo. Indette oggi le manifestazioni per far pressione al governo. Il ministro degli interni: “Solo per Ahok tutta questa rabbia”.



    09/08/2007 INDONESIA
    Il moderato Fauzi è il nuovo governatore di Jakarta
    Le proiezioni delle prime elezioni dirette per la nomina del governatore della capitale premiano il candidato nazionalista e sanciscono la sconfitta del PKS, partito di ispirazione islamica, la cui politica preoccupava le minoranze religiose del Paese. Attesi per la prossima settimana i risultati ufficiali.

    21/09/2012 INDONESIA
    Elezioni a Jakarta: vince la coppia sfidante, il vice è cristiano di etnia cinese
    Secondo gli exit-poll, al ballottaggio si conferma il successo (col 53% delle preferenze) della coppia Jokowi-Ahok. Analisti ed esperti parlano di vittoria “storica”, che avrà un riflesso anche nel panorama politico nazionale. La campagna elettorale caratterizzata da attacchi personali contro il candidato cristiano.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®