28/01/2005, 00.00
iraq
Invia ad un amico

Elezioni in Iraq, baathisti tornano dall'Italia per votare

Paese per paese, i numeri degli iracheni che votano all'estero.

Roma (AsiaNews) – Sono 280.303 i cittadini iracheni residenti all'estero registrati per andare a votare nei 14 stati dove domenica saranno aperti i seggi elettorali. Nell'ultimo giorno di registrazione (il 26 gennaio) si sono iscritti 24.643 nuovi votanti. Le operazioni di voto sono già iniziate questa mattina in alcuni paesi, ad esempio in Australia.

Tra gli iracheni che andranno alle urne in Iraq ci sono alcuni membri del Baath, il partito al potere con Saddam, rifugiatisi in Italia all'inizio della campagna militare Usa. Questi iracheni sono tornati nei giorni scorsi a Baghdad per prendere parte alle elezioni: "Andiamo a votare per mandare via gli americani dal nostro paese" hanno detto alla vigilia della loro partenza. "Saddam ci garantiva prosperità. Siamo coscienti che tornare in patria è molto rischioso, ma le elezioni sono l'unico modo per garantire un vero governo iracheno e fare in modo che la nostra patria non sia un protettorato Usa".

Per il timore degli attentati essi hanno fatto venire dall'Iraq alcuni parenti minorenni che non voteranno "perché" hanno dichiarato "se moriamo laggiù, almeno ci sarà qualcuno che si prenderà cura dei nostri figli".

Gli iracheni residenti in Italia sono solo 1.068 e concentrati in prevalenza a Roma, dove abitano una cinquantina di famiglie. Molti di loro sono religiosi (preti, suore, seminaristi) che si trovano in Italia per motivi di studio. Una donna originaria di Mosul e residente a Roma ha manifestato ad AsiaNews il suo desiderio di andare a votare: "Se ci fossero stati i seggi da noi, sarei andata  perché le elezioni possono dare stabilità al mio paese".

Di seguito AsiaNews offre una breve panoramica sugli iracheni registrati per votare all'estero.

AUSTRALIA

Gli iracheni votanti in Australia sono 11.806; le operazioni di voto sono iniziate questa mattina a Sidney e a Melbourne.

CANADA

Tre le città dove si vota in Canada: Toronto, Ottawa, Calgary. Gli iscritti alle liste sono 10.957.

DANIMARCA

Si vota nella capitale Copenaghen; gli elettori registrati sono 12.983

EMIRATI ARABI UNITI

Iscritti 12.581 votanti. Due le città sedi di seggio: Dubai e Abu Dhabi.

FRANCIA

Si vota solo a Parigi, registrati 1041 iracheni.

GERMANIA

Andranno alle urne 26.416 elettori in 4 centri: Berlino, Monaco, Colonia e Mannheim.

GIORDANIA

Le urne sono nella capitale Amman, dove si attendono 20.166 elettori.

IRAN

Nel vicino Iran saranno 60.908 gli iracheni che voteranno nelle 6 città sedi di voto: Teheran, Qom, Orumiyeh, Kermanshah, Ahvaz, Mashhad.

OLANDA

Tre le città olandesi per il voto iracheno: Amsterdam, Rotterdam e Zwolle. Gli iscritti alle liste elettorali sono 14.725.

REGNO UNITO

In Gran Bretagna 30.961 iracheni si sono registrati per votare a Londra, Manchester e Glasgow.

SVEZIA

In Svezia sono due le città sedi di seggio: Stoccolma e Gothenburg; gli elettori iscritti 31.045.

SIRIA

A Damasco sono attesi 16581 votanti.

TURCHIA

A Istanbul e Ankara sono iscritti 4187 elettori.

USA

Cinque le città americane dove i 25946 cittadini iracheni potranno votare: Washington, Detroit, Chicago, Los Angeles e Nashville. (LF-VFP)
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Leader curdo: Nessun dialogo coi baathisti sgozzatori e assassini
03/03/2005
Fallujah, il terrore e la violenza
16/11/2004
Vescovo di Kirkuk: "I terroristi 'resistono' al nuovo Iraq della democrazia"
16/11/2004
Al Yawar: Gli errori degli USA e il loro valore
13/12/2004
Cresce la violenza nella prospettiva delle elezioni
04/01/2005