23 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/03/2016, 15.48

    KAZAKHSTAN

    Elezioni in Kazakhstan: vittoria schiacciante – ma contestata – per il partito di Nazarbayev



    Il partito Nur Otan ha ottenuto l’82,15% dei consensi. Governerà con i partiti alleati comunista e democratico. Osservatori dell’Osce hanno contestato il voto. La tornata elettorale è stata anticipata per riaffermare il mandato popolare del Parlamento in tempo di crisi. Ma il Paese è in crescita. La figlia del presidente, già erede designata, potrebbe diventare presidente della Camera.

    Astana (AsiaNews/Agenzie) – Il partito “Nur Otan” del presidente del Kazakhstan Nursultan Nazarbayev ha vinto le elezioni parlamentari di ieri con l’82,15% dei voti. Altri due partiti alleati, quello comunista e Ak Zhol (democratico), hanno superato la soglia di sbarramento del 7% ed entreranno in Parlamento. Gli unici due partiti politici di opposizione invece – quello agrario (Auyl People’s Democratic Patriotic Party) e il social-democratico nazionalista – rimangono esclusi dalla rappresentanza parlamentare. Secondo gli analisti, il risultato elettorale era “scontato”, in un Paese che dal 1989 è saldamente nelle mani del suo “sovrano”.

    Oltre il 77% degli aventi diritto si è recato alle urne. L’affluenza ha segnato un nuovo record, superando anche quello della tornata precedente, nel 2012, che aveva registrato una partecipazione del 75,45%.

    I cittadini erano chiamati ad eleggere i 107 membri della Mazhilis, la Camera bassa del Kazakhstan. Secondo gli esperti, in pochi avrebbero scommesso su un risultato diverso da quello registrato, con 127 candidati del Nur Otan che di fatto hanno sbaragliato l’opposizione.

    Oggi gli osservatori dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce), hanno contestato il voto. La coordinatrice Marietta Tidei ha sottolineato: “Il Kazakhstan è ancora lontano dal soddisfare gli impegni elettorali, anche sono stati fatti alcuni progressi”.

    Mentre ieri si recava al seggio di Astana, il presidente Nazarbayev ha detto che “il governo sta considerando l’ipotesi di concedere maggiori poteri al Parlamento tramite una riforma costituzionale”. “Potrebbe esserci una redistribuzione del potere tra presidente, governo e Parlamento”, ha aggiunto.

    Secondi gli studiosi più attenti, il riferimento sarebbe da collegare alla candidatura della figlia del presidente, Dariga Nazarbayeva, attuale vice premier. Se la donna decidesse di abbandonare l’incarico governativo, avrebbe la strada spianata per la nomina a presidente della Camera. Questo rafforzerebbe ancora di più la sua posizione, dal momento che già viene considerata l’erede politico del padre, ormai 75enne.

    Le elezioni di ieri cadono in un periodo di ripresa economica del più grande Paese dell’Asia centrale. Anche queste, come le precedenti due tornate elettorali, sono state delle elezioni anticipate. Nazarbayev ha sciolto la Camera a inizio gennaio, dopo la richiesta degli stessi rappresentanti, nel tentativo di riaffermare il mandato popolare in caso di crisi economica. Da quel momento però, il prezzo del petrolio, la merce (più esportata) è cresciuto da 30 a 40 dollari al barile e il tenge – la moneta nazionale – si è rivalutato del 10%.

    Il voto anticipato appare sempre più una prassi per confermare il predominio politico dell’elite al potere. In particolare quello dello stesso presidente, che con una simile logica lo scorso anno ha prima fatto richiedere all’Assemblea del popolo nuove elezioni presidenziali anticipate, e poi è stato rieletto con una maggioranza bulgara del 97,7% dei voti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/04/2013 KAZAKHSTAN
    Kazakhstan, “la libertà religiosa non esiste”
    Si intensificano gli episodi di persecuzione ai danni delle minoranze confessionali. I membri delle comunità religiose e i difensori dei diritti umani informano che nel paese non c’è libertà di fede.

    28/01/2012 KAZAKHSTAN
    Migliaia di persone in piazza contro il governo kazako
    I manifestanti denunciano brogli nelle ultime elezioni parlamentari. Al voto del 15 gennaio scorso il partito del presidente Nazarbayev ha vinto con l’81% dei voti.

    11/03/2015 KAZAKHSTAN
    Il "sovrano" kazako Nazarbayev verso la quinta rielezione
    A febbraio l'Assemblea del popolo del Kazakhstan ha chiesto di indire elezioni anticipate, come già avvenuto nel 2011. Grazie ad un emendamento del 2011, il presidente ha la facoltà di organizzare elezioni senza rispettare la naturale scadenza del mandato. Il motivo ufficiale è la crisi economica e il nazionalismo russo. La ragione reale è la continuità politica dell'attuale presidente.

    14/01/2008 TAIWAN
    La vittoria del KMT, punto di svolta per il dialogo con la Cina
    Il Kuomintang ha ottenuto 81 seggi parlamentari contro i 27 dei democratici, ma rischia di perdere consensi in vista delle prossime elezioni presidenziali. Il presidente Chen lascia la guida del Partito, si assume la responsabilità della disfatta e parte per un tour diplomatico. Il popolo cinese guarda alle elezioni “lezione di democrazia”, e non ai risultati.

    31/01/2011 KAZAKHSTAN
    La Corte costituzionale kazaka boccia il referendum su Nazarbayev, ma spetta a lui l’ultima parola
    La “spontanea” proposta popolare, approvata dal parlamento che ha un solo partito, prevede che il presidente, in carica dal 1991, possa rimanervi fino al 2020. La Corte dice che è incostituzionale, ma che l’ultima decisione spetta al capo dello Stato.



    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®