19/10/2018, 14.26
VIETNAM
Invia ad un amico

Enorme allevamento abusivo di suini sul lago Trị An: a rischio salute e ambiente

di Lam Ngoc

Il bacino fornisce l’acqua a 22 milioni di persone. Con una superficie di 13.770mq, l’impianto sarà in grado di allevare 2.500 “heo nái” (scrofe) e decine di migliaia di “heo thịt” (maiali). L’impianto è stato costruito prima di valutare il suo impatto ambientale.

Hanoi (AsiaNews) – Un enorme impianto per l’allevamento e la lavorazione del maiale minaccia la salute di quanti vivono sulle sponde e a valle del lago di Trị An, bacino d’acqua attraversato dal Đồng Nai. Questo è il secondo fiume del Sud del Vietnam dopo il Mekong e rifornisce d’acqua oltre 22 milioni di persone: 2,8 milioni di residenti nell’omonima provincia, 14 milioni di cittadini di Hồ Chí Minh City e 6 milioni di abitanti delle regioni limitrofe.

La sig.ra Phan Thị Trâm, proprietaria della MTV Limited Company, lo scorso 15 ottobre ha terminato la costruzione dello stabilimento. Con una superficie di 13.770mq, a pieno regime l’impianto sarà in grado di allevare 2.500 “heo nái” (scrofe) e decine di migliaia di “heo thịt” (maiali). I cittadini che vivono nei terreni circostanti, protestano per quella che definiscono una “struttura abusiva” che, riversando in acqua scarti e rifiuti, rischia di causare una grave emergenza sanitaria lungo tutto il percorso a valle del fiume Đồng Nai.

“Vedevamo molte ‘persone strane’ venire qui per costruire la grande fattoria – raccontano gli abitanti – Alcuni mesi fa, quest'area era destinata alla coltivazione di alberi e allo sviluppo delle foreste. Tuttavia, i quadri dei Comitati del popolo del distretto di Định Quán e della provincia di Đồng Nai, hanno permesso alla signora Phan Thị Trâm di costruire ‘l'enorme e segreta fattoria’, proprio a monte del fiume Đồng Nai”.

Alcuni anziani che vivono nella remota comunità sottolineano anche “l’alto rischio di inondazione che correrebbe l’impianto, qualora avviasse le operazioni”. “Se le acque allagassero la fattoria, tutta la sporcizia ed il letame dei maiali si riverserebbero nel lago e nel fiume, ponendo a rischio la salute di milioni di persone”, dichiarano.

In condizioni di anonimato, un alto funzionario del ministero dell’Ambiente, afferma che “l’impianto è stato costruito prima ancora della redazione di una Valutazione di impatto ambientale (Eia), necessaria per simili iniziative”. “Solo poco prima della fine dei lavori – dichiara – il direttore della MTV Limited Company ha consentito l’ingresso agli ispettori. Questa è una procedura sbagliata e pericolosa”.

Il dott. Phạm Viết Thuận, direttore dell'Istituto di economia e risorse ambientali di Hồ Chi Minh City, definisce “inaccettabile” il comportamento delle autorità del distretto e della provincia. “Questo allevamento di maiali non solo causa un inquinamento idrico molto alto, ma è anche fonte di epidemie estremamente pericolose. Quando l’impianto scaricherà rifiuti nell'acqua, i batteri e i germi causeranno malattie a decine di cittadini”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tolto il bando alla carne suina mentre vi sono nuove morti
24/08/2005
Seoul e Dublino onorano p. McGlinchey, missionario che ha salvato l'isola di Jeju dalla fame
24/02/2015
Dong Nai, attivisti armati fanno irruzione in una chiesa
06/09/2017 12:08
Influenza suina: l’Asia si mobilita contro il rischio di una pandemia
27/04/2009
Sale a 31 il numero di morti per l'infezione dei maiali nel Sichuan
29/07/2005