19 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/01/2009, 00.00

    TURCHIA - ISRAELE

    Erdogan accolto come un eroe dopo le critiche a Shimon Peres



    Il premier turco ha criticato con asprezza l’operazione israeliana a Gaza e ha abbandonato un dibattito televisivo. Ban Ki-moon per gli aiuti d’emergenza alla popolazione palestinese della Striscia. Netanyahu chiede di “neutralizzare” l’Iran.

    Istanbul (AsiaNews/Agenzie) – Più di 5 mila persone hanno accolto il premier turco Erdogan al suo ritorno in Turchia questa mattina, sventolando bandiere turche e palestinesi. Erdogan era di ritorno da Davos, dal World economic forum, dove ha abbandonato un dibattito televisivo con il presidente israeliano Shimon Peres sulla guerra di Gaza. Il premier turco ha lasciato il programma dopo che il moderatore del dibattito gli ha permesso solo un minuto per ribattere a un lungo e appassionato intervento di Peres a difesa dell’offensiva israeliana.

    Erdogan ha detto: “Trovo molto triste che la gente applauda a quanto lei dice. Molte persone sono state uccise. E penso che ciò sia molto ingiusto e non è per nulla umanitario”. Egli ha poi abbandonato il set giurando che non sarebbe più tornato a Davos.

    A Istanbul la folla ha osannato Erdogan con striscioni che lo ringraziavano e lo salutavano come un nuovo “leader mondiale”. Il premier ha tentato di ridurre il peso della sua presa di posizione, prendendosela con il moderatore che non gli ha lasciato spazio. Rimangono però le sue parole contro la politica israeliana a Gaza.

    La Turchia è uno dei pochi Paesi a maggioranza islamica a mantenere rapporti diplomatici con Tel Aviv. Lo stesso Erdogan svolge una funzione di mediatore in un iniziale dialogo fra Siria e Israele e un tentativo di spingere Hamas a divenire solo un movimento politico e non di guerriglia e liberare Gilad Shalit, il soldato israeliano rapito nel 2006.

    A Istanbul Erdogan ha spiegato alla folla che “le nostre parole pesanti non sono dirette contro il popolo d’Israele, non contro gli ebrei, ma contro il governo israeliano”.

    Allo stesso dibattito con Erdogan e Peres ha partecipato anche il segretario Onu Ban Ki-moon, che ha lanciato un appello di emergenza per la raccolta di 613 milioni di dollari Usa per aiutare la popolazione palestinese dopo l’attacco di Gaza. La raccolta dovrebbe risolvere l’emergenza di acqua, cibo e materiale sanitario per i prossimi 6-9 mesi.

    Al forum è anche presente Benjamin Netanyahu, leader israeliano del Likud, che ha suggerito di “neutralizzare” l’Iran per ridurre il pericolo di attacchi da parte di Hamas a Gaza e di Hezbollah dal sud Libano.

    Secondo analisti, la presa di posizione di Erdogan, più che mirare a un taglio delle relazioni con Israele, tende a frenare l’ascesa di Netanyahu e le sue posizioni oltranziste.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/07/2014 ISRAELE - PALESTINA
    Israele, il rombo dei cannoni ha zittito la pietà. Persino per un ragazzo bruciato vivo
    Mentre risuonano le sirene di allarme su Gerusalemme e Tel Aviv e la vita a Gaza è divenuta un inferno di fuoco, il vero crimine è aver scordato la pietà e l'indignazione per omicidi atroci e razzismo dilagante. È quanto afferma Uri Avnery, giornalista israeliano, scrittore e leader di Gush Shalom (Blocco di pace), organizzazione indipendente che sostiene una soluzione pacifica all'annoso conflitto tra Israele e Palestina, e la creazione di uno Stato palestinese entro i confini del 1967. Di seguito, pubblichiamo un editoriale di Uri Avnery sulla nuova crisi che infiamma il Medio Oriente. Traduzione a cura di AsiaNews.

    05/03/2009 ISRAELE – PALESTINA
    Raid aereo israeliano a Gaza. Uccisi tre estremisti islamici
    Il primo raid ha “attaccato e ucciso” il comandante delle milizie islamiche, responsabile del lancio di razzi contro Israele lo scorso fine settimana. Nel secondo sono stati uccisi due militanti che avevano attaccato una pattuglia dell’esercito israeliano. I fondamentalisti promettono vendetta.

    17/01/2009 ISRAELE – PALESTINA
    Gaza: Israele vota la tregua, mentre si continua a morire
    Stasera a Gerusalemme il governo vota la sospensione unilaterale dell’attacco, a condizione che cessino i lanci di razzi e sia rilasciato il caporale Gilad Shalit. Ma Hamas: la guerra continua. Colpita anche una scuola gestita dall’Onu: sei morti, tra cui una donna e due bambini.

    12/09/2005 israele - palestina
    Palestinesi in trionfo sulle rovine degli insediamenti ebraici di Gaza


    25/06/2015 ISRAELE - PALESTINA
    Israele revoca i permessi di ingresso ai palestinesi di Gaza, concessi per il Ramadan
    Il provvedimento in risposta al lancio di razzi dalla Striscia, Almeno 500 persone, fra uomini e donne, avrebbero dovuto partecipare alla preghiera del venerdì alla Spianata delle Moschee. Per Israele Hamas, anche se non ha lanciato i missili, è “responsabile” della sicurezza nel territorio.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®