5 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/07/2012
CINA
Ergastolo per l'ex capo del Partito che ha ucciso la steppa mongola
Per 8 anni Liu Zhouzhi ha intascato bustarelle favorendo lo sfruttamento minerario della regione fino a distruggere il paesaggio, inquinare i terreni e inaridire le fonti dei pascoli.

Pechino (AsiaNews) - L'ex capo del Partito comunista nella Mongolia interna è stato condannato al carcere a vita per aver preso mazzette che hanno portato all'inquinamento della steppa mongola e all'oppressione dei pastori mongoli. Secondo la sentenza, pubblicata ieri sul Beijing News, Liu Zhozhi, che era stato radiato dal Partito prima del processo, ha usato i suoi otto anni al potere per intascare fino a 8,17 milioni di yuan (oltre un milione di euro).

La sentenza, emessa il 2 luglio scorso dal Tribunale del popolo di Pechino, non è stata impugnata dal condannato.

Secondo l'accusa, dal 2002 al 2010 Liu è stato in successione capo della lega governativa di Xilingol; poi segretario del partito; poi vicepresidente del governo della Regione autonoma. Grazie al suo potere egli ha accettato bustarelle e percentuali per approvare nuove imprese economiche, dando soprattutto licenze per la requisizione di terre a fine di sfruttamento minerario.

Negli ultimi anni la corsa a sfruttare miniere nella regione di Xilingol - dal rame alle terre rare - ha portato alla distruzione di paesaggi, prosciugamento delle fonti e relativa aridità dei pascoli, inquinamento delle terre. Per molto tempo i pastori mongoli si sono lamentati e ribellati, anche se il governo ha cercato di sopprimere le rivolte.

Liu Zhuozhi si è arricchito anche facilitando promozioni nel Partito per i suoi amici. Per ogni promozione egli riceveva circa 650mila yuan.

La corte l'ha condannato a una pena "leggera" (non alla pena di morte) perché Liu ha confessato i suoi crimini e ha ridato indietro il denaro ricevuto in bustarelle.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/05/2011 CINA
Crescono tensioni e controlli nella Mongolia Interna
27/05/2011 CINA
Mongolia Interna: in piazza la protesta contro i soprusi cinesi
17/03/2009 CINA
La fossa dei dinosauri nel deserto di Gobi
26/07/2011 CINA
Mongolia Interna: nuove proteste e scontri con la polizia, decine di feriti
01/09/2009 CINA
In Cina a rischio i raccolti di cereali, la peggiore siccità degli ultimi anni

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate