27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/07/2012, 00.00

    CINA

    Ergastolo per l'ex capo del Partito che ha ucciso la steppa mongola



    Per 8 anni Liu Zhouzhi ha intascato bustarelle favorendo lo sfruttamento minerario della regione fino a distruggere il paesaggio, inquinare i terreni e inaridire le fonti dei pascoli.

    Pechino (AsiaNews) - L'ex capo del Partito comunista nella Mongolia interna è stato condannato al carcere a vita per aver preso mazzette che hanno portato all'inquinamento della steppa mongola e all'oppressione dei pastori mongoli. Secondo la sentenza, pubblicata ieri sul Beijing News, Liu Zhozhi, che era stato radiato dal Partito prima del processo, ha usato i suoi otto anni al potere per intascare fino a 8,17 milioni di yuan (oltre un milione di euro).

    La sentenza, emessa il 2 luglio scorso dal Tribunale del popolo di Pechino, non è stata impugnata dal condannato.

    Secondo l'accusa, dal 2002 al 2010 Liu è stato in successione capo della lega governativa di Xilingol; poi segretario del partito; poi vicepresidente del governo della Regione autonoma. Grazie al suo potere egli ha accettato bustarelle e percentuali per approvare nuove imprese economiche, dando soprattutto licenze per la requisizione di terre a fine di sfruttamento minerario.

    Negli ultimi anni la corsa a sfruttare miniere nella regione di Xilingol - dal rame alle terre rare - ha portato alla distruzione di paesaggi, prosciugamento delle fonti e relativa aridità dei pascoli, inquinamento delle terre. Per molto tempo i pastori mongoli si sono lamentati e ribellati, anche se il governo ha cercato di sopprimere le rivolte.

    Liu Zhuozhi si è arricchito anche facilitando promozioni nel Partito per i suoi amici. Per ogni promozione egli riceveva circa 650mila yuan.

    La corte l'ha condannato a una pena "leggera" (non alla pena di morte) perché Liu ha confessato i suoi crimini e ha ridato indietro il denaro ricevuto in bustarelle.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/05/2011 CINA
    Crescono tensioni e controlli nella Mongolia Interna
    Centinaia di poliziotti della sicurezza vigilano sulle piazze; internet è stato sconnesso; giovani sono reclusi nei loro campus. I mongoli criticano gli investimenti minerari nella regione (carbone e terre rare), che inquinano le loro terre e distruggono i pascoli e la loro vita quotidiana. Giornale del Partito: Queste manifestazioni non sono simili a quelle del Tibet e dello Xinjiang.

    27/05/2011 CINA
    Mongolia Interna: in piazza la protesta contro i soprusi cinesi
    In migliaia scendono in piazza, in varie città, dopo che etnici Han hanno ucciso 2 leader dei pastori locali, che lottavano contro la distruzione dell’ambiente. Pechino vuole soprattutto sfruttare le miniere della zona e gli etnici mongoli sono in minoranza nella loro stessa terra.

    17/03/2009 CINA
    La fossa dei dinosauri nel deserto di Gobi
    A Hohhot sono esposti due modelli di animali preistorici. Provengono da un gruppo di 25 uccelli morti durante una siccità circa 90 milioni di anni fa. La loro scoperta data dal 2001.

    26/07/2011 CINA
    Mongolia Interna: nuove proteste e scontri con la polizia, decine di feriti
    I nuovi scontri scoppiano dopo che il governo locale assegna terre a un imprenditore han, che uccide il bestiame per cacciare i pastori mongoli. Decine di feriti. Ma Pechino cerca una soluzione per evitare le proteste nella regione, grande fornitrice di carbone.

    01/09/2009 CINA
    In Cina a rischio i raccolti di cereali, la peggiore siccità degli ultimi anni
    I dati ufficiali parlano di 12,73 milioni di ettari di colture assetate. Ma fonti ufficiose descrivono una situazione peggiore. Colpite soprattutto le regioni grandi produttrici di cereali. Il governo teme proteste sociali da parte dei poveri contadini che rischiano di perdere tutto.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®