24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/01/2018, 09.02

    INDIA

    Esce nelle sale il film Padmaavat, nonostante le critiche dei radicali indù



    La pellicola distribuita in oltre 5mila teatri. Il film è osteggiato dalle caste elevate del Gujarat e dai gruppi indù Karni Sena e Mahakaal Sena. Negli scontri, incendiato un autobus di bambini. Corte suprema ribadisce il “diritto di libera espressione dei cinema”.

    New Delhi (AsiaNews) – E' uscito ieri nelle sale di tutta l’India il film Padmaavat, il poema epico bollywoodiano che nei mesi scorsi ha attirato feroci critiche dei gruppi radicali indù. La distribuzione nelle sale era stata osteggiata da quattro Stati (Gujarat, Madhya Pradesh, Bihar e Rajasthan) che lamentavano una lettura distorta e offensiva di fatti storici. Dopo l’intervento della Corte suprema che ha disposto la proiezione nei cinema, ora sarà il pubblico a stabilire il successo della pellicola. A guardare le lunghe code che si sono create fuori dalle sale, intanto è la curiosità a prevalere.

    Alla vigilia dell’uscita del film in molte aree del Paese si è diffusa la protesta. A Gurgaon i radicali hanno appiccato il fuoco ad un autobus che stava trasportando bambini a scuola. Le immagine del pullman  in fiamme hanno fatto il giro della rete e suscitato indignazione. Nessun minore è rimasto ferito.

    Intanto ieri esponenti del Karni Sena, uno dei gruppi indù contrari al film, hanno tentato ancora di convincere gli spettatori a non entrare nei teatri distribuendo rose rosse. Un uomo in attesa della proiezione a Lucknow riferisce: “Se non guardassi il film, sosterrei il Karni Sena e i violenti che hanno attaccato i bambini”.

    La controversia sul film è scoppiata lo scorso novembre. I nazionalisti indù hanno costretto la produzione a rimandare la prima, prevista per il primo dicembre. Hanno anche lanciato minacce di morte contro i protagonisti, la star Deepika Padukone e il collega Ranveer Singh, due famosissimi attori di Bollywood.

    Oltre ai fondamentalisti del Karni Sena, fautori della protesta sono gli indù del Mahakaal Sena, insieme ad alcune organizzazioni che rappresentano le caste elevate del Gujarat. Il motivo del dissidio è una scena romantica fra la regina indù Padmavati (ruolo ricoperto dalla star di Bollywood) e il re invasore musulmano Alauddin Khilji (Singh). All’uscita dalla sala, lo spettatore Suman Sharma sostiene: “La discordia sulla trama amorosa è del tutto malriposta”.

    I radicali hanno dapprima inscenato manifestazioni di piazza, poi tentato in tutti i modi di impedire la proiezione. La pellicola è stata sottoposta a revisione da parte del Central Board of Film Certification, che ne ha modificato il titolo da “Padmavati” a “Padmavaat”. Alla fine il 18 gennaio la Corte suprema ha stabilito che “gli Stati non possono proibire la proiezione del film”. Il presidente Dipak Misra ha aggiunto che “i cinema sono parte inseparabile del diritto di libera parola ed espressione”.

    Ora il film è disponibile in oltre 5mila sale. La produzione Viacom 18 Motion Pictures ha pagato oltre 30 milioni di dollari per le riprese, una delle somme più alte del cinema indiano.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/01/2018 08:49:00 MALAYSIA
    Kuala Lumpur vieta il film Padmaavat: ‘Urta la sensibilità islamica’

    Nei mesi scorsi, il poema epico ha attirato feroci critiche dei gruppi radicali indù in India. Al centro delle proteste la presunta storia d’amore tra una regina indù ed un monarca musulmano del 13mo secolo. Il film ritirato da 90 sale del Paese.



    25/10/2017 15:32:00 INDIA
    Mons. Barwa: le vittime cristiane di Kandhamal meritano maggiori risarcimenti

    Oggi i leader cristiani dell’Orissa hanno presentato un documento alle autorità. Il testo chiede di applicare la sentenza della Corte suprema che stabilisce ricompense più elevate per le vittime del pogrom del 2008. Arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar: “Preghiamo per i sette cristiani innocenti ancora in carcere”.



    13/07/2016 11:28:00 INDIA
    Kerala, nelle sale il primo documentario sui martiri di Kandhamal

    Il documentario si intitola “Voce dalle rovine – Kandhamal in cerca di giustizia”, e sarà proiettato dal 17 al 19 luglio. Il regista ripercorre le origini della violenza contro i cristiani dell’Orissa, in maggioranza poveri tribali e dalit. I radicali indù si sono resi protagonisti di varie ondate di persecuzione a partire dagli anni ’60. La lotta dei sopravvissuti per avere giustizia; i numeri delle violenze.



    20/10/2012 INDIA
    Corte suprema: Nuove indagini sulle violenze anticristiane di Kandhamal
    Il più alto tribunale indiano chiede conto all’Orissa delle numerose assoluzioni legate ai pogrom del 2008. Su 185 processi, solo 64 condanne e tutte per reati minori. Nessuna sentenza per omicidio, stupro, saccheggio, incendio doloso. Un rapporto compilato da una ong ha spinto la Corte suprema ad agire.

    03/08/2016 11:56:00 INDIA
    Corte suprema: Maggiori risarcimenti alle vittime cristiane di Kandhamal

    Il tribunale supremo ha stabilito che il pagamento concesso in precedenza è inadeguato. Nel 2011 il governo locale di Kandhamal ha stanziato 273mila euro per la ricostruzione. Non è stata ancora stabilita l’entità del risarcimento. Attivista cattolico: “È importante che i giudici si siano interessati”.





    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®