2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/10/2004
cina
Esplosione in miniera: sale il bilancio dei morti

Alla ricerca di alti profitti, gli standard di sicurezza vengono ignorati . Nei primi 9 mesi del 2004, sono stati uccisi 4153 minatori.



Pechino (AsiaNews/Agenzie) -  É salito a 64 il numero delle vittime per l'esplosione di gas in una miniera cinese di carbone. A tutt'oggi, la speranza di trovare vivi altri 84 minatori è quasi nulla.

Secondo la versione del governo,  finora vi sono 298 superstiti su 446 persone che mercoledì 20 ottobre lavoravano nella miniera di Daping, quando è scoppiata l'esplosione.

Questa mattina i 1000 membri delle squadre di soccorso non hanno trovato nessun sopravvissuto. I corpi dei minatori morti recuperati presentano segni di soffocamento a causa del gas tossico (metano) che è fuoriuscito dalla vena del carbone. In meno di tre minuti la densità del gas nell'atmosfera è salita dal 2 al 40%.

La miniera Daping, di proprietà dello stato, impiega 4100 persone e si trova nella città di Xinmi, sulle montagne di Songshan a circa 40 km dalla città industriale di Zhengzhou (Henan).

Il presidente Hu Jintao e il Primo ministro Wen Jiabao hanno chiesto alle autorità locali di non risparmiare gli sforzi nelle operazioni di ricupero. Hua Jianmin, segretario generale del Consiglio di stato, è giunto ieri a Xinmi per coordinare le operazioni. Intanto è stata lanciata un'inchiesta sulle cause dell'incidente.

Sun Huashan, vice-direttore dell'ufficio statale per la Sicurezza, ha detto ieri che "questo è l'incidente più grave di questi ultimi anni… Il numero di vittime mostra che vi sono molte falle alla sicurezza nell'industria mineraria".

L'abbassamento degli standard di sicurezza e l'aumento degli incidenti mortali nelle miniere di carbone sono legati alla crescente domanda di energia in Cina e alla ricerca di alti profitti da parte degli imprenditori del carbone. Molti di loro preferiscono aumentare i profitti che utilizzare parte di essi per migliorare i sistemi di sicurezza.

In Cina, per ogni milione di tonnellata di carbone prodotta, vi sono 12 morti nelle miniere private; nelle miniere statali ve n'è 1; negli Stati Uniti la cifra è di 0,03 morti ogni milione di tonnellate.

La Cina è divenuto il maggior produttore di carbone. L'anno scorso  ha prodotto 1,6 miliardi di tonnellate di carbone.

Le statistiche ufficiali riportano che l'anno scorso sono morti 4800 minatori per incidenti in miniera. Nei primi 9 mesi di quest'anno sono stati uccisi 4153 minatori. La maggior parte dei lavoratori nelle miniere statali e private sono contadini migranti, senza preparazione e con poco senso della sicurezza.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/10/2004 CINA
Esplosione in una miniera dell'Henan: almeno 56 morti e 92 dispersi
25/02/2005 cina
I cattolici cinesi in aiuto delle vittime delle miniere
10/12/2004 CINA - DIRITTI UMANI
Pechino cancella conferenza sui diritti dei lavoratori
07/10/2004 cina
A Shenzhen 3 mila operai protestano contro lo sfruttamento
26/09/2006 CINA
Nelle miniere cinesi 2.900 morti in 8 mesi
Articoli del dossier
CINA
Cina, esplosione in miniera uccide 65 operai
CINA
Cina: esplosione di gas uccide 21 persone
CINA
Miniere di carbone nel nordest cinese: 51 morti
CINA
Almeno 8 morti e 30 intrappolati in due miniere cinesi
CINA
Stime ufficiali: salgono del 20% le vittime nelle miniere di carbone
CINA
Incidenti nelle miniere di carbone dello Shanxi: 2 esplosioni, 60 morti
CINA
Shanxi: esplosione in miniera, 29 dispersi
CINA
Esplosione nello Shanxi: almeno 20 bambini morti
cina
I cattolici cinesi in aiuto delle vittime delle miniere
CINA
L'inesorabile carneficina dei minatori cinesi (Scheda)
CINA
Miniere in Cina: in 2 giorni 220 i morti
CINA
Liaoning: almeno 203 morti in un'esplosione in miniera
CINA
Sichuan: 14 morti nell'esplosione di una miniera
CINA
Hunan: 4 morti e 16 dispersi per un incendio in miniera
CINA
Shanxi: 33 vittime nell'esplosione di una miniera
CINA
La Cina costretta a mantenere il circolo vizioso delle miniere e dei morti
CINA
Shaanxi: salgono a 166 le vittime dell'esplosione nella miniera
CINA
Esplosione nella miniera: una tragedia annunciata
CINA
Shaanxi: nessuna speranza per i 141 minatori dispersi
CINA
Ventimila minatori uccisi ogni anno per saziare la sete di energia
CINA
Esplosione in miniera: 49 morti e 11 dispersi
CINA
Esplosione in una miniera dell'Henan: almeno 56 morti e 92 dispersi
cina
Minatori del carbone, condannati alla morte
CINA
Esplosione in miniera: 15 morti

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate