23 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/08/2012, 00.00

    INDIA

    Esplosioni di Pune: un attacco terroristico fallito



    Secondo i servizi indiani, un difetto tecnico ha evitato la tragedia. Il modus operandi riconduce al gruppo Indian Mujahideen (Im), autore di diversi attentati in India. Le autorità interrogano l’unico ferito, per viaggi sospetti in Giordania e Dubai.

    Pune (AsiaNews/Agenzie) - Quello di Pune è stato "un attacco terroristico in piena regola", che "solo per caso" non si è consumato in tragedia. Così le autorità del Maharashtra definiscono le cinque esplosioni in sequenza ravvicinata, avvenute nel tardo pomeriggio di due giorni fa in pieno centro città. I servizi indiani ancora non si sbilanciano sui possibili autori dell'attacco, ma l'ipotesi più accreditata è quella che vede coinvolto il gruppo Indian Mujahideen (Im). Intanto, continua l'interrogatorio a Dayanand Patil, 34 anni, unico ferito nelle esplosioni. Le autorità vogliono chiarire alcuni suoi spostamenti: secondo il suo passaporto, egli avrebbe viaggiato in Giordania e a Dubai nel 2003.

    Secondo i servizi, gli esplosivi avrebbero causato danni limitati grazie a difetti nella fabbricazione: ogni ordigno era dotato di due o tre detonatori, ma almeno cinque di essi non hanno funzionato. Intanto, il ritrovamento di tracce di nitrato di ammonio e benzina rende più solida l'ipotesi della mano dell'Im. I terroristi infatti avrebbero usato le stesse sostanze negli attentati di Lucknow, Faizabad e Varanasi (novembre 2007) e quello di Jaipur (2008). Altre circostanze analoghe sono la disposizione degli ordigni - trovati in bidoni della spazzatura, biciclette nuove e sacchi di plastica - e l'esplosione in sequenza, a intervalli di tempo ravvicinati.

    Gli ordigni hanno colpito il Gandharwa Theatre, la Dena Bank, un Mc Donald e il Garware College, considerato la "Oxford dell'Asia". L'incidente ha riportato i cittadini di Pune a quel 13 gennaio del 2010, quando un attacco terroristico contro un noto ristorante provocò nove vittime e 60 feriti.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/07/2011 INDIA
    Hillary Clinton in India: Pakistan, terrorismo, interessi commerciali
    Sono gli argomenti centrali della visita del segretario di Stato Usa. Un docente di filosofia morale e politica: “Washington interessata alla sicurezza dell’India per proteggere i rapporti economici con New Delhi”. Il viaggio della Clinton avviene a una settimana dalle esplosioni di Mumbai, che hanno provocato 19 morti e 141 feriti.

    15/02/2010 INDIA
    Vescovo di Pune: Il terrorismo ci divide; le religioni unite lo combattono
    Nell’attacco a Pune, lo scorso 13 febbraio, sono morte 9 persone, fra cui un’italiana e un iraniano. Fra i 60 feriti vi sono 12 stranieri. I politici indiani si dividono e il Bjp vuole bloccare i dialoghi con il Pakistan. Mons. Dabre, vescovo della città colpita, sottolinea che la “vittima” del terrorismo è anzitutto la convivenza fra religioni e culture differenti e per questo è necessaria la collaborazione fra persone di diverse fedi e tradizioni.

    29/10/2005 india
    Serie di esplosioni uccidono decine di persone a Delhi
    Sospetti su terroristi pakistani. Il governo di Islamabad condanna gli attentati.

    28/07/2008 INDIA
    Vescovo: “Le bombe di Ahmedabad vogliono dividere l’India”
    Mons. Fernandes denuncia una strategia per fomentare contrasti di fede ed etnici nella società indiana. Ma racconta la solidarietà dimostrata al momento degli attentati. Almeno 49 morti per le esplosioni, avvenute in modo da causare quante più vittime e insicurezza.

    30/10/2005 india - pakistan
    Militanti islamici rivendicano gli attentati di Delhi

    India e Pakistan si accordano per aprire le frontiere del Kashmir, per aiutare le vittime del terremoto.





    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®