30 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/08/2012
INDIA
Esplosioni di Pune: un attacco terroristico fallito
Secondo i servizi indiani, un difetto tecnico ha evitato la tragedia. Il modus operandi riconduce al gruppo Indian Mujahideen (Im), autore di diversi attentati in India. Le autorità interrogano l’unico ferito, per viaggi sospetti in Giordania e Dubai.

Pune (AsiaNews/Agenzie) - Quello di Pune è stato "un attacco terroristico in piena regola", che "solo per caso" non si è consumato in tragedia. Così le autorità del Maharashtra definiscono le cinque esplosioni in sequenza ravvicinata, avvenute nel tardo pomeriggio di due giorni fa in pieno centro città. I servizi indiani ancora non si sbilanciano sui possibili autori dell'attacco, ma l'ipotesi più accreditata è quella che vede coinvolto il gruppo Indian Mujahideen (Im). Intanto, continua l'interrogatorio a Dayanand Patil, 34 anni, unico ferito nelle esplosioni. Le autorità vogliono chiarire alcuni suoi spostamenti: secondo il suo passaporto, egli avrebbe viaggiato in Giordania e a Dubai nel 2003.

Secondo i servizi, gli esplosivi avrebbero causato danni limitati grazie a difetti nella fabbricazione: ogni ordigno era dotato di due o tre detonatori, ma almeno cinque di essi non hanno funzionato. Intanto, il ritrovamento di tracce di nitrato di ammonio e benzina rende più solida l'ipotesi della mano dell'Im. I terroristi infatti avrebbero usato le stesse sostanze negli attentati di Lucknow, Faizabad e Varanasi (novembre 2007) e quello di Jaipur (2008). Altre circostanze analoghe sono la disposizione degli ordigni - trovati in bidoni della spazzatura, biciclette nuove e sacchi di plastica - e l'esplosione in sequenza, a intervalli di tempo ravvicinati.

Gli ordigni hanno colpito il Gandharwa Theatre, la Dena Bank, un Mc Donald e il Garware College, considerato la "Oxford dell'Asia". L'incidente ha riportato i cittadini di Pune a quel 13 gennaio del 2010, quando un attacco terroristico contro un noto ristorante provocò nove vittime e 60 feriti.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/02/2010 INDIA
Vescovo di Pune: Il terrorismo ci divide; le religioni unite lo combattono
di Nirmala Carvalho
20/07/2011 INDIA
Hillary Clinton in India: Pakistan, terrorismo, interessi commerciali
di Nirmala Carvalho
29/10/2005 india
Serie di esplosioni uccidono decine di persone a Delhi
28/07/2008 INDIA
Vescovo: “Le bombe di Ahmedabad vogliono dividere l’India”
di Nirmala Carvalho
30/10/2005 india - pakistan
Militanti islamici rivendicano gli attentati di Delhi

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate