20 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/08/2012
INDIA
Esplosioni di Pune: un attacco terroristico fallito
Secondo i servizi indiani, un difetto tecnico ha evitato la tragedia. Il modus operandi riconduce al gruppo Indian Mujahideen (Im), autore di diversi attentati in India. Le autorità interrogano l’unico ferito, per viaggi sospetti in Giordania e Dubai.

Pune (AsiaNews/Agenzie) - Quello di Pune è stato "un attacco terroristico in piena regola", che "solo per caso" non si è consumato in tragedia. Così le autorità del Maharashtra definiscono le cinque esplosioni in sequenza ravvicinata, avvenute nel tardo pomeriggio di due giorni fa in pieno centro città. I servizi indiani ancora non si sbilanciano sui possibili autori dell'attacco, ma l'ipotesi più accreditata è quella che vede coinvolto il gruppo Indian Mujahideen (Im). Intanto, continua l'interrogatorio a Dayanand Patil, 34 anni, unico ferito nelle esplosioni. Le autorità vogliono chiarire alcuni suoi spostamenti: secondo il suo passaporto, egli avrebbe viaggiato in Giordania e a Dubai nel 2003.

Secondo i servizi, gli esplosivi avrebbero causato danni limitati grazie a difetti nella fabbricazione: ogni ordigno era dotato di due o tre detonatori, ma almeno cinque di essi non hanno funzionato. Intanto, il ritrovamento di tracce di nitrato di ammonio e benzina rende più solida l'ipotesi della mano dell'Im. I terroristi infatti avrebbero usato le stesse sostanze negli attentati di Lucknow, Faizabad e Varanasi (novembre 2007) e quello di Jaipur (2008). Altre circostanze analoghe sono la disposizione degli ordigni - trovati in bidoni della spazzatura, biciclette nuove e sacchi di plastica - e l'esplosione in sequenza, a intervalli di tempo ravvicinati.

Gli ordigni hanno colpito il Gandharwa Theatre, la Dena Bank, un Mc Donald e il Garware College, considerato la "Oxford dell'Asia". L'incidente ha riportato i cittadini di Pune a quel 13 gennaio del 2010, quando un attacco terroristico contro un noto ristorante provocò nove vittime e 60 feriti.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/02/2010 INDIA
Vescovo di Pune: Il terrorismo ci divide; le religioni unite lo combattono
di Nirmala Carvalho
20/07/2011 INDIA
Hillary Clinton in India: Pakistan, terrorismo, interessi commerciali
di Nirmala Carvalho
29/10/2005 india
Serie di esplosioni uccidono decine di persone a Delhi
28/07/2008 INDIA
Vescovo: “Le bombe di Ahmedabad vogliono dividere l’India”
di Nirmala Carvalho
30/10/2005 india - pakistan
Militanti islamici rivendicano gli attentati di Delhi

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate