01 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/12/2011, 00.00

    RUSSIA

    Eterogenea e apolitica, l’opposizione russa è contro Putin, ma senza un leader

    Nina Achmatova

    In piazza continua a scendere la nascente classe media, ma per ora il movimento non ha figure leader. Gli organizzatori: per adesso l’obiettivo è formare una società civile e delegittimare il partito di Putin.
    Mosca (AsiaNews) – Eterogeneo, trasversale, non strutturato in gerarchie e apolitico: il movimento che in Russia sta animando le più vaste proteste anti-governative degli ultimi 15 anni è difficile da classificare. Dopo la grande manifestazione del 24 dicembre a Mosca, sociologi e media stanno provando a darne una definizione.

    Da un mese il movimento chiede l’annullamento delle ultime elezioni legislative, la riforma della legge elettorale e la fine del cosiddetto “putinismo”. Il premier Vladimir Putin, principale bersaglio degli slogan scanditi dai manifestanti, sta usando la mancanza di un leader-interlocutore nel movimento per giustificare il non dialogo tra il suo governo e la piazza. Per alcuni esperti, finché le proteste non avranno un volto ben definito, il Cremlino non si sentirà mai abbastanza minacciato per aprire il confronto.

    Ma per ora, quella che è stata ribattezzata “l’opposizione extra sistema” non cerca né leader, né un’agenda politica. Evghenia Chirikova, attivista per l’ecologia e tra gli animatori delle manifestazioni, dichiara ad AsiaNews: “Non è importante strutturarsi in un partito politico; adesso l’importante è formare una società civile consapevole dei propri diritti e togliere potere e credibilità al partito dei ladri e dei truffatori”. Così è infatti chiamata ormai la formazione di governo “Russia Unita”, vincitrice delle ultime elezioni tra accuse di brogli e irregolarità.

    Secondo i sociologi, gli intellettuali, attivisti per i diritti umani, giovani studenti e lavoratori, piccoli imprenditori e liberi professionisti, che stanno scendendo in piazza in modo pacifico organizzandosi su internet e social network, rappresentano la nascente classe media russa. Si tratta della “Mosca creativa”, ha detto Boris Nemtsov, ex vice premier di Etsin e ora a capo del movimento Solidarnost che organizza le manifestazioni: “Persone educate, istruite, che viaggiano e si informano sul web e non sui media ufficiali”.

    Gli istituti demoscopici confermano. Secondo una ricerca condotta dal centro indipendente Levada, il 62% ha una laurea, il 69% appoggia partiti liberali o ‘democratici’ e più di due terzi usa con regolarità il web, che continua a rimanere lo strumento più importante dell’opposizione. I tre quarti dicono di protestare contro le autorità, ma non hanno una visione comune su chi possa rappresentare l’alternativa a Putin, che si prepara a tornare al Cremlino, con le presidenziali del 4 marzo.

    Per il 41% dei rispondenti al sondaggio, il giornalista Leonidi Parfionov incarna un possibile leader, mentre il popolare scrittore Boris Akunin e il famoso blogger Alexei Navalny raccolgono rispettivamente il 35% e il 36%. Da notare, però, che solo il 22% si dice pronto a votare per Navalny come presidente, mentre il 21% sceglierebbe Grigory Yavlinsky, leader del partito d’opposizione extra parlamentare Yabloko.

    Un altro sondaggio, ma dell’istituto statale Vtsiom, conferma a grandi linee le stesse caratteristiche. E mentre la nascente società civile russa promette di continuare a scendere in piazza fino alle presidenziali di marzo, già denunciate come illegittime, Vladimir Putin, candidato favorito, affronta un vero crollo di popolarità passando dal 60% dei consensi del 2008 all’attuale 44%, come rivela il centro demoscopico Opinione Pubblica.

    Per lui a marzo voteranno principalmente gli abitanti della Siberia, con uno stipendio inferiore alla media, residenti delle zone rurali, gli anziani e le donne. Il premier, invece, è molto meno popolare tra i cittadini con redditi più elevati, istruzione superiore, i residenti di Mosca e del Distretto Federale Centrale in età tra 45 e 54 anni.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/12/2012 RUSSIA
    Un anno dalla rivoluzione "della neve" contro Putin. Opposizione ancora debole e divisa
    Il prossimo 15 dicembre manifestazione a Mosca per celebrare la ricorrenza e continuare a chiedere riforme. Il neonato Consiglio di coordinamento stenta a decollare, tra rivalità e differenze di posizione, mentre il Cremlino continua a dimostrarsi disinteressato al dialogo.

    05/07/2006 RUSSIA
    Summit di Mosca: libertà religiosa, fonte di pace. D'accordo anche Cina e Iran

    Si è chiuso oggi l'incontro mondiale dei leader religiosi. Il messaggio finale invoca il rispetto delle minoranze etniche e religiose ed è stato firmato anche da Paesi che non lo mettono in pratica. Auspicata un'economia a misura dell'uomo.



    04/11/2003 RUSSIA
    Capitalismo in riflusso

    La Russia sembra condannata a rinchiudersi nella mancanza di libertà economica, religiosa e politica, ripetendo gli errori del passato. Un esperto di "cose russe", analizza per AsiaNews gli ultimi avvenimenti del gigante est-europeo.



    19/04/2012 RUSSIA
    Proteste e scioperi ad Astrakan: le autorità ammettono irregolarità di voto
    Nella città del sud della Russia, l'ex candidato sindaco continua lo sciopero della fame contro i presunti brogli che hanno portato alla vittoria il rivale, membro del partio putiniano Russia Unita. Smettere di mangiare invece che andare in piazza, diventa una forma di dissenso che inizia a far paura al Cremlino.

    02/09/2008 RUSSIA
    Magomed Yevloyev, critico del Cremlino, ucciso dalla polizia
    Il suo sito attaccava il presidente dell’Ingushezia, grande amico di Vladimir Putin. Secondo la polizia, la morte è stata “accidentale”. Nel mondo russo il mestiere dei giornalisti è fra i più pericolosi.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®