25 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/12/2011
RUSSIA
Eterogenea e apolitica, l’opposizione russa è contro Putin, ma senza un leader
di Nina Achmatova
In piazza continua a scendere la nascente classe media, ma per ora il movimento non ha figure leader. Gli organizzatori: per adesso l’obiettivo è formare una società civile e delegittimare il partito di Putin.

Mosca (AsiaNews) – Eterogeneo, trasversale, non strutturato in gerarchie e apolitico: il movimento che in Russia sta animando le più vaste proteste anti-governative degli ultimi 15 anni è difficile da classificare. Dopo la grande manifestazione del 24 dicembre a Mosca, sociologi e media stanno provando a darne una definizione.

Da un mese il movimento chiede l’annullamento delle ultime elezioni legislative, la riforma della legge elettorale e la fine del cosiddetto “putinismo”. Il premier Vladimir Putin, principale bersaglio degli slogan scanditi dai manifestanti, sta usando la mancanza di un leader-interlocutore nel movimento per giustificare il non dialogo tra il suo governo e la piazza. Per alcuni esperti, finché le proteste non avranno un volto ben definito, il Cremlino non si sentirà mai abbastanza minacciato per aprire il confronto.

Ma per ora, quella che è stata ribattezzata “l’opposizione extra sistema” non cerca né leader, né un’agenda politica. Evghenia Chirikova, attivista per l’ecologia e tra gli animatori delle manifestazioni, dichiara ad AsiaNews: “Non è importante strutturarsi in un partito politico; adesso l’importante è formare una società civile consapevole dei propri diritti e togliere potere e credibilità al partito dei ladri e dei truffatori”. Così è infatti chiamata ormai la formazione di governo “Russia Unita”, vincitrice delle ultime elezioni tra accuse di brogli e irregolarità.

Secondo i sociologi, gli intellettuali, attivisti per i diritti umani, giovani studenti e lavoratori, piccoli imprenditori e liberi professionisti, che stanno scendendo in piazza in modo pacifico organizzandosi su internet e social network, rappresentano la nascente classe media russa. Si tratta della “Mosca creativa”, ha detto Boris Nemtsov, ex vice premier di Etsin e ora a capo del movimento Solidarnost che organizza le manifestazioni: “Persone educate, istruite, che viaggiano e si informano sul web e non sui media ufficiali”.

Gli istituti demoscopici confermano. Secondo una ricerca condotta dal centro indipendente Levada, il 62% ha una laurea, il 69% appoggia partiti liberali o ‘democratici’ e più di due terzi usa con regolarità il web, che continua a rimanere lo strumento più importante dell’opposizione. I tre quarti dicono di protestare contro le autorità, ma non hanno una visione comune su chi possa rappresentare l’alternativa a Putin, che si prepara a tornare al Cremlino, con le presidenziali del 4 marzo.

Per il 41% dei rispondenti al sondaggio, il giornalista Leonidi Parfionov incarna un possibile leader, mentre il popolare scrittore Boris Akunin e il famoso blogger Alexei Navalny raccolgono rispettivamente il 35% e il 36%. Da notare, però, che solo il 22% si dice pronto a votare per Navalny come presidente, mentre il 21% sceglierebbe Grigory Yavlinsky, leader del partito d’opposizione extra parlamentare Yabloko.

Un altro sondaggio, ma dell’istituto statale Vtsiom, conferma a grandi linee le stesse caratteristiche. E mentre la nascente società civile russa promette di continuare a scendere in piazza fino alle presidenziali di marzo, già denunciate come illegittime, Vladimir Putin, candidato favorito, affronta un vero crollo di popolarità passando dal 60% dei consensi del 2008 all’attuale 44%, come rivela il centro demoscopico Opinione Pubblica.

Per lui a marzo voteranno principalmente gli abitanti della Siberia, con uno stipendio inferiore alla media, residenti delle zone rurali, gli anziani e le donne. Il premier, invece, è molto meno popolare tra i cittadini con redditi più elevati, istruzione superiore, i residenti di Mosca e del Distretto Federale Centrale in età tra 45 e 54 anni.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/12/2012 RUSSIA
Un anno dalla rivoluzione "della neve" contro Putin. Opposizione ancora debole e divisa
di Nina Achmatova
05/07/2006 RUSSIA
Summit di Mosca: libertà religiosa, fonte di pace. D'accordo anche Cina e Iran
01/04/2010 RUSSIA
Dagestan, esplode un’auto: due morti. A Mosca i funerali delle vittime della Metro
31/03/2010 RUSSIA
Doppio attentato nel Dagestan, nove i morti
30/03/2010 RUSSIA
Putin ha portato all’islamizzazione del terrorismo caucasico

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate