18 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/12/2011, 00.00

    THAILANDIA

    Export e occupazione: l’economia thai dopo l’emergenza alluvione

    Weena Kowitwanij

    Bangkok deve ritrovare la fiducia degli investitori esteri. Il debito Ue e le difficoltà degli Stati Uniti hanno influito – forse – più del disastro naturale. Per il 2012 le politiche governative dovrebbero rilanciare la crescita, prevista attorno al 7%. Appelli all’esecutivo per l’adozione di iniziative volte a prevenire i disastri.
    Bangkok (AsiaNews) – Il governo thai deve ritrovare la fiducia degli investitori esteri, per contenere le perdite e risollevare un’economia segnata dalle alluvioni del 2011 – le peggiori degli ultimi 50 anni – che hanno messo in ginocchio intere aree del Paese, causato almeno 600 morti e migliaia di sfollati. È quanto affermano analisti ed esperti di finanza internazionali, secondo cui il dato è influenzato anche dalla crisi economia mondiale, dalle difficoltà degli Stati Uniti e dal debito dei Paesi dell’area Ue; fattori, questi, che hanno contribuito a rallentare l’export – in particolare nel settore agricolo – e determinato una crescita della disoccupazione. La Banca centrale thai abbassa le stime di crescita del Pil per il 2011, che dovrebbero attestarsi attorno al 2,6%; tuttavia, avvertono gli esperti, entro il secondo trimestre del prossimo anno la Thailandia dovrebbe tornare alla normalità.

    Le stime per il 2012 diffuse dal Dipartimento per lo sviluppo sociale e l’economia nazionale, elaborate sui dati del terzo trimestre di quest’anno, mostrano che le alluvioni hanno inciso per il 3,4% sul Prodotto interno lordo. Questo determinerà, in un’ottica annuale, una diminuzione pari all’1,9%, a dispetto delle stime iniziali che si aggiravano attorno al 2,9%. Kitirat Na-ranong, ministro del Commercio, afferma che la crescita per il 2012 si attesterà al 7%, grazie anche alle politiche governative concentrate in tre punti: aumento delle entrate, della produzione agricola, dei salari. L’esecutivo potrebbe calmierare il prezzo dei beni di prima necessità, fra cui il riso, rafforzare gli stipendi e puntare sulle esportazioni migliorando i dati a partire dal primo trimestre del prossimo anno.

    Intanto il governatore della Banca centrale di Thailandia, Prasarn Trairatvorakul, conferma la diminuzione del Pil nel quarto trimestre 2011, a causa dei danni provocati dalle alluvioni. Egli lancia un appello al governo, perché in futuro sappia rispondere meglio alle emergenze naturali e infondere nuova fiducia negli investitori esteri. L’alluvione, aggiunge, ha influito sia sulla domanda dei prodotti che sulla produzione stessa, interrotta durante il picco della crisi. Tuttavia, chiarisce il governatore, i danni sono “limitati al breve periodo e presto si assisterà a una ripresa”, soprattutto nel settore del turismo; egli fissa il calo del Pil per il quarto trimestre di quest’anno “al 2,6% rispetto alle stime precedenti del 4%”.

    Alcuni analisti thai inseriscono anche il fattore politico fra gli elementi che hanno influito sulla crescita economica. In un editoriale Olarn Sukkaseam ha sottolineato che negli ultimi anni “l’economia thai ha registrato un saldo positivo attorno al 4%”, fino al recente cambio di governo che ha determinato la sconfitta dei democratici di Abhisit e sancito l’ascesa della sorella di Thaksin Shinawatra. Egli aggiunge che i maggiori problemi sono causati dalle alluvioni e dalle “interferenze politiche” nella gestione delle risorse idriche. Per l’imprenditrice Kobkang Wattanawarangkul, titolare di un gruppo specializzato nella produzione di componenti per l’elettronica, non è ancora possibile “al momento” fare una stima precisa delle perdite causate dalle alluvioni. È essenziale, aggiunge, un rapido ritorno alla normalità produttiva, per scongiurare ulteriori “perdite negli affari”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/08/2008 NEPAL – INDIA
    Alluvioni in Nepal, 60 mila sfollati e interi raccolti distrutti
    Il Paese è in ginocchio per le piogge delle ultime settimane. All’appello mancano moltissime persone, mentre l’economia del Paese rischia il collasso. Le alluvioni hanno colpito anche la vicina India: 70 i morti accertati, ma le cifre potrebbero presto aumentare.

    10/01/2017 08:52:00 THAILANDIA
    Thailandia, alluvioni nel sud: decine di morti, oltre un milione di persone colpite

    Per il premier thai sono le “peggiori piogge degli ultimi 30 anni”. La situazione è critica in 12 province meridionali del Paese. Secondo una prima stima si parla di 420 milioni di danni complessivi. Chiusi aeroporti e linee ferroviarie, strade e ponti crollati. Persiste l’allerta meteo per i prossimi giorni.



    01/09/2008 INDIA – NEPAL – BANGLADESH
    Mezzo milione di sfollati, il Bihar sommerso dalle acque e dall’incapacità del governo
    Al confine con il Nepal si lotta contro il tempo per salvare gli sfollati. Interi villaggi sommersi; soccorsi inefficaci per la mancanza di coordinamento. Bangladesh a rischio esondazione.

    05/10/2012 THAILANDIA
    Petrolchimico di Map Ta Phut e ambiente: la nuova sfida dello sviluppo sostenibile
    Networks to change the East intende salvaguardare le economie locali e le popolazioni dalla crescita indiscriminata. Alla base l’idea di condividere problemi e soluzioni, per una reale conservazione del patrimonio. Tre le fasi di intervento: recupero, protezione e conservazione.

    04/08/2012 THAILANDIA
    Vescovi thai: dottrina sociale della Chiesa, per lo sviluppo della comunità Asean
    Entro il 2015 è prevista la piena unione doganale e la libera circolazione di lavoratori. Timori per crescenti disparità, materialismo e consumismo. Per rispondete alla crisi, i cattolici e la Caritas promuovono il valore della dignità umana e dell’individuo, in un’ottica di crescita sostenibile. Maggiore conoscenza della comunità Asean e sostegno ai valori non negoziabili.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    I nuovi leader all’Assemblea dei cattolici: dominano la vecchia guardia e i vescovi illegittimi

    Elizabeth Li

    Riconfermati Ma Yinglin e Fang Xingyao a presidenti del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica rispettivamente. Sempre esaltati i principi di indipendenza, autonomia, autogestione e sinicizzazione. Nessun “segnale positivo” come sperato dal Vaticano.


    CINA-VATICANO
    All’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi si loda “indipendenza e autonomia”

    Bernardo Cervellera

    All’incontro sarebbero presenti 59 vescovi, oltre al direttore dell’amministrazione statale per gli affari religiosi e membri del Fronte unito. I futuri cambi nella leadership del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica. Nell’osanna all’autonomia (dalla Santa Sede) un segnale non positivo. Il Global Times ribadisce le precondizioni per il dialogo. Una Chiesa di Stato. Le critiche del card. Joseph Zen e di Giustizia e Pace di Hong Kong. Una cattolica: Questa assemblea è uno schiaffo in faccia al Vaticano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®